Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Dieta abbronzante: cosa mangiare per preparare la pelle all’abbronzatura

DottAntonio

di Dott. Antonio Cretella

19 Aprile 2011

 

Le vacanze, soprattutto quelle estive, possono essere  anche l’occasione per intraprendere delle abitudini di vita più sane, dedicandosi all’attività fisica e adottando un’alimentazione bilanciata e nutriente.

La dieta, in particolare, riveste un ruolo fondamentale nel mantenere la nostra pelle più giovane ed elastica, ma non solo. All’esposizione dei  primi raggi di sole, dopo un inverno freddo e piovoso, è importante presentarsi preparati nutrendo il nostro organismo con cibi ricchi di antiossidanti e vitamine preziose per aumentare le difese della pelle, difendere la salute dei capelli e delle unghie oltre che per abbronzarsi in maniera naturale.

Ricordiamoci quindi che anche l’abbronzatura inizia a tavola, infatti un’alimentazione mirata è in grado di favorire la pigmentazione della pelle e prevenire l’invecchiamento precoce.

La regola di base è quella di fare scorta di frutta e verdure fresche, bere molto, eliminare gli alimenti ricchi di sodio e i condimenti pesanti. In effetti la frutta e gli ortaggi sono ricchi di betacarotene, precursore della vitamina A in grado di stimolare la formazione di melanina e favorire cosi l’abbronzatura. I cibi più ricchi di tale sostanza sono: carote, peperoni, pomodori, prezzemolo, albicocche e melone. La vitamina A è importante  dunque perché protegge e rigenera al pelle, cosi come la vitamina E che ritroviamo nell’olio extra vergine d’oliva, importantissima nel ritardare il processo di invecchiamento e disidratazione delle cellule. Per ultima, ma non per importanza, è da ricordarsi di soddisfare sempre il fabbisogno di vitamina C mediante il consumo di frutta, in particolare per la sua capacità di migliorare la circolazione cutanea.

Ricordiamoci sempre di limitare il consumo di zuccheri semplici, privilegiando i carboidrati complessi di pasta, riso e pane alternati al consumo di legumi e cereali.

Carne bianca e pesce, almeno 2 volte a settimana devono alternarsi al consumo di uova e formaggi, poiché garantiscono l’apporto ideale di vitamina B2 e vitamina D. Quest’ultima è fondamentale nel garantire l’assorbimento di calcio intestinale e quindi la sua concentrazione nel sangue. Infatti, tale vitamina con un’alimentazione equilibrata andrebbe a sommarsi con quella che il nostro organismo è in grado di produrre autonomamente, quando ci esponiamo ai raggi del sole per abbronzarci.

Ricordate inoltre che con il caldo è ancora più importante idratarsi costantemente, poiché le perdite di liquidi saranno maggiori a causa della sudorazione. Bevete quindi almeno 2lt di acqua al giorno, magari reintegrate i sali minerali persi con integratori idrosalini. Quando siete fuori casa, preferite spremute di frutta fresca senza aggiunta di zuccheri, evitando gli alcolici e bibite gassate.

In fine evitate pasti troppo ricchi ed elaborati, meglio fare piccoli pasti 4 – 5 ,che prolungare il digiuno per poi fare un’unica abbuffata, soprattutto se di sera.

Buona abbronzatura a tutti

Leggi anche

Seguici