Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Fine del mondo profezia Maya: tutti salvi a Cisternino in Puglia, video

Esiste solo un luogo dove ci si può salvare dalla profezia Maya, la Valle d’Itria in Puglia

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

12 Dicembre 2012

Fine del mondo Maya: Profezia Maya, fine del mondo: giorno fatidico 21 dicembre del 2012.

Secondo quanto descritto dalla profezia Maya la fine del mondo, o per meglio dire il grande cambiamento, è ormai imminente: l’umanità si sta avvicinando a quella fatidica data ed ogni persona o popolazione, che faccia parte degli scettici o dei credenti, si organizza nel modo che ritiene giusto.

Ma è possibile potersi salvare da questa ipotetica Apocalisse?

Secondo il maestro indiano Babaji c’è un solo posto al mondo che verrà “risparmiato” dal grande cambiamento profetizzato dai Maya: è l’italiana Valle d’Itria.

Per l’esattezza, è la terra compresa tra i comuni di Cisternino, Ceglie Messapica, Ostuni e Martina Franca, ai confini tra le province di Taranto e Brindisi.

In particolar modo, negli ultimi giorni, si è molto parlato del comune di Cisternino dove, a detta del sindaco Donato Baccaro, si è registrato un grosso boom di prenotazioni proprio per tale data.

Fine del mondo Maya: “Mi fa piacere che si parli di noi in tutto il mondo come luogo di salvezza, in chiave positiva – ha dichiarato Baccaro – A quanto pare ci sarà un afflusso di turisti notevole, vedremo di organizzare qualcosa di caratteristico, oltre al tradizionale mercatino di Natale”.

Ma perché proprio questo comune è stato dichiarato come luogo di salvezza?

Secondo la comunità indiana, che risiede a Cisternino dal 1979, devota al succitato maestro indiano, in tal luogo vi sarebbe stato costruito un santuario Maya, un “ashram” posizionato tra i trulli e i paesaggi pugliesi.

Dunque tutti coloro che vogliono salvarsi sono avvisati: anche se non esiste alcun documento scritto da parte del maestro Babaji, ma solo un’affermazione tramandatasi nel tempo verbalmente, Cisternino sembra rappresentare un luogo di incolumità.

Leggi anche

Seguici