Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gravidanza: pubblicità choc in Inghilterra, foto

Gravidanze in età avanzata: campagna pubblicitaria choc in Inghilterra, la foto dello scandalo

Federica Federico

di Federica Federico

02 Giugno 2013

primipare attempateLa maternità è una responsabilità che va ben oltre la gestazione e il parto, la maternità è accudimento oltre che educazione, è mantenimento oltre che attenzione, è fisica oltre che morale, si traduce in una incommensurabile serie di doveri materiali e etici.

Oggi la maternità arriva sempre più tardi e le neo mamme spesso sono “primipare attempate”, cioè donne incinta in età “adulta o molto adulta”.

Illustri personaggi del mondo dello spettacolo continuano a dimostrarci che è possibile conquistare prima la “vita professionale” e poi la maternità; in realtà ,sebbene la gravidanza sia un fenomeno fisiologico che debitamente stimolato anche dalla medicina può avvenire pure in età più avanzata, l’essere madri, complessivamente considerato, richiede un impegno di vita che pretende energia, forza e tempo.

Inoltre le maternità tardive sono spesso frutto di percorsi medici invasivi, complicati ed anche costosi.

L’altra faccia della medaglia è l’impoverimento mondiale e la crisi economica: la genitorialità ha un prezzo che va dal costo dei pannolini a quello dell’università e se si desidera essere genitori responsabili si cerca anche di collocare il “progetto figlio” in una famiglia che sia economicamente stabile.

In Inghilterra l’età media delle primipare è 30anni, secondo le statistiche il primo figlio arriva 5 anni più tardi che in America. L’Italia addirittura è stata variamente appellata come il paese delle culle vuote, in alcune aree dello stivale gli immigrati concorrono più degli italiani a sostenere la natalità.

Una campagna sulla fertilità e sull’esigenza di sensibilizzare le donne a gravidanze meno avanzate è partita in Inghilterra: ‘Get Britain Fertile’ è il titolo scelto dall’azienda promotrice. A promuovere la campagna è stata una ditta produttrice di test di gravidanze: la First Response.

L’idea potrebbe essere nobile, le donne hanno sempre bisogno di essere stimolate ad avere fiducia nella loro forza generatrice, del resto la maternità è il motore del mondo.

Ciò che è poco condivisibile è lo choc visivo che istintivamente genera la foto usata per la campagna; ecco l’immagine che sta scuotendo l’Inghilterra:

Gravidanze in età avanzata: campagna pubblicitaria choc in Inghilterra, la foto dello scandalo

Gravidanze in età avanzata: campagna pubblicitaria choc in Inghilterra, la foto dello scandalo

la testimonial è una nota presentatrice tv, Kate Garraway. Kate ha 46 anni, ha due figli, Darcey e Billy, che ha partorito a 38 e ad 42 anni. Di recente ha dichiarato che avrebbe voluto divenire mamma prima. Quindi, con questo scatto fotografico in cui è stata truccata e ritoccata in modo da assumere l’aspetto di una anziana donna incinta, la conduttrice ha forse voluto sposare una campagna ideale. Ma promuovendo un’istanza socio culturale di così grande impatto visivo si è certamente fatta un enorme pubblicità.

Dinnanzi a questa foto personalmente mi sono posta una domanda: una donna di 60-70 anni con il pancione ben in vista è una “provocazione” adeguata alla promozione della maternità?

Leggi anche

Seguici