Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bambini Ingestione Corpi Estranei

Quali sono i motivi per cui i bambini sono attirati dalle pile a bottone.

Giuseppe Gagliano

di Giuseppe Gagliano

19 Marzo 2015

Bambini ingestione corpi estranei – affrontando questo argomento diciamo subito che le batterie a “bottone” sembrano essere proprio tra i preferiti dai bambini da essere ingerite: sono oggetti piccoli ma molto pericolosi!

Cosa porta un bambino ad ingerire una batteria a “bottone”? È la stessa domanda che ci si poneva, fino a  vent’anni fa riguardo ai bottoni e alle biglie.

bambini ingestione corpi estranei, batteri a bottone

 

Bambini ingestione corpi estranei – quando il bambino ingoia una batteria a bottone o un oggetto di forma circolare, aspetto psicologico e prevenzione:

Sembrerebbe che la forma circolare attiri l’attenzione dei bambini allo stesso modo dei colori di un oggetto. I rischi che questi oggetti determinano sono, sicuramente nella loro dimensione, abbastanza piccola da passare attraverso la bocca nell’esofago ma non nella trachea, ostruendo il passaggio dell’aria.

Le batterie, però, hanno anche altre prerogative di pericolosità nella loro composizione chimica interna e in quella che la carica elettrica provoca a contatto con la mucosa. Infatti, oltre all’avvelenamento chimico, possono esserci delle micro lesioni provocate dai piccoli corto circuiti che si innescano quando i liquidi corporei mettono in contatto i due poli.

Analizziamo le due componenti.

Un oggetto qualsiasi, se arriva allo stomaco, è capace di passare anche oltre, purché la digestione di esso non comporti avvelenamento immediato, e questo è il caso di pillole e medicinali, detersivi e solventi. Anche le monetine di rame potrebbe ossidarsi velocemente in presenza di alcuni cibi come il pomodoro e creare intossicazioni da ossido di rame.

Nel caso di un bottone, qualora non si fermi in trachea per cui sarebbe necessario un tempestivo intervanto di disostruzione per evitare il soffocamento, una volta arrivato allo stomaco, passerà nei tempi dovuti all’intestino per essere espulso per vie naturali.

Inizialmente, rispetto al tema bambini ingestione corpi estranei  ci eravamo posti un quesito: perché questi oggetti (batteria a bottone e oggetti circolari) attirano l’attenzione dei bambini?

I piccoli sono attratti dalle forme armoniche e definite nonché dai colori vivaci o metallici per l’effetto luce che riflettono.

Un cerchio è una forma armonica come anche una sfera e il fatto che un cerchio sia una successione di punti che possono ricominciare da dove sono partiti nello stesso modo in cui si lascia scivolare un dito sull’orlo del bicchiere. Sembra una formula matematica ma il bambino è come ipnotizzato da forme nelle quali lascia scorrere lo sguardo.

Inconsciamente segue la traiettoria del bordo di un oggetto rotondo e vi gira attorno senza riuscire ad uscirne perché non trova il punto finale.

A questo punto entra in gioco il bisogno di possedere questo oggettino affascinante e l’unico modo per possedere che conosce un bimbo è quello di introiettarlo in se per l’unico modo che conosce: mangiarlo, o meglio, succhiarlo.

Lo mette in bocca con il preciso scopo di ingoiarlo in modo da essere un tutt’uno con l’oggetto dei suoi desideri allo stesso modo con cui ambisce alla mamma attraverso il suo seno.

Cosa si può fare per evitare che succeda?

Sicuramente l’attenzione è il primo ostacolo che i grandi possono mettere tra bambini e oggetti. Non lasciare incustoditi oggetti di questo genere ma soprattutto oggetti che li contengono come orologi e sveglie che, a volte, si danno in mano al bambino, pensando di tranquillizzarlo o incuriosirlo per il loro tic tac.

Sicuramente i piccoli hanno una spiccata attitudine ad aprire e rompere gli oggetti più grandi, non certo per il gusto dell’esplorazione, che si svilupperà più tardi, ma per il bisogno di ridurre in pezzi più piccoli da poter mettere in bocca. Spesso li rompono coi dentini e ingoiarli può essere poi accidentale.

bambini ingestione corpi estranei

Altro modo per allontanarli da questi pericoli è quello, più sicuro, di isolare i piccoli che devono stare qualche minuto da soli, in un box o uno spazio circoscritto da cuscini se non gattonano ancora, impegnandolo con giochi di peluches o di gomma, molto grandi, che infondono sicurezza e, a tal riguardo, bisogna fare attenzione ai giochi non a norma.

Facciamo attenzione agli oggetti che arrivano ai nostri bambini come regali di amici e parenti, sicuramente in buona fede, controllando che gli abitacoli delle batterie siano sicuri, protetti da chiusure di sicurezza ed avvitati in modo sicuro.

Anche in questo caso però, meritano un continuo controllo da parte dei genitori che si accerteranno, prima di riporli, anche con un sommario sguardo, che siano integri.

 

Potrebbe interessarti anche: Batterie pericolose per i bambini

Qui di seguito vi proponiamo uno dei video sulla disostruzione pediatrica che Vita da mamma ha realizzato grazie alla collaborazione degli Istruttori della Croce Rossa Italiana (Comitato Locale di Portici), con la partnership della DeAgostini.

Leggi anche

Seguici