Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Strage familiare di Carignano: è morta Aurora, la gemellina

La strage familiare di Carigano lascia dietro di sè una lunghissima scia di dolore e morte: anche Aurora è tra gli angeli, la gemellina non ce l'ha fatta.

Federica Federico

di Federica Federico

12 Novembre 2020

Mamma Barbara può riabbracciare Aurora, anche l’unica sopravvissuta alla strage familiare di Carignano è morta.

 

Ne è stata dichiarata la morte cerebrale ieri sera, dopo un’attenta e lunga osservazione delle funzionalità neuronali, principiata alle 15:00 la disamina dei medici del  Regina Margherita di Torino si è conclusa con l’ammissione di quella che era già un’evidenza: la ferita alla testa, provocata dal colpo esploso dalla pistola del papà, non ha lasciato alcuno scampo ad Aurora.

 

strage familiare di Carignano

Mettendo le ali, Aurora torna tra le braccia della sua mamma angelo, laddove già riposa Alessandro, il suo gemello. 

 

Alessandro e Aurora avevano 2 anni, la strage familiare di Carignano li imprime nel  cuore di tutti noi; per sempre resterà nella memoria l’immagine, semplice e profondamente felice, di loro tra le braccia di mamma Barbara.

 

La strage familiare di Carignano lascia dietro di sè una profonda scia di sangue e dolore.

 

Potrebbe non essere facile la ricostruzione dettagliata dei fatti accaduti nella villetta del torinese, i bambini erano nei loro lettini, la morte e il dolore sono sopraggiunti nel sonno; Barbara è stata rinvenuta già cadavere, per terra sul pavimento di quella casa che nel suo cuore di donna già non era più la casa coniugale.

Ad apparire chiaro è certamente il movente: il papà killer, Alberto Accastello, mal tollerava la separazione dalla moglie che Barbara, invece, era decisa ad intraprendere.

Leggi anche

Seguici