Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Edinson Cavani e Maria Soledad Cabris: un Assegno da 25 Mila Euro al Mese

La fine "più che triste" di un amore

Federica Federico

di Federica Federico

18 Ottobre 2014

Edinson Cavani e Maria Soledad Cabris: un Assegno da 25 Mila Euro al Mese

Questi due giovani sembravano il ritratto della gioia di vivere, dell’amore e della fortuna; l’idillio, però, si è inaspettatamente rotto.

Poco prima della nascita del loro secondo genito, Lucas Cavani, Maria Soledad, incinta, lontana dal marito ed in procinto di partorire si ritrovò d’improvviso sola: Edison Cavani, il calciatore osannato a Napoli, quando ancora militava nella squadra partenopea, lasciò sua moglie.
Stando ai rumors (poi confermati dagli eventi e ora anche dalle dichiarazioni dell’ex moglie) il bomber napoletano era già sentimentalmente legato ad un’altra donna.

A distanza di diversi mesi la parola fine è stata siglata anche dalla giustizia: pochi giorni fa, Maria ed Edinson si sono incontrati presso il Palazzo di Giustizia di Napoli, accompagnati dai rispettivi collegi difensivi.

Dinnanzi al giudice è stato siglato l’accordo che ha concluso consensualmente il processo di separazione.

Maria Soledad ha ottenuto 25mila euro al mese per il mantenimento dei figli ed una buonuscita per sé e per i suoi bambini. All’ex moglie di Cavani, a titolo di buona uscita, è andato l’intero patrimonio immobiliare che l’attaccante possiede in Uruguay.

C’è un retroscena che Maria Soledad ha rivelato al giornale “Il Mattino” e si tratta di un particolare che certamente fa riflettere, ecco cosa si legge sulla pagina web de “Il Mattino”:

“Non mi fido di quell’uomo”.
“Vi fidereste di un marito che lascia una moglie a pochi giorni dal parto, dopo averla tradita, mandandole una mail, per giunta il giorno di Natale?”, queste le dichiarazioni dell’ex moglie di Cavani.

edinson cavani

Non c’è dubbio che il coinvolgimento che le donne hanno, per ruolo e per natura, nella costruzione della famiglia è enorme: è nostro il corpo che cambia, è nostra la partecipazione alla vita del bambino ed è nostro l’impegno maggiore nel seguire il piccolo nato; siamo noi mamma, nei primi anni di vita, il punto di riferimento principale dei bambini.

La donna è anche colei che, comunemente, nelle separazioni resta più legata alla casa ed alla cura dei figli, è colei che si fa carico di rappresentare nel quotidiano il “genitore” considerato in senso ampio; i papà separati non sempre hanno modo di partecipare con costanza e continuità alla vita dei figli.

In rapporto ai guadagni dell’ex marito, Maria Soledad si accontentata di poco! Probabilmente lo ha fatto perché, come lei stessa ha detto, ha preferito tutelare la pace familiare. Ovvio è che laddove la posizione economica è consolidata anche un addio “consensuale” è più semplice!

Leggi anche

Seguici