Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Mamma Racconta il Lato Oscuro della Maternità

Una mamma mostra le smagliature al mondo intero attraverso i social e racconta ciò che gli altri evitano: il lato oscuro della maternità e della gravidanza.

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

26 Gennaio 2017

La gravidanza prima e la maternità poi vengono descritte come dei momenti magici durante i quali a prevalere sono solo ed esclusivamente l’amore, la felicità e la gioia.

 

La nascita di un bambino è il miracolo della vita che si compie, un evento straordinario che trasforma una donna in una mamma, un uomo in un papà ed una coppia in una vera e propria famiglia.

 

Un’equazione d’amore che si mostra alquanto semplice fin quando questa enorme bolla tutta rosa non viene “contaminata” da altri sentimenti, quelli che rappresentano il lato oscuro della maternità.

Mamma mostra le sue smagliature e descrive il lato oscuro della maternità.

Mamme Raccontano il Lato Oscuro della Maternità

Sono poche le donne che parlano del lato oscuro della maternità, dei sentimenti non propriamente felici che provano nel periodo post parto e che spesso vengono associati ad uno stato depressivo che ancora oggi, nonostante vi siano molte più possibilità per raccogliere informazioni, non viene riconosciuto da tutti, in particolar modo dalle mamme.

A spingerle al silenzio è quella costante ed insistente sensazione che le fa sentire inadeguate ed in colpa perché non in grado di cogliere tutta la magia del momento.

<<Vorrei aver saputo che vi è più di un semplice sentimento d’amore quando si ha il proprio bambino, ci sono un sacco di altri sentimenti quando si entra in maternità. Quando ho avuto i miei bambini mi sentivo così in colpa perché provavo altri sentimenti oltre l’amore. Avrei voluto sapere che tutti i sentimenti che provavo in quei momenti erano ugualmente giusti!>>.

Queste le parole scritte da Alexandra Kilmurray, una giovane mamma che mostra le sue smagliature e parla del lato oscuro della maternità attraverso un post pubblicato sul suo profilo instagram lo scorso 12 gennaio, parole che hanno ispirato tante altre mamme a descrivere i loro sentimenti “sbagliati”.

 

 

 

Una foto pubblicata da Alexandra Kilmurray (@alexandrabrea_) in data:

 

 

Nel suo post Alexandra racconta di aver impiegato ben 18 mesi prima di decidere di postare la foto in cui mostra le sue smagliature, prima di riuscire a sentirsi finalmente bella nella sua nuova veste di mamma.

<<Nessuno ti mette in guardia sul lato oscuro della maternità e della gravidanza.. nessuno ti parla del cambiamento fisico e mentale dopo esser diventata una madre. È stata una lunga e difficile cavalcata post-partum per me>>.

Mamma di due bambini, uno di 18 mesi e l’altro di 5, mostra le sue smagliature e parla del lato oscuro della maternità affinché altre mamme possano prendere coraggio e non vergognarsi di ciò che provano o hanno provato nel periodo successivo la nascita dei loro figli.  

 

 

Alexandra fa un applauso pubblico a tutte le mamme che oggi combattono contro la depressione post-partum e che stringono i denti per i loro bambini.

Applaude alle donne che piangono osservando il loro corpo cambiato in modo così radicale da non riuscire a riconoscersi.

Applaude a coloro che fanno il tifo per la maternità perché consapevoli che tutto ciò presto passerà e che le cose per loro andranno meglio.

Un messaggio di speranza per coloro che si sono ritrovate inaspettatamente travolte da quei sentimenti che costituiscono il lato oscuro della maternità, un’ispirazione per coloro che fino ad oggi non trovavano il coraggio di raccontarsi.

Proprio come Stella Gomez che, seguendo l’esempio di Alexandra, ha postato a sua volta una foto del suo ventre non proprio perfetto.

<<Questa è molto più di una foto e questi segni vanno più in profondità di quanto si pensi. Si tratta di adattarsi ad un nuovo ruolo, si tratta di capire come allevare un bambino, come fare tutte queste cose che non hai mai fatto prima. Di comprendere come essere una nuova mamma senza piangere ogni secondo perché non riesci a capire perché il tuo bambino piange>>.

 

Una foto pubblicata da Stella (@stellaaamarie) in data:

 

 

 

Anche il post di Stella vuole essere un incoraggiamento per tutte quelle mamme che non riescono a sentirsi libere di poter parlare delle loro paure e delle loro ansie, qualunque esse siano, perché altri sono convinti che il lato oscuro della maternità non esista.

<<Questa è la maternità: il buono, il brutto e il cattivo>>.

Non è una sola singola bolla rosa dentro la quale galleggiano milioni di cuoricini, sono tanti i colori delle mamme, ognuna ha una diversa sfumatura che la rende unica al mondo, bella, dolce e vera agli occhi dei propri figli.

 

 

Fonte: Huffington Post

 

Leggi anche

Seguici