Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Zaino scuola: come sceglierlo

Federica Federico

di Federica Federico

01 Settembre 2010

Zaini in spalla

tra poco si parte per una emozionante avventura lunga un intero anno: la scuola!

I nostri piccoli ogni mattina caricheranno sulle loro spalle tutto “il peso della cultura stretto nel loro zainetto”.
Questo indispensabile accessorio: lo zaino per la scuola pretende da parte di noi genitori una particolare attenzione nell’acquisto.
Infatti, poiché è nostro compito tutelare la salute dei bimbi in ogni suo aspetto, quando accompagniamo il piccolo scolaretto nella scelta della cartella non dobbiamo dimenticare che lo zaino da spalla graverà sulla sua schiena, affinché il bimbo lo possa portare senza ripercussioni o danni alla colonna vertebrale è necessario puntare sulla qualità, senza trascurare che lo zaino è uno di quegli accessori che deve adattarsi al meglio alle esigenze fisiche di chi lo indossa.

Come si riconosce lo zaino “giusto” ?

  • La cartella non deve essere più larga delle spalle del bambino, tale proporzione al corpo del piccolo garantisce una migliore distribuzione del peso.
  • Un buono zaino deve aderire quasi perfettamente alla schiena. Ed associando ciò a quanto appena precisato sulla importanza della proporzione della cartella alle spalle, appare chiaro che i migliori zainetti siano quelli stretti e lunghi, ovvero i modelli che si sviluppano in verticale.
  • Lo schienale deve essere rigido e bene imbottito, solo in questo modo eviterete che ai movimenti “vivaci” dei bambini, anche durante le immancabili corse, corrispondano delle più o meno “violente” ripercussioni sulla  schiena.
  • Rigido deve essere anche il sostegno sul fondo della cartella, ciò essenzialmente evita un accumulo di peso verso il basso che squilibrerebbe la distribuzione del carico.
  • Le cinghie devono essere sufficientemente comode, imbottite e regolabili. Sarebbe preferibile acquistare uno zaino dotato di una cintura addominale, alcune cartelle hanno questo optional, ma purtroppo resta spesso inutilizzato; in realtà quella cinta da stringere intorno alla vita è di grande aiuto perchè permettere allo zaino una adesione uniforme alla colonna vertebrale, avvantaggiando, così, la postura diritta del bambino. Quindi se la vostra scelta ricadrà su una cartella munita di tale cintura allacciatela, la fretta che spesso ci induce a non farlo va, in questo caso, a discapito della corretta postura di vostro figlio.
  • Il trasporto potrà essere avvantaggiato dalla presenza di una maniglia sulla parte superiore dello zaino. In verità questo dettaglio rappresenta un gran vantaggio più per noi genitori, infatti in genere sono mamma e papà a preferire la maniglia quando, accompagnando il bimbo a scuola, portano lo zaino per lui. Maniglia a parte, è buona norma che i genitori si facciano personalmente carico del trasporto dello zainetto nei tragitti da casa a scuola e viceversa; alleggerire il più possibile le spalle del piccolo deve sempre essere un nostro obiettivo.
  • Per sgravare completamente il bambino dal peso della cartella una buona soluzione è rappresentata dai moderni trolley per la scuola. Il trasporto sulle rotelline è pratico e va a tutto vantaggio della schiena, tuttavia la scelta di una cartella da “traino”  non è appropriata se l’accesso alle aule scolastiche di vostro figlio pretende il passaggio attraverso più scale. Infatti i bambini tendono a tirare il trolley tanto per pochi gradini, quanto per intere rampe di scale, quasi mai afferrano la preziosa maniglia di cui questi modelli sono tutti dotati. Ed in merito le nostre raccomandazioni restano per lo più inascoltate. Certamente trainare una cartella con rotelle su per le scale può essere pericoloso, sono bambini cadono con poco e a volte lasciano che gli oggetti gli scivolino facilmente da mano, un trolley che rotola per giù da una scala durante l’ingresso a scuola di più studenti è certamente un serio pericolo!
  • Una scelta orientata al benessere del piccolo deve considerare la leggerezza dei materiali, optate per cartelle resistenti ma non particolarmente pesanti.
  • Preferite tessuti impermeabili e facilmente lavabili.

    Come si indossa una cartella da spalla?

    Lo zaino deve poggiare su entrambe le spalle, quindi è essenziale indossare entrambe le bretelle. La fretta o la moda inducono i nostri figli a trascurare questa importante “regola d’uso”, ma è bene sapere che, caricando lo zaino su un’unica spalla, alcune parti del corpo, nello specifico la spina dorsale e le spalle, vengono indotte a muoversi in modo innaturale.
    Per una corretta distribuzione del peso lo zaino deve aderire alla schiena e la parte terminale della cartella deve arrivare sopra i glutei, mai oltre. Tenete conto di queste indicazioni nel regolare le bretelle.
    – Dopo aver regolato bretelle e cinghie sul corpo di nostro figlio, è buona norma considerare la sicurezza dei lacci che pendono dalla cartella, questi, infatti, possono diventare pericolosi quando sono abbastanza lunghi da impigliarsi da qualche parte. Il maggior rischio in questo senso è rappresentato dalle salite e dalle discese dai mezzi di trasporto, quali treni ed autobus, ma anche macchine e scooter … insomma occhio alle “code” dello zaino di vostro figlio, se ce ne sono annodatele saldamente!

    Come si prepara uno zaino?
    Ovvero qual è il modo migliore per distribuire il carico al suo interno?

    Intanto il dato di partenza deve essere il carico massimo:
    il peso di una cartella pronta per la scuola non deve essere maggiore di un decimo del peso corporeo del piccolo che la indosserà – ad esempio per un bimbo di 15kg lo zaino dovrà pesare 1,5kg al massimo.

    * Preparando la cartella sforziamoci di evitare dislivelli sullo schienale, meno dislivelli ci sono tanto più lo zaino aderisce bene alla schiena, a tutto vantaggio della corretta postura e della equilibrata distribuzione del carico sulla colonna vertebrale.
    Quindi affianchiamo allo schienale i libri più grandi, rigidi e pesanti, a mano a mano che ci allontaniamo dalla parte rigida inseriamo i testi più morbidi e  leggeri, per finire con i quaderni nella parte terminale dello zaino.
    * Ciò che è contenuto all’interno della cartella dovrebbe essere sistemato in modo “stabile”, ovvero non dovrebbe muoversi molto. Ad ogni movimento corrisponde un contraccolpo sulla schiena del bambino, quindi tanto maggiore è la staticità tanto minori sono gli impatti sul dorso del piccolo.

    Con pazienza e costanza verificate sempre il contenuto della cartella di vostro figlio. I piccoli amano riempire disordinatamente gli zaini, vi infilerebbero qualunque cosa! Spesso non revisionano la cartella, ed il risultato è un carico eccessivo ed inutile, sovente portano con loro materiale non indispensabile o addirittura inutile.

    Alcuni zaini prevedono sacche laterali estensibili, caricarle – specie se con oggetti pesanti – non aiuta la schiena perché queste propagazioni sbilanciano la distribuzione del carico.

    La scelta dello zaino ha anche un volto “sociologico”, il bambino, condizionato dalle mode, sceglie questo accessorio del corredino scolastico per “apparire dinnanzi ai suoi compagni”, affermarsi e proporsi.
    Non dimentichiamoci che la funzionalità ed il costo sono aspetti sconosciuti ai piccoli, prima di ogni cosa loro cercano il cartone animato di turno!
    Tuttavia, laddove il desiderio del piccolo può essere soddisfatto, sia dal punto di vista economico che da quello funzionale, perché non accontentarlo? Rendere il bimbo felice di portare con sé il personaggio preferito lo aiuterà a vivere con maggiore positività l’approccio alla scuola.
    In questo senso gli acquisti del corredo scolastico possono e devono trasformarsi in un momento lieto per il piccolo: il primo atto felice del suo anno scolastico!

    Ecco alcuni degli “zaini dei desideri”, quelli più ricercati dai piccoli:

    BEN 10

    GORMITI

    CUCCIOLI CERCA AMICI

    WINX

    Leggi anche

    Seguici