Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gravidanza settimana per settimana, cosa succede a te e al tuo bambino

Gravidanza settimana per settimana: ogni settimana nuovi cambiamenti intervengono nel corpo della donna incinta

DanielaBrancaccio

di Dott.ssa Daniela Brancaccio

04 Settembre 2012

Gravidanza – settima settimana

Se ancora non sei andata dal ginecologo, è il momento di prendere appuntamento e iniziare a valutare e trovare una risposta a tutti i dubbi che ti sono venuti in questi giorni.

Ti faranno una storia clinica per conoscere i tuoi precedenti medici e quelli della tua famiglia e ti chiederanno le analisi delle urine e del sangue. Ti fisseranno anche un appuntamento per farti la prima ecografia e confermare così la tua gravidanza.

 

Cambiamenti nel corpo della donna incinta

La nausea e il vomito potrebbero starti causando i primi fastidi della gravidanza durante la settima settimana di gestazione. È una sensazione spiacevole ma puoi attenuarla mangiando poche quantità di cibo almeno cinque volte al giorno e bevendo molta acqua. Se ti senti davvero male, consulta il tuo ginecologo, ma generalmente questa sensazione è presente solo nelle prime settimane di gestazione.

Avrai un frequente stimolo ad urinare, questo per via del fatto che i reni lavorano con più efficacia per eliminare i residui del corpo. Non preoccuparti se devi andare spesso in bagno, non trattenere la voglia di urinare e cerca di svuotare la vescica ogni volta. Senza dubbio, se hai bruciore o dolore durante la minzione, consulta il medico poiché potresti avere un’infezione del tratto urinario.

Il volume del seno cresce e aumenta la sensibilità dal momento che questo si prepara per alimentare il bambino che cresce dentro di te.

La circonferenza della vita aumenta poco a poco, ma è presto per usare vestiti premaman, anche se le donne alla seconda gravidanza notano prima che l’addome si ingrossa.

Ti sentirai più stanca e debilitata, cerca di riservarti del tempo per stare tranquilla, il tuo corpo sta lavorando a pieno ritmo.

 

Sviluppo e crescita del bambino in gravidanza

Nella settima settimana di gravidanza il tuo bambino ha già cinque settimane di vita e alla fine di questa settimana misurerà tra i 10 e i 13 millimetri.  Appare già un abbozzo di quelle che saranno le mani e le gambe, ma le dita non sono ancora completamente formate.

La dimensione della testa del tuo bambino è doppia del corpo. Iniziano a formarsi le orecchie e si sta sviluppando il cordone ombelicale.

Il fegato, il pancreas e i bronchi si stanno formando. La sua pelle è molto delicata e si possono vedere le vene al di sotto. Alla fine della colonna vertebrale si può vedere la coda embrionale, che andrà sparendo a mano a mano che passano i giorni.

Salute ed emozioni durante la gravidanza

L’aumento del progesterone, l’ormone che stimola la crescita di una membrana nell’utero affinché l’embrione possa svilupparsi e che inoltre aiuterà affinché si formi latte nel seno, ti giocherà brutti scherzi. Potresti sentirti estremamente sensibile ed emotiva. Potresti piangere senza motivi particolari o essere più irritata e irascibile che in altri momenti.

Avere paura o essere preoccupati per il bambino è qualcosa di normale, senza dubbio in alcune donne diventa un’ossessione. Ti aiuterà a diminuire i tuoi dubbi  parlare con il tuo partner, cercare distrazioni che evitino che il tuo unico pensiero sia la gravidanza o ricorrere a tecniche di rilassamento.

Cerca di curare il tuo corpo fin dall’inizio  per evitare le smagliature. Una buona idratazione giornaliera o più volte al giorno ti aiuterà ad evitare le temute smagliature.

Controlla la tua forma fisica, camminare quotidianamente sarà positivo per la tua circolazione e se sei sportiva puoi continuare a fare esercizio fisico sempre in forma moderata e consultando il tuo medico se si tratta di alcuni sport particolari. Il nuoto è uno sport ideale da praticare in tutta la gravidanza, perché non iniziare già dalla settima settimana di gravidanza?

Dieta e alimentazione per la donna incinta

Assumere acido folico prima e durante la gravidanza si è dimostrato efficace per ridurre il rischio di malformazioni nel feto. La tua dieta deve contenere questa vitamina che si può trovare nei legumi e nelle verdure a foglia verde. Inoltre, il ginecologo ti prescriverà questo supplemento. Se non lo prendi ancora, parlane con la persona che ti segue in gravidanza.

Devi anche assicurarti che la tua dieta sia ricca di calcio e seguire tale percorso alimentare anche quando sarà nato il bimbo. La tua dieta deve essere ricca ed equilibrata, ma è certo che possano sorgerti dei dubbi nella settima settimana di gestazione in merito a quello che puoi mangiare.

Il latte e i formaggi non pastorizzati devono essere eliminati dalla tua dieta, poichè contengono un batterio chiamato listeria che potrebbe far male al bambino. Bisogna anche evitare le carni poco cotte o crude, il pesce crudo, il paté, gli insaccati e, in generale, qualunque prodotto animale poco trattato.

Se sei tra quelle persone che non sa stare senza il caffè o senza uno spuntino con caffeina, cerca di consumarlo con moderazione.

Gli esperti dicono che una quantità inferiore a 300 mg di caffeina al giorno non è pericolosa per il bambino, però il consumo smoderato di caffeina potrebbe causare danni al feto. Ricorda che la caffeina è anche presente in alcune bevande, nel cioccolato ed in alcune medicine.

Curiosità sulla 7a settimana di gravidanza

Le infezioni vaginali sono più frequenti nelle donne incinta per via degli estrogeni, questi ormoni fanno sì che i funghi aderiscano meglio alle pareti della vagina. Essi producono irritazioni, prurito e bruciore alla vagina e alle labbra, fastidio nei rapporti sessuali e eccessivo flusso vaginale.

Se hai questi sintomi consulta il ginecologo affinché li consideri, ma la candidosi vaginale non è contagiosa per il bambino, nel caso in cui vi siano presunti funghi in alcune parti del suo corpo lo si sottoporrà a trattamento.

Cosa succede nel corso dell’ottava settimana? Leggilo qui: Gravidanza settimana per settimana cosa succede a te e al  tuo bambino

Fonte: www.guiainfantil.com

Leggi anche

Seguici