Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Funghi ai piedi: cosa sono, come si riconoscono e come si curano

Federica Federico

di Federica Federico

22 Luglio 2010

D’estate i bimbi amano liberarsi delle scarpe e spesso camminano a piedi nudi. Lo fanno tra la sabbia e le pietre della spiaggia, sul bordo piscina e a volte nelle docce degli stabilimenti balneari e degli alberghi.
È bene sapere, senza allarmismi ed ansie inutili, che le avventure a piedi nudi dei nostri piccolini in luoghi caldi ed umidi possono provocare infezioni fungine.

Cosa sono i funghi ai piediPerché ne sentiamo parlare più spesso d’estate?

I funghi ai piedi sono micosi cutanee superficiali , in pratica delle infezioni. Ne sono responsabili microscopici organismi parassiti; in estate aumenta il rischio di contrarre una infezione da fungo  perché i parassiti proliferano bene in condizioni di caldo ed umidità.
Ecco perché i piccoli camminatori d’estate hanno più probabilità di “inciampare” in questo fastidioso disturbo.

Il fungo non ha nessuna ripercussione sullo stato di salute generale del bambino è un’infezione che resta localizzata, ha una bassa contagiosità ed in genere si risolve semplicemente e senza strascichi.

Malgrado sia una patologia semplice, resta, però, un disturbo assai fastidioso.

Quale è la sintomatologia da fungo ed  in che modo va curata l‘infezione?

La zona infettata dal fungo si infiamma e l’infiammazione provoca pruriti intensi e bruciore, tal volta associato ad un odore sgradevole.
Il fungo si tratta con una pomata antimicotica per uso topico, in genere si pratica una applicazione al giorno per tre settimane.
In caso di recidiva la terapia viene ripetuta ed il medico valuterà l’opportunità di somministrare anche un antimicotico orale.

Per evitare l’inconveniente dei funghi ai piedi si possono adottare dei piccoli accorgimenti:
– usare le scarpe nei luoghi pubblici ed a rischio. Personalmente, però, mi sembra eccessivo privare i miei figli della gioia dei piedi nudi sulla sabbia, lì continuo a lasciarli liberi. Diversamente faccio sempre in modo di proteggere il piede in piscina, durante le doccie e nelle zone di camminamento del lido.
– Asciugamani, teli mare e scarpe sono oggetti personali che per buona norma igienica i bimbi non devono scambiare tra loro.
– Lavare con la varechina i piatti doccia.

Questo sito ha carattere divulgativo e non sostituisce il parere del medico che va sempre consultato ove necessario.
L’articolo è il frutto della comune esperienza di mamma e le informazioni di carattere medico in esso contenute provengono parzialmente dal mensile << Donna e Mamma>> – Sfera editore

Leggi anche

Seguici