Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Cani messi all’asta: venduti al miglior offerente i cuccioli sequestrati dalla Guardia Forestale

L'asta si terrà a San Benedetto del Tronto, i cani verranno affidati ai vincitori, la Guardia Forestale provvederà al controllo della vendita all' incanto.

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

30 Aprile 2013

San Benedetto Del Tronto. Vendita all’asta di alcuni cuccioli sequestrati il mese scorso dai carabinieri.

Gli animali oggetto del sequestro erano indirizzati ai commercianti della zona, molti sono deceduti a causa delle cattive condizioni in cui versavano al momento della confisca.

Attualmente si trovano presso un’associazione zoofila locale, ma si spera che possano essere venduti presto al miglior offerente.

La Forestale di San Benedetto e la Procura della Repubblica di Ascoli Piceno infatti lanciano quest’asta che si svolgerà dal 27 al 30 aprile. Ogni cane avrà una propria scheda, con un prezzo di partenza. Le offerte, con un rilancio minimo di 20 euro dovranno essere effettuate il 2, 4, 6 e 9 maggio a seguito della pubblicazione dell’offerta più alta. Tutta l’asta e le istruzioni per la partecipazione sarà pubblicata sul sito creato ad hoc per l’evento.

I cani saranno ritirati a chiusura dell’asta, nei giorni 10 e 11 maggio, dopo il pagamento direttamente al Comandante della Guardia Forestale, Ispettore Capo Giuseppe Pierantozzi.

Se l’aggiudicatario non si presentasse verrà indicata la seconda migliore offerta come assegnatario del cucciolo.

E già in molti hanno protestato contro questa forma di “vendita” degli animali, sottolineando come  in questo modo non si possa essere certi che il cane vada nelle mani di altri commercianti, o speculatori. Ci si oppone anche ai metodi utilizzati per la vendita dei cuccioli, come se fossero “sono un paio di braghe da svendere ad un’asta”, e su come le aste possano nascondere insidie sulla trasparenza delle offerte o altro.

Sebbene, viene da dire, il traffico illecito di animali è purtroppo una piaga, e dubitare anche sull’operato della Guardia Forestale significa anche pensare di dovere dubitare su tutto, dal piccolo commerciante all’amico che ti propone di comprare un cucciolo, e  finanche alle grandi catene di negozi per animali.

Se qualcuno di questi cani avrà una casa invece, sarà anche un po’ merito delle guardie Forestali, che hanno contribuito, facendo il loro dovere, a dare migliore esistenza a questi cuccioli.

Leggi anche

Seguici