Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Area C Milano ecopass

Simona

di Mamma Simona

09 Gennaio 2012

Milano: Area CArea C milano ecopass

 Con oltre 700mila lettere indirizzate alle famiglie milanesi, il sindaco Pisapia annuncia e spiega la neo-nascita dell’Area C che sostituisce il vecchio metodo Ecopass, non più attivo dal 1° gennaio 2012, che regolava la viabilità e l’accesso delle autovetture nell’area centrale di Milano.

Se dal 1° gennaio al 15, i veicoli privati e commerciali non saranno sottoposti a provvedimenti, in virtù di un “passaggio di testimone”, dal 16 gennaio 2012 entra in vigore, in via sperimentale per 18 mesi durante i giorni feriali, ovvero dal lunedì al venerdì per un lasso di tempo giornaliero che va dalle 7,30 alle 19,30 la Congestion Charge dell’Area C che regola l’accesso all’interno della cerchia dei Bastioni (zona centrale della città).

Con la Congestion Charge Area C viene imposto un pedaggio per tutti i veicoli, siano essi commerciali o privati, indipendentemente dalla classe di emissioni di gas di scarico dei mezzi.

Lunedì 9 gennaio parte il progetto di una serie di incontri (uno per zona) con i cittadini, in cui interverranno assessori e consiglieri comunali per spiegare a tutti i cittadini che vorranno intervenire il nuovo provvedimento.Area C milano ecopass

Presso il sito www.areac.it, dal 16 gennaio al 16 marzo, è possibile provvedere alla registrazione dei cittadini, residenti o domiciliati con box di pertinenza all’interno della Cerchia dei Bastioni, per regolarizzare la propria posizione e usufruire di tariffe agevolate (40 accessi annui gratuiti, dal 41esimo pagamento del ticket a 2 euro contro i 5 euro di norma).
Nella lettera ai milanesi, Pisapia fonda le ragioni del provvedimento su quanto espresso col referendum del 12 e 13 giugno 2011 dai cittadini che hanno votato per il “SI” (79,1%) al testo del primo quesito, che prevedeva l’ampliamento a tutti i veicoli dell’accesso tramite pedaggio al centro storico, nonché il potenziamento del trasporto pubblico e la mobilità pulita alternativa all’auto, allargando l’estensione dell’area interessata fino alla cerchia filoferroviaria.

Lo scopo di tali cambiamenti è quello di limitare le emissioni di gas inquinantitramite la diminuzione del traffico.

Facendo un bilancio dell’efficacia dell’ Ecopass negli ultimi tempi del 2011, i dati suggeriscono il fallimento del progetto: ogni giorno, all’interno della Cerchia dei Bastioni,transitavano circa 65mila macchine, di cui solo 7mila paganti e ben 58mila “gratis” in quanto non appartenenti a categorie più inquinanti. Quindi il deterrente del pedaggio aveva una valenza limitata. Con l’Area C, le auto paganti dovrebbero essere 56mila mentre 5mila (elettriche, ibride e a gpl) avranno l’accesso gratis e a 3mila sarà vietato l’ingresso; i numeri stimati sono crescenti in base alle registrazioni dell’aumento di ingressi.

Area C milano ecopassIn “soldoni” le auto soggette al pagamento di ticket passeranno dal 12 al 92%. Di questo 92% una buona parte rinuncerà all’accesso, preferendo mezzi alternativi (pubblici) con la conseguente diminuzione di gas inquinanti in città.

I proventi derivanti dai pedaggi dell’Area C saranno investiti nella mobilità dolce: piste ciclabili, zone pedonali, potenziamento del trasporto pubblico.

La lettera contiene informazioni circa la funzione del provvedimento: giorni, orari, divieti, accessi a pagamento e liberi, agevolazioni dei residenti.
I modelli su cui è stato studiato il Congestion Charge sono quelli di Londra e Stoccolma, ormai rodati da anni e che hanno contribuito al miglioramento della qualità di vita dei cittadini.
Affinché il provvedimento venga rispettato, verranno posizionati cordoli e telecamere a protezione delle corsie preferenziali per permettere ai mezzi pubblici di viaggiare più velocemente in città. I primi lavori di potenziamento partono a gennaio e si concluderanno ad aprile 2012.
ecopas comune milano 500 parcometri saranno presenti nelle strade della città. L’acquisto del ticket è progettato a fronte di pagamento tramite Bancomat, carta di credito e moneta. L’abilitazione alla rivendite autorizzate presso tabaccherie, edicole e ATM point è predisposta; ma il ticket sarà anche acquistabile on line sul sito web Area C, al call center 800.437.437, agli sportelli Bancomat di Intesa-San Paolo, oppure tramite RID bancario. Il pagamento può essere effettuato fino alla mezzanotte del giorno successivo all’accesso.
Divieti di accesso: i veicoli diesel Euro 0,1,2,3; i veicoli a benzina Euro 0; Area C milano ecopassi veicoli oltre i 7 metri di lunghezza hanno divieto assoluto di accesso alla cerchia dei Bastioni.
Tariffe: è previsto un ticket di 5 euro giornaliero, per tutti i veicoli. Per i mezzi di servizio, il ticket costerà 3 euro o in alternativa 5 euro compresa la sosta gratuita nelle aree delimitate da strisce blu per 2 ore. I residenti o coloro che possiedono un box all’interno della Cerchia dei Bastioni godono, previa iscrizione al sito, dell’accesso gratuito per i primi 40 passaggi, dal 41esimo pagano una quota agevolata di 2 euro a ticket. Il ticket permette di entrare e uscire dai bastioni durante tutta la giornata “pagata”.
Per ulteriori informazioni: tel 020202 oppure www.areac.it  o ancora  Comune di Milano Area C

Leggi anche

Seguici