Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

I genitori non sanno educare i figli: cosa fare

I genitori non sanno educare i figli, si sono persi i valori, l'etica, la morale e il rispetto. Gli adulti, per rimediare, devono ricostruire i principi.

Federica Federico

di Federica Federico

18 Giugno 2019

Ai genitori di oggi manca il coraggio: per questo i genitori non sanno educare i figli?

 

Il noto psichiatra Paolo Crepet intitola un suo libro “Il coraggio. Vivere, amare, educare”. Associare il termine coraggio al verbo educare non è un’occasione di mero dibattito intellettuale, oggi risponde a un’esigenza sociale: i genitori mancano di coraggio nell’educazione dei figli nella misura in cui sono sempre meno di esempio e acquisiscono sempre meno un “ruolo” educativo ripiegando su amicizia e confidenzialità, a tutto danno dell’educazione e della formazione.

 

Se gli adulti perdono di vista il coraggio, nella loro veste di mamme e papà diventeranno incapaci di assumere decisioni e prendere posizioni: questo è il ritratto dei genitori che non sanno educare, formare e orientare.

I genitori non sanno educare

I genitori non sanno educare, manca loro il coraggio per farlo.

 

Un buon genitore non è solo quello che dà, men che meno è quello che sceglie la strada più facile e breve: spesso si concede per esemplificazione perché una concessione dell’ora e adesso equivale alla quiete del momento, evita una discussione e posticipa un impegno educativo;

 

un buon genitore è quello che offre il buon esempio, ma sovente questo è difficile perché impone una personalissima messa in discussione di se stessi;

 

un buon genitore non è un amico, ma è colui che detenendo un ruolo pretende il rispetto del figlio educando, contemporaneamente, alla reciprocità affettiva in un’ottica di accoglienza, incontro e condivisione.

 

I genitori non sanno educare se disconoscono il proprio ruolo concedendo al figlio di ignorare il rispetto.

 

Un genitore non può, e forse nemmeno deve essere, inflessibile e chiuso(questa è la mia opinione di figlia, di donna, di madre, di blogger e di studentessa in scienze della formazione), nessun adulto nel rapporto con un giovane deve essere rigido. Tuttavia il genitore, come qualsiasi adulto di riferimento, deve farsi paladino di valori importanti. E questi valori vanno difesi.

 

Educare equivale anche a seminare valori e a coltivarli, troppo spesso questo principio etico si dimentica e l’educazione si trasforma in un addestramento del bambino al mondo.

 

Ragioniamo attraverso qualche esempio pratico (esempio che finirà per richiamare problematiche moderne e importanti come il bullismo):

 

    • quando un genitore moderno evoca la violenza come legittima difesa, più che educare sta istruendo il figlio ad adattarsi al mondo rispondendo al negativo col negativo;

 

    • quando un genitore non pretende dal figlio altro che la promozione, più che promuovere la crescita del ragazzo lo sta educando all’assuefazione alla mediocrità e gli sta dimostrando che la cultura non è un valore primario;

 

  • quando un genitore mente al figlio o gli nasconde le proprie debolezze, più che istruirlo alla verità emotiva e valoriale, lo sta spingendo ad alimentare l’inganno negando che la trasparenza sia una necessità e un motore della vita familiare.

 

I genitori non sanno educare i figli nella misura in cui negano loro di manifestare se stessi spontaneamente e genuinamente

 

Viviamo nella società del parallelismo, del confronto, della prepotenza come mezzo di affermazione personale e dell’apparenza. Perché ci siamo ridotti a questo?

 

Noi, così come siamo oggi, anche socialmente intesi, rappresentiamo il risultato di un processo di perdita e caduta di valori morali ed etici: perseguiamo un falso egualitarismo, figlio della massificazione in cui ci accontentiamo di somigliare al “tutti” più che di ricercare la nostra felicità.

 

E in questo la scuola è complice dei genitori: per educare un ragazzo bisogna trattarlo in modo da riconoscergli la sua unicità, cioè con rispetto dei suoi talenti e allo stesso modo dei suoi limiti.

 


Fonte immagini 123RF.com con licenza d’uso

Leggi anche

Seguici