Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Nascita e relazione mamma bambino: bonding

Daniela

di Mamma Daniela

27 Giugno 2010

Madre + Bambino =  Bonding

Bonding è un termine inglese che indica l’iniziale  intimo contatto che si stabilisce tra il bambino e i genitori.
Il bonding si instaura al momento della nascita, ma deriva dalla gravidanza nel corso della quale cresce piano piano, infatti esso  inizia nella madre già durante i nove mesi. Ed è questo legame intenso che permette di giocare con il proprio bambino, proteggerlo, svegliarsi nel mezzo della notte per nutrirlo e non trascurarlo.

Come si instaura il bonding?

L’ascolto dei movimenti fetali, la voce, il canto e le carezze sono naturali ed istintive forme di contatto che sin dalla gestazione creano un dialogo precoce tra mamma e bambino, questo linguaggio dei sensi  favorirà l’avvio della relazione anche dopo la nascita.
E gli elementi che compongono il Bonding fondano proprio sulle percezioni sensoriali (i 5 sensi):
Il Contatto – attraverso il massaggio  infantile e le carezze viene stimolato il bonding , garantendo così  un buon sviluppo della interazione madre – figlio.
L’ Odore –  la mamma e il bambino si riconoscono dall’odore.
La Voce –  il bambino riconosce la voce della madre e la madre riconosce il pianto del suo bambino.
L’ Allattamento– con l’allattamento il bambino aumenta le difese immunitarie e nella mamma vi è un aumento di ossitocina, l’ormone dell’amore e della prolattina, che favorisce la produzione del latte materno.
Lo Sguardo– la vista  di un neonato non va oltre i 30 cm,esattamente la distanza tra un bimbo in braccio e il viso della sua mamma.

Subito dopo la nascita il bambino immaginario viene sostituito da quello reale ed è in quel momento che la madre riconosce il  figlio come suo, tutto questo da’ inizio ad una fase di attaccamento.
Si crea un legame talmente forte che ,se solido e sicuro,influirà positivamente  nello sviluppo del bambino, rendendolo nel tempo una persona equilibrata, sana,ben  inserito nella società; al contrario i genitori problematici o soprafatti dalle difficoltà non riescono ad instaurare una relazione positiva con il proprio figlio. Questa situazione di instabilità emotiva ricadrà sul bambino,che diventerà aggressivo o chiuso in sé stesso,sempre alla ricerca di qualcosa di cui sente la mancanza.

Il bonding quindi si basa sulla reciprocità genitore-bambino.
La sensazione di sicurezza, che porta l’uomo a diventare più intrepido nelle sue scelte, è un eredità della prima infanzia e del bonding: i bambini sono pronti ad affrontare situazioni nuove o rischiose se incoraggiati dalla carezza,e dall’amore materno. Ed è proprio il sano attaccamento alla madre,  a far scattare nell’uomo adulto la sensazione di sicurezza nel compiere scelte difficili.
Alcuni genitori  sentono un attaccamento intenso sin dai primi minuti dopo la nascita del loro bambino, per altri ci vuole più tempo. Ma il Bonding è un processo, non qualcosa che si svolge in pochi minuti,infatti per alcuni, questo legame è il prodotto delle attenzioni di  tutti i giorni.
Una madre  può anche non rendersene conto, fino a quando vedrà il primo sorriso del suo bambino e improvvisamente capirà di essere piena di amore e di gioia,un legame affettivo che durerà per tutta la vita.

Leggi anche

Seguici