Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come Essere Felici con se Stessi: Ritornare Bambini per Sentirsi Meglio

Un esercizio utile per tutti.

Gioela Saga

di Gioela Saga

31 Marzo 2015

Come essere felici con se stessi? Se vi state ponendo questa domanda pensate che c’è un ruolo che ognuno di noi ha ricoperto nella vita, senza distinzioni: siamo stati tutti bambini.

Ritrovare un po’ di quel fanciullino, per dirla come Pascoli, è senza dubbio molto rigenerante e liberatorio. Può rappresentare un modo per comprendere come essere felici con se stessi?

Come essere felici con se stessi: ritornare bambini per sentirsi più liberi e vivi

tornare bambini

La vita ci costringe più o meno rapidamente a perdere questa nostra spontaneità e innocenza per rinchiuderla in un guscio abbastanza sterile ed asettico.

Se la maturazione fisiologica non è certo un male, non lo è neppure concedersi, di tanto in tanto, maggiore libertà e un’espansione altrettanto fisiologica della nostra coscienza.

Inoltre alcune abitudini sane potrebbero rientrare nella nostra quotidianità favorendo noi e chi ci circonda, ad esempio prendendoci e giuste e meritate pause con una sana merenda pomeridiana o di metà mattina! Ci scopriremo inaspettatamente più gioviali ed energici!

Se siamo genitori, impariamo ad osservare e a metterci in ascolto dei bambini per disseppellire quella parte di noi che abbiamo accantonato e rimetterci in gioco nel vero senso della parola: una bella corsa con i nostri figli, una caccia al tesoro o una bella sfida a nascondino!

Perché no potrebbe essere l’occasione anche per un pomeriggio all’aria aperta che non fa bene solo ai bambini ma ci regala tanto ottimismo grazie alla serotonina che beneficia della luce del sole. Non dimentichiamoci pattini e bicicletta che possono regalarci ore di moto spensierato.

Liberiamo le ali della fantasia in tanti momenti di bricolage da sole o con i bimbi: non importa il risultato ma l’atto in sé di poter creare, liberi da vincoli e resa lavorativa in momenti di spensieratezza.

il benessere tornando un po' bambini

Il disegno, soprattutto, può dar libero sfogo al nostro nervosismo o ad alcune frustrazioni. Non importa se e quanto siamo bravi a disegnare ma l’espressione di sé, proprio come fanno i bambini. Negli anni ci siamo caricati di inibizioni che ci hanno allontanati da queste forme espressive.

Concediamoci poi ogni tanto di non guardare l’orologio, di perdere i nostri sguardi nella natura dei paesaggi o nelle piccole cose come un curioso formicaio, per partire per viaggi e sogni fantastici.

Diamo tempo alle amicizie, non consideriamolo “tempo perso” ma usato anche per ritrovare noi stessi.

Sfogliamo anche dei libri per bambini che ci stimolano semplicemente con delle immagini elementari che possiamo poi elaborare in modo più fantasioso.

Non dimentichiamo infine che il sonno è un bene prezioso e la sua mancanza ostacola fortemente tutte le altre attività. Fare qualche ora di sonno in più ottimizza il tempo e lo fa fruttare in modo esponenziale! Chi è fortunata e può farlo, si conceda anche un riposino pomeridiano se sente che il corpo lo reclama!

Insomma, come sempre, abbiamo molto da imparare o da rimparare dai bambini! Perciò alla domanda: “Come essere felici con se stessi” rispondiamo osservando i bambini!

Leggi anche

Seguici