Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Vacanze estate 2013: i musei più strani

Viaggio alla ricerca dei i musei più strani del mondo

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

05 Giugno 2013

Con l’estate che bussa e la voglia di vacanza sempre più insistente potrebbe essere il momento per guardarsi intorno e cercare una meta per il prossimo viaggio.

E se in presenza di prole varrebbe la pena pensare ad una vacanza che possa coinvolgere anche loro.

Quando io chiedo ai miei figli ancora piccoli quale potrebbe essere un itinerario per una vacanza estiva tutti e due in coro mi dicono:”Tutto basta che non siano musei”.

E invece si sbagliano. Perché il museo, visto in un’ottica diversa, più ludica, è un posto che può essere molto interessante anche per i bambini.

Non solo. Oltre ai classici musei di pittura o quelli di storia o archeologia ci sono dei musei, diciamo più atipici.

Sono i musei più strani al mondo.

E  l’elenco vi assicuro non è per niente breve

Si possono anche catalogare per tipologia.

Ad esempio se parliamo di horror o splatter si potrebbe visitare il museo del Serial killer a Firenze, o il museo delle Streghe, ovviamente a Salem, negli Stati Uniti (si consiglia vivamente la visita per Halloween)

O ancora il museo delle Torture a Praga.

Un po’ più paranormale il museo degli Ufo, ancor più paranormale il fatto che si trovi a Istanbul, e non come immediatamente viene da pensare in America, magari a ridosso dell’Area 51, in Nevada.

Poliziesco e avventuroso invece il museo delle Spie a Washington, dove si entra dando in biglietteria una falsa identità, e si visitano atmosfere tipiche dei film di spionaggio: la Berlino del dopoguerra, gli uffici a Mosca di Feliks Dzwerzhinsky, il capo del KGB. Il museo contiene anche oggetti come il rossetto con una pistola nascosta, e molti articoli di James Bond.

Lo Spy Museum a Washington

Per cambiare categoria si potrebbe visitare il museo del Wurstel a Berlino, che ha per oggetto….inutile specificare.

Currywurst Museum - Berlino

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito a quello berlinese visita al museo della Mostarda nel Wisconsin, e ancora dopo, per impacchettare il tutto, il museo del Lunch box, ovvero le scatole per il pranzo, a Columbus negli Stati Uniti.

Se invece i vostri gusti sono meno occidentali, si potrebbe fare un salto a Yokohama in Giappone e visitare il museo del Ramen: i ramen sono l’equivalente dei noodles cinesi, gli spaghetti che i giapponesi mangiano in differenti piatti, dalle zuppe alla carne, da afferrare rigorosamente con le bacchette.

Passando agli animali, dinosauri a parte, che sono forse tra imusei più belli e interessanti al mondo, esistono anche musei per così dire più “di nicchia”, come il Cockroach hall of Fame, ovvero il museo degli scarafaggi, fondato da uno specialista in disinfestazioni, il quale ha pensato di ideare una walk of fame (la strada delle stelle di Hollywood) degli insetti e persino un’esposizione di scarafaggi vestiti di tutto punto che interpretano momenti storici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, ma è inutile descriverli, esistono anche un Icelandic Phallological Museum (a Husavik, Islanda) e un Museum of Menstruation and Women’s health a New York, inutile anche la traduzione.

 

Leggi anche

Seguici