Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Dimmi Quale Personaggio Fantastico Scegli e Ti Dirò Chi Sei

Quale Personaggio Fantastico Sei

Federica Federico

di Federica Federico

29 Maggio 2014

tes personalità

I cartoni animati che guardavamo da piccoli hanno certamente lasciato in noi un’impronta! A volte li ricordiamo con nostalgia, altre volte ci riscopriamo bambini mentre, non senza emozionarci ancora, rivediamo i vecchi episodi insieme ai nostri figli.

Ma quell’immaginario fantastico dei cartoni animati, che ancora ci colpisce, rivela delle emozioni più profonde? Rintraccia dei sentimenti più intimi?

Può un cartone animato, in ragione dell’attrattiva che suscita su di noi, suggerirci qualche cosa del nostro inconscio?

Forse sì.

Senza soffermarvi troppo a riflettere sulle storie e sulla natura dei personaggi (che probabilmente ricordate e riconoscete), provate a sceglierne istintivamente uno di questi cartoni animati e scoprite cosa si nasconde dietro la vostra preferenza.

Immagine n°1 – Memole

Chi ha scelto questo piccolo folletto è probabilmente una persona nostalgica, legata alle memorie dell’infanzia di cui ricorda teneramente la spensieratezza.

Memole è un personaggio assolutamente “fantastico”, è un folletto che “vive in un mondo di incanto”.

Chi è attratto da lei è quasi certamente affascinato dalla più pura fantasia intesa come dolcissima evasione. E’ facile che le persone attratte dalla piccolissima Memole siano candide, altruiste e sempre molto disponibili.

Ricordate: il candore è una virtù che si associa normalmente alla spontaneità e all’umiltà d’animo.

Attenzione però a non esporre troppo questi talenti personali! Il rischio è che divengano delle debolezze.

Spesso le persone non considerano con la debita attenzione la dolcezza della disponibilità, la fatica che sta dentro l’altruismo (altruismo inteso come capacità di dare senza riserve). Così sovente gli altruisti, i teneri di cuore e i buoni d’animo vengono sfruttati, oppressi e aggrediti dalla società che è all’opposto individualista e non di rado egoista.

Immagine n°2 – Sirenetta

La Sirenetta, tra i diversi personaggi variamente proposti dai cartoni animati, è uno dei modelli femminili più coraggiosi e tenaci che siano mai nati dalla fantasia umana.

Rinuncia alla sua natura, al suo mare ed alla sua coda, solo per amore. Facendolo, spingendosi fuori dalle acque, risponde ad un richiamo del tutto istintivo e segue le impronte tracciate dalle emozioni e quindi dal cuore.

Chi ha scelto la Sirenetta è probabilmente una persona passionale, istintiva e capace di osare.

Ricordate: il rischio è figlio dell’audacia, ma spesso le persone che con fierezza riescono ad osare raggiungono anche risultati importanti e soddisfacenti (ciò senza nascondere il fatto che tal volta anche gli audaci sono costretti a passare per scottanti sconfitte).

Attenzione però a ponderare i rischi!

Nella vita osare è adrenalinico, tal volta è importante se non indispensabile. Tuttavia diventa pericoloso se e quando l’individuo lo assume come un atteggiamento reiterato e comune, completamente libero da ogni ragionevole esame dei rischi.

Insomma, sebbene rischiare possa essere in certi casi giusto o proficuo, farlo alla cieca non è mai corretto; non è opportuno cioè vivere perdendo le distanze dalla giusta abitudine di operare anche un’equa valutazione razionale delle circostanze entro cui si agisce.

Immagine n°3 – Licia

Licia è l’emblema della donna che fiorisce!
Rappresenta  colei che lascia la spensieratezza dell’adolescenza e si fa carico di un amore maturo che comprende anche la cura di Andrea, il fratellino orfano di Mirko, uomo della vita di Licia.

Chi è stato attratto da Licia è probabilmente una persona molto responsabile, legata alla famiglia, teneramente innamorata dei bambini e dei propri figli.

Ricordate: nel sorriso di un bambino si nasconde tutta l’eternità perché i bambini sono il futuro. E noi genitori (o futuri genitori) di questo futuro siamo gli artefici, educando i figli infatti noi stessi incidiamo sulle sorti del mondo!

Attenzione a non rifugiarsi però nella famiglia “fingendosi” dediti e assolutamente attenti ai bisogni di essa.

La famiglia deve essere uno scopo della vita ma non deve divenire il nascondiglio, il ricovero delle insicurezze e delle paure.

Per crescere dei figli fieri e forti i genitori debbono sapersi aprire al mondo, devono avere una vita sociale e le mamme hanno il diritto (oltre che l’umano bisogno) di coltivare anche interessi altri e diversi rispetto a quelli familiari. In questo senso è giusto ricordare che il lavoro delle donne fuori dalle mura domestiche è una cosa molto importante, lo è non solo economicamente ma anche (e forse sopratutto moralmente).

Immagine n°4 – Heidi

Heidi incarna l’attaccamento alla terra e l’amore per la natura, insegna il rispetto per i cicli naturali e testimonia l’importanza del contatto intimo con gli animali, i fiori e le piante.

Questo è il personaggio di chi ama la naturalezza e la semplicità. A scegliere Heidi è probabilmente chi vuole entrare in confidenza con la natura vivendola con pienezza e sentendosi una parte di essa e dei suoi cicli.

Vivere secondo natura, avvicinarsi agli animali e lasciarsi affascinare dalla terra e dalla bellezza delle sue creature animali e vegetali è una magia che può non avere prezzo e che certamente non ha controindicazioni.

Ricordate: la natura è madre di tutte le cose e di tutti noi! Insegnare ai bambini il rispetto della natura equivale ad insegnare loro l’amore per se stessi e per il proprio futuro.

Immagine n° 5 – Lamù

Lam   rappresenta null’altro che l’ideale fantastico dell’innamoramento appassionato, coinvolgente e emozionante.
Questo personaggio “fantastico” ma dalle sembianze “quasi umane” e molto seducente. In sè somma e manifesta tutte le virtù femminili portandole sino all’eccesso (dal romanticismo alla gelosia, dall’altruismo al senso del possesso).

Chi ha scelto Lamù è probabilmente una persona appassionata alla vita, capace di grandi emozioni e di profondi coinvolgimenti sentimentali.

Ricordate: amare la vita con trasporto e lasciarsi guidare dai sentimenti significa vivere con pienezza l’aspetto emotivo dell’esistenza.

Attenzione però a non perdere di vista l’analisi critica di se stessi: è importante conoscere i propri limiti ed i propri difetti smussando gli angoli, laddove ciò è necessario!

Insomma la passione profusa nelle cose della vita significa brio e vivacità nel limite in cui non divenga la scusante per atteggiamenti sociali sconvenienti o intollerabili (per esempio un po’ di gelosia fa bene mentre troppa gelosia soffoca qualunque rapporto affettivo).

Immagine n° 6 – Occhi di Gatto

Chi ha scelto questa immagine è probabilmente contornato da figure affettive di riferimento molto salde e ad esse forse tiene in maniera particolare.

Le persone attratte da queste sorelle belle, sensuali e astute, probabilmente hanno a loro volta sorelle, amiche o cugine con cui negli anni hanno stretto rapporti di grande confidenza e intimità.

Potrebbe anche darsi il caso, però, che la scelta dipenda, all’opposto, da un’estrema solitudine e quindi dal fortissimo desiderio di condividere intimamente la propria vita con qualche persona amata e fidata.

Ricordate: l’amicizia serve a dividere i pesi della vita e a condividere le gioie. E con gli amici i primi, i pesi, si alleggeriscono, le seconde, le gioie, si moltiplicano.

Attenzione: se vi sentite soli non abbiate mai paura di chiedere aiuto ad un amico; per colmare la solitudine del cuore l’affetto è la migliore medicina.

 

Attenzione, nota per il lettore:

il gioco qui proposto, fondato sulla impressione visiva delle immagini, ha un mero scopo ludico e non ha alcun fondamento scientifico né può sostituire una qualsivoglia analisi psicologica del soggetto .

Leggi anche

Seguici