Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Quattro ragazzine africane inventano il generatore elettrico alimentato con la pipì

Piccole inventrici nigeriane costruiscono un innovativo generatore elettrico

di Mariangela Saulino

13 Novembre 2012

Quattro giovanissime ragazzine nigeriane, Duro-Aina Adebola, Akindele Abiola, Faleke Oluwatoyin e Bello Eniola, hanno realizzato una particolare invenzione.

Si tratta di un generatore che produce energia elettrica alimentato ad urina.

Il generatore è stato presentato nel corso della quarta edizione del Maker Faire Africa, un concorso per piccoli inventori che si è tenuto nella città di Lagos.

Il congegno riesce a convertire in energia l’idrogeno contenuto nell’urina, facendo passare il liquido attraverso una cella elettrolitica che separa l’elemento chimico che, in seguito, viene poi “raffinato” da un filtro purificatore contenente borace liquido, con cui si elimina la liquidità del gas. Al termine del processo il gas prodotto viene spinto nel generatore.

L’idea è semplice ed il congegno funziona perfettamente anche se ci sono degli aspetti da modificare. Bisognerà, innanzi tutto, migliorarlo dal punto di vista della sicurezza perché presenta ancora il rischio di esplosione e, soprattutto, bisognerà intervenire sull’aspetto igienico.

Il congegno è da migliorare ma l’invenzione è geniale visto che, facendo due conti, i sette miliardi di abitanti della Terra producono, ogni giorno, dieci miliardi di pipì. Una quantità di materia prima che consentirebbe di produrre combustibile a basso costo che potrebbe contribuire a risolvere i nostri grandi problemi energetici.

Leggi anche

Seguici