Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il furgone bianco che rapisce i bambini in Sardegna

Ancora il furgone bianco che rapisce i bambini, la notizia gira sul web, creando psicosi tra i genitori. Leggenda metropolitana o realtà?

Daniela

di Mamma Daniela

12 Novembre 2012

La notizia in sé non è una novità,  la storia del furgone bianco sembra abbia già fatto il giro d’Italia, Campania, Salento, e ora in Sardegna, allertando genitori e Forze dell’Ordine.

Ogni anno torna alla ribalta, e addirittura l’anno scorso al furgoncino bianco se ne aggiunse uno rosso, così tutti i genitori sobbalzavano alla vista di ogni furgone, qualsiasi fosse il colore.

La storia è sempre la stessa: un furgoncino bianco si apposterebbe davanti alle scuole elementari per rapire bambini.

Perfino i giornali locali ne parlano, creando non pochi allarmismi, ma non vi è nessuna certezza che la notizia sia vera, anche perché, finora nessun bambino è stato rapito.

Qualche settimana fa è partita una segnalazione da Bosa, in provincia di Oristano, due gli uomini all’interno del veicolo, uno dei due, alto, magro, con i capelli bianchi e una collana d’oro al collo, scende dal furgoncino bianco e con la scusa di fare una foto cercherebbe di portare via il bambino di turno.

Dopo si sono aggiunti altri episodi simili a Flussio, sempre in provincia di Oristano, e a Olbia, in prossimità delle scuole elementari, e sono state avvertite le autorità competenti.

Secondo la testimonianza di un’insegnante, due uomini, all’interno di un  furgone bianco, fotografavano i bambini.

Fatti inquietanti sicuramente, che hanno creato una vera psicosi collettiva, su facebook è partito un vero e proprio tam-tam, e gli avvistamenti sono triplicati. Infatti da quel momento il furgone bianco, e l’uomo, sono stati segnalati ovunque.

I furgoni bianchi poi sono molto comuni, come gli uomini alti con i capelli bianchi.

Le Forze dell’Ordine sono prudenti, per ora non è stato segnalato nessun furgone bianco sospetto, né tantomeno sono state segnalate sparizioni di bambini. Ma stanno lavorando affinché i bambini e le loro famiglie possano ritrovare serenità, e assicurano che nelle scuole i controlli  saranno potenziati.

È noto comunque che nelle scuole i bambini non vengono mai lasciati soli, le insegnanti all’uscita consegnano i bambini solo ai genitori, o a chi è in possesso di  una delega precedentemente presentata in segreteria.

Nello stesso modo all’ingresso i bambini vengono accompagnati da qualcuno, e in quasi tutte le scuole è presente la figura del nonno vigile, e vigili urbani, che si occupano della sicurezza dei bimbi.

Per cui è molto difficile che un bimbo venga portato via senza che nessuno se ne accorga.

Sia chiaro, è sempre bene stare in guardia, e visti i tempi che corrono, la prudenza non è mai troppa. Però cerchiamo di non esagerare, non creare falsi allarmismi (come invece sta accadendo sui social network). Se non si ha la certezza della loro reale veridicità, si corre il rischio di iniziare un’inutile caccia alle streghe.

 

Leggi anche

Seguici