Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Problemi di spannolinamento? Huggies Pull-Ups

Federica Federico

di Federica Federico

04 Maggio 2012

spannolinamento

Mamma mi scappa la pipì”, se un bambino che ancora porta il pannolino pronuncia questa frase vuol dire che sta crescendo.

Di fatto quando il piccolo avvisa la mamma dell’arrivo della pipì o della popò vuol dire che è in grado di associare ad una sensazione che prova l’ approssimarsi del bisogno fisiologico. I

l bambino che dichiara lo stimolo a fare pipì riconosce l’esigenza di urinare e probabilmente possiede già la capacità di gestire il bisogno.

Tale capacità di gestire i bisogni fisiologici non è innata nel bambino, essa si acquisisce col tempo ed in gergo medico si chiama controllo degli sfinteri. Ai bimbi scappano cacca e pipì quando essi non hanno il pieno controllo degli sfinteri la cui completa educazione richiede “pratica ed allenamento”.

Il bambino munito di pannolino si sente libero di lasciarsi andare ovunque e in qualsiasi momento, togliere il pannolino significa “comprimere” questa libertà del bambino e costringerlo ad adeguarsi ad una regola sociale adulta: fare cacca e pipì nel vaso.

Proprio in ragione del fatto che il bimbo deve “privarsi di una libertà naturale” e aderire ad una regola sociale, è bene accompagnare il pupo nella scoperta del vaso, mostrandogli i vantaggi della crescita. Perché, non dimentichiamolo mai, ogni volta che il bimbo aderisce ad una regola del mondo dei grandi si adegua ad esso e cresce.

spannolinamento

La crescita è emancipazione ma è anche “sofferenza”, non tutti i bambini crescono nello stesso momento o allo stesso modo.

Si dice che a partire dall’età di 18 mesi sia possibile introdurre nella vita e nelle abitudini quotidiane del bambino il vasino o il wc. È bene partire da un dato basilare: i 18 mesi sono una data indicativa e non valevole in assoluto per tutti i bambini. Prima di abbandonare il pannolino è utile esaminare il rapporto del bambino con esso.

Cosa ci può indurre a pensare che il bambino sia pronto a lasciare il pannolino per fare i bisogni sul vaso?

Qui di seguito elenchiamo alcuni indicatori positivi volti a comprendere se il bambino è pronto a togliere il pannolino:

– La fatidica frase “Mamma mi scappa la pipì” depone molto bene e va sfruttata incentivando la verbalizzazione di questo e degli altri bisogni del pupo.

– Il fatto che il bimbo rimanga asciutto per almeno 2 ore di seguito nell’arco della giornata denota l’attitudine del bambino a “trattenere il bisogno urinario”. E se il piccolo resta asciutto anche dopo il pisolino potrebbe essere pronto ad un totale abbandono del pannolino.

– Depone bene la regolarità nell'espletamento delle funzioni fisiologiche. All’inizio sono i genitori a proporre al bambino la “seduta sul vasino”, quando il bimbo è regolare il genitore può esortarlo a tentare la cacca o la pipì sul vaso negli orari abituali e ciò facilita il cambio di abitudine del bambino.

– È importante anche l’autonomia motoria, il bimbo accetterà meglio il vaso se sarà capace di gestire da solo i movimenti ad esso collegati: abbassarsi le mutandine, sedersi, alzarsi, pulirsi e rivestirsi. In ciò il bambino è aiutato dall’uso del vasino che rispetto al wc è più alla sua portata.

pannolino

Se, in seguito ad una debita osservazione, ritenete vostro figlio pronto per l’iniziazione al vaso, allora, non dovrete fare altro che mettere a sua disposizione un vasino e dei pannolini a mutandina.

Come scegliere il vasino?

La scelta del vasino va compiuta preferibilmente insieme al bambino e dopo averlo istruito sull’uso e sulla funzione che esso ha. È preferibile selezionare un vaso semplice: il vasino è fatto per i bisogni, non è necessario che suoni o abbia forme particolari. Ed è consigliabile la sua collocazione in bagno, ciò in virtù del fatto che l’imitazione degli adulti sostiene i cambiamenti dei bambini.

Come scegliere i pannolini mutandina?

I pannolini mutandina non sono tutti uguali. Nello spannolinamento essi rappresentano l’accessorio chiave. Il passaggio dal panno ai pannolini mutandina da al bambino l’idea di avere tolto il pannetto ed essersi avvicinato al mondo degli adulti. Nella mia esperienza di madre sono passata attraverso più pannolini mutandina ed alla fine ho scelto gli Huggies Pull-Ups oggi li consiglio a tutte le mamme che seguono il mio blog!

Qual è la differenza tra gli Huggies Pull-Ups e gli altri altri pannolini – mutandina (anche più economici ma sempre meno convenienti) presenti in commercio?

mutandina

I pannolini mutandina devono dare al bambini l’idea di indossare le mutandine: gli Huggies Pull Ups, pur essendo assai sottili (ed in questo simili all’indumento intimo), restano perfettamente assorbenti come il migliore dei pannolini tradizionali. La mancanza di assorbenza e le fuoriuscite possono essere un vero problema perché potrebbero cagionare imbarazzi al bambino e conseguenti “blocchi” della sua emancipazione dal pannolino.

I bambini con le mutandine pannolino Huggies Pull-Ups possono entrare in bagno calarsi i vestiti e sedere sul vasino. Questo è possibile perché l’anatomia degli Huggies Pull-Ups , la loro morbidezza e leggerezza rendono il pannolino flessibile e capace di seguire le movenze del bambino.

Mia cugina ha una bimba di 24 mesi. Ieri l’ho vista lagnarsi, piangere e intristirsi per un pannolino mutandina assai poco confortevole. L’ho portata con me al mini market sotto casa dove comunemente io comperavo i pannolini ai miei bimbi.

Siamo tornate dalla mamma col sorriso sulle labbra e nella busta le mutandine delle principesse che, in realtà, sono gli Huggies Pull Ups da femminuccia.

Questi pannolini rosa con le principesse disegnate sulla mutandina sono una novità a cui le piccole non possono resistere. (I bambini hanno la loro versione maschile altrettanto colorata e affascinante).

Alla mia nipotina ho spiegato anche il segreto degli Huggies Pull-Ups che sono datati di un magico disegno sulla parte anteriore del pannetto ove è stampata un’ immagine che scompare quando il pannolino è sporco … io lasciavo che mia figlia notasse che la sua “mela di Biancaneve” era scomparsa dal pannetto e con lei commentavo che per “conservare integro il disegno” doveva correre in bagno e trattenere la pipì … un motivo in più per farla nel posto giusto!

Mia cugina è entusiasta la piccola Anna da ieri ha conservato pulita la sua mutandina della principessa e la mostra a tutti con orgoglio!

Articolo sponsorizzato

Leggi anche

Seguici