Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Portici, durante la festa del Santo Patrono crolla un balcone: 3 morti

Portici, durante la festa di San Ciro crolla un balcone: bilancio di 3 morti

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

06 Maggio 2013

portici tragedia festa patronaleLe feste patronali sono caratterizzate sempre da una grande partecipazione popolare; quando la festa è religiosa e celebra il Santo Patrono il flusso dei fedeli è ancora più intenso e più vivo, sovente si muove seguendo la cosiddetta processione di una statua o delle sante reliquie e sempre determina un considerevole affollamento delle vie cittadine. Ciò avviene ovunque ed in qualunque festa patronale.

La sicurezza e la pubblica incolumità sono difficili da garantire durante le manifestazioni civili o religiose, aumenta la difficoltà con l’aumentare della partecipazione popolare e quindi della folla.

In genere si controlla la sicurezza dei percorsi, si chiudono le strade al traffico e si allestiscono presidi di primo soccorso per cui di norma sulle vie che saranno affollate dai manifestanti sostano, pronte ad intervenire, delle autoambulanze. Comunemente si potenzia la presenza di forze dell’ordine e scende in campo anche la protezione civile. Sempre si confida nella civiltà comune e nel buon comportamento della massa. Tuttavia l’imponderabile è sempre in agguato.

Ieri sera a Portici, provincia di Napoli, una tragedia tanto assurda quanto inaspettata è calata sulla festa di San Ciro, l’amatissimo Santo Patrono.

portici tragedia festa patronaleOgni prima domenica di Maggio l’imponente statua del Santo, caricata su una pedana adorna di fiori, viene portata a spalla da un drappello di fedeli per le vie cittadine.

Il percorso seguito dalla processione è lungo e moltissimi sono i seguaci del Santo che devotamente lo accompagnano nella sua esposizione rituale. I devoti di San Ciro non sono solo porticesi, arrivano pii cittadini da tutta la Campania e le strade della città si riempiono di fedeli festanti.

Ieri, quando la processione stava per volgere al termine, nel Corso Garibaldi (via ricca di palazzi d’epoca) una larga porzione di un balcone si è letteralmente staccata dalla facciata di un edificio storico ed è caduta in strada.

Esattamente sotto il balcone è sita una rosticceria.

Il pavimento liberato dalla facciata del palazzo ha ucciso tre persone e ne ha ferite diverse altre.

 

portici tragedia festa patronale

Maria Vela (conosciuta da tutti come Marinella), 67 anni; Concetta Evangelista (coniugata Bonetti) 65 anni; Aniello Scognamiglio, 65 anni, sono le vittime del crollo. Alcuni dei feriti versano in gravi condizioni, diversi sono i contusi più o meno lievi.

portici tragedia festa patronale La ringhiera della balconata è rimasta intatta. E fortunatamente nessuna persona impegnava il balcone al momento del crollo.portici tragedia festa patronale

Le immagini impressionanti consegnano la testimonianza dei lenzuoli bianchi esposti per celebrare il Santo mentre il balcone così adorno si è letteralmente aperto causando, durante la festa più sentita dalla città partenopea, una mortale tragedia.

La festa è stata sospesa.

La polizia sta indagando, le autorità sono impegnate nell’accertamento della cause del crollo.

Leggi anche

Seguici