Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Cosa Fare se il Bambino Dice Parolacce

Come intervenire se nostro figlio dice le parolacce.

Gioela Saga

di Gioela Saga

13 Marzo 2015

bambini che dicono le parolacce

L’argomento parolacce, per certi genitori, è una ferita aperta che spesso non si riesce a gestire o a rimarginare adeguatamente.

Spesso non si sa quando il bambino abbia iniziato a dirle, la maggior parte delle volte se ne viene a conoscenza attraverso gli altri. E’ la maestra che ce lo segnala o qualche altra mamma.

Molte volte il bambino sa perfettamente che non deve dire alcune parole ma, una volta fuori controllo diretto, per sentirsi parte del gruppo o per sentirsene al vertice, si esibisce in un linguaggio poco consono.

Non sempre però è così.

cosa fare se il bambino dice parolacce

In altre situazioni, il bambino usa la parolaccia come segnale per farsi notare anche davanti a noi, oppure per cercare di capire effettivamente quali siano i limiti che gli vengono imposti, o semplicemente per sentirsi “grande”.

In un frangente o in un altro, è bene sottolineare che bisogna far notare la “trasgressione”, senza farne un dramma ma mettendo in chiaro che si può benissimo fare a meno di certe parole che danno un’immagine assolutamente sbagliata e brutta di noi.

La cosa più sbagliata è comunque lasciar correre o addirittura riderne compiaciuti, soprattutto quando sono i più piccoli a farlo e possono sembrare buffi per qualcuno.

Possiamo condividere con lui i nostri sforzi, dicendogli che noi per primi cerchiamo di non farlo e cerchiamo alternative più corrette per sbollire la tensione, la rabbia o magari per risultare simpatici agli altri.

E’ chiaro che l’esempio gioca sempre un ruolo fondamentale e non possiamo pretendere che lui non le dica se il nostro linguaggio è infarcito e colorito di parolacce!

Ci sono genitori che pensano che il solo fatto di dire che “solo i grandi” possono usarle possa essere sufficiente ma non lo è!

Normalmente serve solo ad istigarli ancora di più a usare quel linguaggio proibito riservato ad una “casta” speciale.

Vi sono poi alternative alle parolacce da poter suggerire o in alcuni casi altri atteggiamenti da poter adottare anche per i casi più ostinati, potete approfondire la tematica in questo articolo.

Fonte: Deabyday

Leggi anche

Seguici