Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Aumento del peso in gravidanza:quanto è giusto ingrassare?

Simona

di Mamma Simona

01 Febbraio 2011

NON INGRASSARE TROPPO IN GRAVIDANZA, QUAL è IL GIUSTO PESO?



L’aumento di peso in gravidanza, è fra le prime preoccupazioni delle donne rispetto ai cambiamenti del proprio corpo in un periodo tanto delicato e sconvolgente.
Le nonne una volta erano solite ripetere che, quando una donna aspetta un bimbo, deve mangiare per due. Ovviamente questa errata diceria è stata superata.
Non conta la quantità di cibo ingerita, quanto la qualità.
Bisogna prestare attenzione ad assumere un giusto apporto di calorie, di proteine, di ferro, di zuccheri ecc…evitando quei cibi che possono nuocere, in favore di un giusto regime alimentare.
In pratica occorre seguire una dieta adatta alla gravidanza.

Ogni donna ha un proprio metabolismo e dunque esistono donne che in gravidanza tendono ad accumulare maggiormente peso rispetto ad altre ; ciò non è prevedibile, perché non dipende dalla struttura fisica o dalla predisposizione soggettiva e le variabili non sono calcolabili.
Di norma gli ormoni scatenati durante la gravidanza, muovono l’appetito. In genere la donna comincia a mangiare quantitativamente di più, non in modo esagerato, ma magari concedendosi dei piccoli extra. Ciò è assolutamente fisiologico e fa parte dei meccanismi della gravidanza e dell’allattamento. Anche in natura accade così, la femmina si approvvigiona maggiormente in vista dell’allattamento, attività che prevede non poco stress ed energia a livello fisico.

Nel corso del terzo trimestre di gravidanza, possono subentrare problemi di ritenzione idrica che, oltre a dare tutta una serie di fastidiosi sintomi (pesantezza alle gambe, gonfiore di mani e piedi ecc..), contribuiscono a farci sentire “gonfie”. Per combattere la ritenzione idrica è importante bere molta acqua, fare del giusto moto, come per esempio una passeggiata di mezz’ora al giorno oppure ricorrere a trattamenti specifici, come il linfodrenaggio ad opera di personale specializzato. I chili accumulati a causa della ritenzione idrica sono più facilmente smaltibili a gravidanza ultimata, rispetto al peso accumulato per aumento lipidico.
In genere l’aumento di peso di una donna in gravidanza varia dai 9 ai 13 chili.
Per stabilire quanto sia “giusto” ingrassare, è necessario guardare al rapporto peso-altezza, l’Indice di Massa Corporea, della donna prima della gravidanza. Una donna magra, potrà permettersi di ingrassare fino a 16 chili senza che ciò comporti danno per se stessa o per il bambino; mentre una donna in sovrappeso dovrà cercare di contenerne l’aumento, ingrassando dai 6 agli 8 chili.

I rischi di un aumento di peso elevato rispetto alle proprie caratteristiche fisiche, potrebbero comportare l’insorgere di problemi di diabete gestazionale, ipertensione e maggiori difficoltà nel parto.

Il peso non aumenta in modo graduale mese per mese.

  • Nel primo trimestre l’aumento del peso è quasi insignificante; le nausee stesse che colpiscono molte donne in questi mesi, ne sfavoriscono l’accumulo. Il feto ha ancora una dimensione contenuta e dunque l’aumento del peso è determinato per lo più dall’ingrossamento dell’utero, dall’aumento del volume sanguineo, dalla presenza del liquido amniotico e della placenta .
  • Tra la 16esima e la 30esima settimana, l’aumento è significativo, sopratutto determinato dall’aumento delle dimensioni del bimbo. Esistono delle situazioni che favoriscono l’aumento di peso; per esempio quando una donna abbia più di 35 anni, se l’aumento del peso è sensibile fin dall’inizio della gravidanza, se nelle precedenti gravidanze la donna è aumentata tanto di peso, se non si fa molto moto.A quest’ultimo proposito, una valida alternativa a lunghe passeggiate può venire dai corsi di nuoto per gestanti che, tra i tanti benefici, annoverano anche quello di aiutare la donna a tenersi in “forma”.

E’ stata stilata dai medici una tabella di distribuzione in percentuale dell’aumento di un peso di media (12 chili) in gravidanza:
aumento del seno : 0.5 kg
aumento del sangue : 1.5 kg
peso del bambino : 3.5 kg
peso della placenta : 0.6 kg
peso del liquido amniotico : 1 kg
peso dell’utero : 1 kg
grasso accumulato : 3 kg
liquidi materni : 1.5 kg

A fine gravidanza la maggior parte delle donne ritorna al peso originario senza grandi fatiche, solo il 15% delle donne mantiene più di 5 chili in eccesso rispetto al “proprio” peso; mentre risulta nella norma pesare 1 chilo e mezzo in più.

Come sempre è il buon senso a fare da regolatore, evitare gli eccessi ma non fare un dramma per i chili accumulati, e sopratutto ascoltare le esigenze del nostro corpo.

Leggi anche

Seguici