Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gli UFO vengono dai buchi neri

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

28 Febbraio 2012

ufoGli UFO provengono dai buchi neri e gestiscono la nascita delle stelle

Quest’affermazione è stata dichiarata da due ricercatori italiani, Francesco Tombesi della Nasa e Massimo Cappi dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), i quali, dopo aver studiato i buchi neri situati in varie galassie, hanno potuto appurare che gli Ultra-Fast Outflows (Ufo), getti di materia espulsi ad altissima velocità dai buchi neri, influiscono sulle materie presenti all’interno delle galassie.

La ricerca è stata descritta e pubblicata su ben tre riviste scientifiche, Astronomy and Astrophysics, The Astrophysical Journal e Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, ed è stata svolta grazie all’utilizzo del satellite XMM-Newton dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa).

Nonostante la sigla sia abbastanza simile, questi Ufo non sono i cosiddetti Oggetti Volanti non Identificati (U.F.O. acronimo di Unknown Flying Object), ma vi possono essere accomunati per forma.

ufoQuesti Ufo vengono generati da buchi neri che si trovano al centro di galassie definite dal nucleo attivo. Infatti, come dimostra la ricerca stessa, essi sono presenti nel 40% delle 42 galassie studiate.

Inoltre, Tombesi e Cappi hanno trovato una correlazione tra la grandezza dei buchi neri e quella delle galassie in cui vengono ospitati: maggiore è la velocità delle stelle presenti al centro della galassia, maggiore è la “stazza” del buco nero ospitante.

Cosa comporta tale scoperta?

Cappi spiega che è stata utile per apprendere l’effettivo “impiego galattico” di questi fenomeni:

“Rimescolano la materia delle galassie dissipando i gas che non si concentrano più per formare le stelle…. La quantità di materiale espulsa dagli Ufo è comparabile a quella effettivamente accresciuta dal buco nero, e questi Ufo sono abbastanza potenti da poter avere effetti su grandi scale all’interno della galassia ospite e di influenzarne anche l’evoluzione.”

Leggi anche

Seguici