Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Ansia da traffico, colpisce gli uomini più delle donne

di Dott. Giuliano Gaglione

07 Giugno 2011

Uomo al volante, stress costante.E’ proprio il caso di dirlo! Quando di primo mattino o ad orario di punta ci si ritrova circondati da automobili ferme, sono gli uomini che avvertono un desiderio sfrenato di procurarsi una bacchetta magica per far si che tutte quelle auto spariscano di colpo e partire spediti verso la meta che sembra quasi un miraggio.

Orchestre di clacson, imprecazioni, fari che lampeggiano ad intermittenza per incentivare il passo della vettura che è davanti,  occhio puntato sull’orologio per vedere quanto tempo si stia sprecando: tutte queste situazioni non giovano affatto alla salute degli automobilisti.

In una ricerca effettuata dall’ ICM Research e Tom Tom, si è riscontrato che il traffico è causa di stress e rabbia ed i primi sintomi di queste condizioni, ovvero vertigini, difficoltà respiratoria, spasmi addominali, aumento della pressione sanguigna e del tasso degli zuccheri nel sangue, nonché la diminuzione del sistema immunitario, si manifesterebbero sin dai primi 20 minuti in cui l’automobilista è esposto a tale situazione stressogena.

La suddetta indagine ha campionato 9865 persone tra i 18 e i 64 anni in 11 paesi europei, di cui 1002 soggetti erano italiani: si è riscontrato che le guidatrici riescono a controllare il proprio nervosismo in misura maggiore rispetto agli uomini i quali risultano stressati 7 volte di più rispetto al gentil sesso.

Le cause della rabbia derivata dal traffico potrebbero essere per il 15% la sensazione di non capire cosa ci sia “a monte” della fila di automobili mentre il 9% lamenta lo spreco di carburante che si consuma pur non stando in movimento, infine il 50% si altera in quanto sente di star perdendo tempo circondato da altre vetture.

Inoltre il 27% del campione di riferimento considera il traffico più stressante di una seduta dal dentista, il 14%  reputa che gli ingorghi provochino più “pesantezza” rispetto al rientro al lavoro dopo le vacanze ed il 2% equipara la tensione di un imbottigliamento a quella che si prova mentre si assiste alle finali dei Mondiali di calcio.

In conclusione si è riscontrato che esistono dei rimedi utili per scaricare questo nervosismo, il più gettonato è il canto, in particolare è stata stilata la seguente classifica dei brani maggiormente cantati mentre si è in coda:

  1. I want to break free – Queen
  2. Take it easy – Eagles
  3. Highway to hell – AC/DC
  4. Drive my car – Beatles
  5. On the road again – Willie Nelson

 

Mi sembra pleonastico affermarlo, ma la prima cosa che bisogna raccomandare agli automobilisti, me compreso, è la prudenza; un rimprovero o un’”occhiata storta”, ma anche un licenziamento a causa di un ritardo sono nulla rispetto ai rischi che si corrono spingendo esageratamente il pedale dell’acceleratore o compiendo manovre poco prudenti.

L’ideale sarebbe svegliarsi un po’ prima, giusto per recuperare un tempo “destinato” agli inconvenienti tipo traffico, tuttavia, almeno per quanto mi riguarda le braccia di Morfeo sono talmente accoglienti che molte volte mi faccio cullare amabilmente da loro, rischiando di ritrovarmi circondato da automobili che intonano una “melodiosa sinfonia”con i loro clacson.

 

 

 

 

Leggi anche

Seguici