Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Evasione fiscale in Italia: nel 2012 evasioni per 41 miliardi di euro

Reso noto il rapporto annuale della Guardia di Finanza

di Dott.ssa Mariangela Saulino

28 Dicembre 2012

Il rapporto annuale della Guardia di Finanza ci riporta dei dati sconcertanti.

L’evasione fiscale ha raggiunto una cifra esorbitante pari a 41 miliardi di euro, di cui 28 non denunciati e 13 fatti veicolare all’estero.

Il dato inquietante è che, però, le cifre non sono ancora definitive e potrebbero aumentare ulteriormente.

Le verifiche fatte  presso gli esercizi commerciali hanno evidenziato che un’attività su tre è irregolare ed il rapporto mostra anche quali sono gli stratagemmi usati per frodare il fisco.

Sono stati scoperti 7500 evasori totali per un totale di 28 miliardi evasi a cui si devono aggiungere i 600 milioni di iva non pagata attraverso “frodi carosello”, truffe al fisco realizzate attraverso la creazione di società cartiere, le cosi dette scatole vuote, create allo scopo di emettere false fatture.

Sono stai denunciati, nel corso dell’anno 10.000 mila persone e ben 150 sono stati gli arrestati, mentre sono stati sequestrati beni per un ammontare pari 2 miliardi e 300 milioni, anche fino ad ora ne sono stati incassati soltanto 900 milioni.

Sul fronte internazionale le frodi poste in atto dagli evasori sono molteplici, si va dalle residenze fittizie all’estero, alle società estere che omettono di dichiarare i redditi prodotti in Italia, alle pratiche di transfer pricing effettuate nell’ambito delle multinazionali per trasferire le tassazioni ai rami esteri.

La Guardia di Finanza ha controllato tutti i tipi di esercizi commerciali, precisando nella relazione che una verifica su tre ha avuto un esito irregolare e che la maggioranza delle irregolarità sono state commesse al sud.

Sono stati poi scoperti 27000 lavoratori in nero e denunciati 6000 datori di lavoro.

Dalla relazione emerge, inoltre, che il numero degli evasori rispetto allo scorso anno è rimasto invariato ma le cifre sono passate da 21 a 28 milioni.

Un esito, questo delle indagini dei finanzieri, che scoraggia ed indigna gli onesti contribuenti che stanno faticando per arrivare alla fine del mese e, sono costretti a pagare le tasse anche per costoro che evadono.

Un fenomeno, quello dell’evasione, che non farà altro che aggravare questa crisi, rendendo ancor più complicato risollevare le sorti della nostra economia.

Leggi anche

Seguici