Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Dorme per 64 giorni di seguito: 17enne affetta da Sindrome di Kleine-Levin

Una ragazza americana di 17 anni è affetta da una rara malattia che la “costringe” a dormire per diverse settimane di seguito

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

21 Novembre 2012

 17enne affetta da Sindrome di Kleine-Levin  Nicole Delien è una ragazza di 17 anni originaria di North Fayette, Pittsburgh in Pennsylvania, ed è divenuta famosa in quanto soffre di una malattia molto rara: la Sindrome di Kleine-Levin.

Questa malattia, della quale ha iniziato a soffrire quando aveva circa sei anni e mezzo, è considerata una rara patologia del sonno che costringe chi ne è affetto a dormire per diversi giorni, settimane o mesi di seguito.

In molti l’hanno definita come la reale “Bella Addormentata” (in inglese Sleeping Beauty) , ovvero la protagonista dell’omonima favola, il cui nome è stato ripreso dallo stesso Daily Mail che ne ha raccontato la storia.

Purtroppo però di favoloso e fantasioso questa malattia ha ben poco, come afferma la stessa Nicole:

“Non mi ricordo quello che succede. È difficile per me parlarne, perché ho perso tanti giorni della mia vita. Solo che non mi piace quando il mio stato viene definito come una favola, perché in realtà non lo è.”

 17enne affetta da Sindrome di Kleine-Levin  Intere giornate passate a dormire anche per 18-19 ore consecutive, durante le quali la ragazza si “sveglia”, o quantomeno il suo corpo reagisce ai vari stimoli (fame, sete, necessità fisiologiche) e, in una sorta di sonnambulismo, li soddisfa.

Come raccontato dalla madre della ragazza, Vicki, “una volta, quando era piccola, ha saltato la feste di natale, di capodanno e persino il viaggio di famiglia che abbiamo fatto a Disney World”, iniziando a dormire dal giorno del Ringraziamento (che cade il quarto giovedì di novembre) fino al mese di gennaio.

L’”attacco di sonno” più lungo è durato addirittura 64 giorni.

Una malattia che stravolge la vita, ti costringe a vivere una vita parallela e ti allontana dalla realtà sociale, oltre a recare danni fisici e psichici dovuti all’eccessivo sonno.

Si stima che nel mondo vi siano altre mille persone che ne soffrono e al momento, grazie ad una cura di farmaci, Nicole non ha più avuto “attacchi di sonno” dal mese di marzo.

 

 

 

 

Leggi anche

Seguici