Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

La figlia di Luis Enrique è morta, era affetta da osteosarcoma

Xana (Xanita), la figlia di Luis Enrique, ex calciatore e allenatore spagnolo, è morta all'età di 9 anni è stata vinta da un tumore osseo, un osteosarcoma.

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

30 Agosto 2019

Xana, la figlia di Luis Enrique, ex calciatore e allenatore spagnolo, è morta all’età di 9 anni dopo una lunga e dura lotta contro un osteosarcoma (un tumore delle ossa). La notizia, velocemente diffusa via social, ha letteralmente sconvolto il mondo del calcio e non può non toccare qualunque genitore.

la figlia di Luis Enrique

Addio a Xana, la figlia di Luis Enrique.

Solo pochi mesi fa il tecnico aveva lasciato la nazionale spagnola, il motivo è ora drammaticamente evidente a tutti.

Luis Enrique, chiusa la sua carriera da calciatore, non ha lasciato il campo da gioco cimentandosi in un nuovo ruolo, quello di allenatore: ha guidando Barcellona, Roma, e Celta Vigo. Nel 2018 la Spagna lo ha insignito di un ruolo importante: la guida della nazionale. Il mister, però, dopo un’ingombrante assenza da alcune partite, si è dimesso nello scorso giugno.

la figlia di Luis Enrique è morta

È morta a 9 anni la figlia di Luis Enrique, così recita il comunicato del tecnico divulgato via social sui canali ufficiali che fanno capo allo stesso ex calciatore:

Nostra figlia è deceduta oggi pomeriggio, all’età di 9 anni e dopo aver lottato intensamente per cinque mesi contro un osteosarcoma.

 

Luis Enrique e famiglia ringraziano tutti per il sostegno, la discrezione e la comprensione mostrate in questi mesi. Particolari ringraziamenti al personale degli ospedali di Sant Joan de Deu e Sant Pau, ai medici, agli infermieri e ai volontari, con una menzione speciale per l’equipe di cure di Sant Joan de Deu.

 

Ci mancherai tantissimo ma ti ricorderemo ogni giorno della nostra vita nella speranza di incontrarci di nuovo in futuro. Sarai la stella che guida la nostra famiglia. Riposa in pace Xanita“.

 

Leggi anche

Seguici