Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Doula: per aiutare le mamme durante la gravidanza, il parto e il puerperio

di Mamma Giò

09 Febbraio 2011

La nascita è il momento della mamma e del suo bambino, ma non solo; il parto, inevitabilmente, coinvolge anche chi vi assiste e questi, chiunque sia, influenza e determina le emozioni della donna. In pratica la delicatezza del parto rende la mamma estremamente recettiva e chi le sta accanto, padre, nonna, amica o personale medico e paramendico, deve conoscere e rispettare la particolarità del momento che la madre ed il piccolino stesso stanno attraversando.

Ugualmente delicato ed emozionante è il puerperio, momento in cui la donna ha egualmente bisogno di cure e attenzioni, aiuto e conforto.

Avete mai sentito parlare della doula?

È una donna al servizio delle donne, in questi momenti bellissimi  e particolari della vita vede i bambini venire alla luce ed insieme assiste ed accompagna la nascita delle mamme, ovvero aiuta le donne ad affrontare con serenità l’arrivo del bambino, il parto ed il puerperio.

Grazie a Loredana, Doula di professione, nell’intervista che segue, Vita da Mamma vi svela la magia e l’importanza di questo lavoro; oggi vi presentiamo un ritratto reale e vivo delle Doula.

In quali contesti ed in che modo la doula affianca una mamma?

La doula è presente laddove c’è la necessità di un supporto, aiuto, punto di riferimento, quando le neomamme si sentono impaurite di fronte ad una nuova esperienza sconosciuta come per molti appare la maternità.

Purtroppo non tutte le donne hanno vicino la propria mamma o suocera che può dare una mano e, anche quando possibile, non sempre queste sono in grado di sostenere in quanto il loro ricordo risale a 30/40 anni prima. A volte anch’esse hanno avuto esperienze negative o di allattamento materno fallito e quindi possono essere loro stesse a suggerire alle figlie di cercare un valido aiuto poiché fa la differenza.

Quale momento della gravidanza e’ piu ‘indicato per contattare una doula?

Il momento migliore è verso la fine della gravidanza, direi intorno alla 30° settimana gestazionale. L’ideale sarebbe incontrarsi in questo periodo in quanto ci si può prendere del tempo per conoscersi e instaurare un buon rapporto di reciproca fiducia. La doula cerca di sapere quali sono i vissuti, i desideri e le paure della donna e dei neogenitori.

In questa fase di incontro e confronto madre e padre imparano a fidarsi di una persona nuova e quindi si lasciano andare, beneficiando del fatto di potersi appoggiare a qualcuno che si prende totalmente cura di loro.

Capita però anche di conoscere le donne quando hanno già partorito, in quel caso, allora, si cerca di entrare in punta dei piedi in una situazione delicata e si tenta di capire quali sono i punti su cui bisogna lavorare.


Chi è la mamma-tipo che ricorre all’aiuto della doula?

Più che la mamma tipo, direi che l’esperienza personale e il vissuto della donna, a volte anche della madre della stessa, sono gli elementi chiave che spingono una persona ad affidarsi al supporto della doula. Sentono il bisogno di non essere lasciate sole, di essere guidate o comunque trovare un semplice conforto e confronto in tutto ciò che fanno.

Non incontra mai diffidenza nelle persone?

Si, purtroppo in questo momento la figura della doula non è ancora riconosciuta e diffusa, e molte sono le donne che ci guardano scettiche. Del resto, si sa, quando una cosa non si conosce può far paura!

Quando, però, le donne vivono questa esperienza con la doula si chiedono come avrebbero fatto senza.

Spesso le mamme si sentono molto forti e sicure durante la gravidanza ma poi, appena arrivano i primi dolori si lasciano prendere dalla voglia che finisca tutto presto, chiedono subito l’analgesia o addirittura il cesareo, mentre non di rado, con un buon supporto, si potrebbero evitare entrambi e si potrebbe vivere questo momento con armonia e gioia. Idem quanto si torna a casa: spesso la realtà è ben diversa dall’immagine del bambino che abbiamo tanto sognato; la stanchezza e il senso di inadeguatezza portano le mamme ad entrare in un tunnel di difficoltà senza fine.

La Doula assiste anche al parto o si pone solo come sostegno prima e dopo il parto?

La doula oltre a supportare la donna nel puerperio e nei primi mesi del bambino, supporta la donna durante travaglio e parto, è una presenza costante che non lascia mai sola la mamma in questo momento così delicato suggerendo posizioni ed esercizi di respirazione che alleviano il dolore delle contrazioni.

Solitamente effettuiamo massaggi con oli essenziali e alcune utilizzano i fiori di Bach. Facciamo da tramite con il personale ospedaliero e supportiamo anche il padre, laddove è necessario, in modo che a sua volta possa essere vicino alla madre.

In quale atmosfera e’ avvenuta la nascita piu’ bella che ricordi ? E perche’ rappresenta il ricordo a te piu’ caro?

Ogni nascita è un evento meraviglioso, comunque essa avvenga. A volte anche parti difficili lasciano addosso dei bellissimi ricordi.

Ricordo lo sguardo di un bambino appena estratto con un cesareo d’urgenza, tenuto per i piedi e di schiena, il bambino ha tirato su la testa come se stesse cercando lo sguardo della sua mamma e quando ho detto alla mamma di aprire gli occhi perché suo figlio la stava cercando c’è stato un momento di forte emozione…..io ero li di fianco a lei e quello sguardo mi resterà nel cuore per sempre, era uno sguardo di approvazione come voler dire “mamma guardami, finalmente sono qui”: è stato davvero unico!

Oppure ricordo un bellissimo travaglio avvenuto con un’ostetrica, e il padre del bambino. La donna si è affidata completamente, si è rilassata e un parto che sarebbe dovuto finire in cesareo ha preso improvvisamente un’altra svolta e in 2 ore la donna ha partorito accovacciata tra le braccia del marito e senza quasi nemmeno sentire dolore. E’ stato una dei parti più dolci a cui ho assistito e mi piacerebbe che tutte le donne potessero provare l’emozione di partorire dolcemente.

Qual è il compito della Doula? In che modo concorre ad una gravidanza, ad un parto e ad un puerperio il più consapevoli e felici possibile?
Il compito della doula è quello di essere presente, in qualsiasi momento la donna abbia bisogno. La doula è un punto riferimento per tutto ciò che gira intorno alla gravidanza e alla maternità.

La doula valorizza le capacità naturali della donna e coinvolge il padre nel suo nuovo ruolo, potenzia quindi le abilità dei neogenitori. Sostiene l’allattamento al seno ed è di aiuto per organizzare i primi giorni a casa.

E’ un supporto emotivo in quanto le donne spesso hanno bisogno di essere ascoltate senza avere la paura del giudizio altrui e hanno bisogno di sentirsi libere di esprimere i loro sentimenti e paure.

La doula è anche un aiuto fisico: spesso la donna non riesce a trovare un momento per rilassarsi e fare una doccia; la doula si prende cura di lei preparandole qualcosa di buono da mangiare, facendole la spesa e magari accudendo il neonato mentre lei si fa una buona doccia o una sana dormita rigenerante.

La Doula si pone, oltre che come sostegno per le mamme, anche come punto di riferimento, in qualche modo, per la coppia che magari incontra un momento di difficoltà a causa della stanchezza dovuta alle fatiche dell’accudimento?

Si certo, spesso la stanchezza della mamma non viene capita all’interno della coppia e spesso si creano dei meccanismi che anziché avvicinare, allontanano i partner. Noi dobbiamo cercare di fare da intermediari in situazioni delicate dove i papà si sentono lontani da un rapporto esclusivo tra madre e figlio, ci adoperiamo per fargli capire che anche loro sono importanti.

Come si pone la Doula davanti ad una mamma che soffre di depressione post-partum?

Quando ci troviamo davanti ad una donna che soffre di depressione post partum cerchiamo di capire il “livello” di depressione che abbiamo di fronte.

Spesso basta semplicemente stare molto vicino alla donna, farla sentire più sicura e serena, risolverle i problemi che per lei sono insormontabili e magari con un buon massaggio bioenergetico si va a riequilibrare l’energia bloccata.

Può capitare, però, che a volte la depressione sia molto più profonda e importante, in quel caso il nostro essere di supporto è anche quello di indirizzare la mamma verso un aiuto più specifico, continuando tuttavia a sostenerla insieme al nuovo specialista.

Si può sperare che i servizi della Doula vengano ad essere in futuro coperti dal servizio sanitario?

Sarebbe l’ideale ma c’è ancora molto da fare prima che questo possa succedere. Per ora stiamo cercando di far riconoscere questa figura come figura professionale, sarebbe già un successo.

Purtroppo le donne che hanno bisogno di aiuto si trovano in tutti gli strati sociali e non tutte possono permettersi di avere una doula.

Il sogno di molte doula sarebbe quello di poter riuscire ad aiutare tutte le donne, facendo anche tanto volontariato.

Loredana posso chiederti qual e’ l’onorario approsimativo di una doula e se sono previsti forfait per lunghi periodi?

Dunque di solito sono previsti dei “pacchetti” che prevedono il pre + parto, oppure il post oppure il pre+parto+post. Il costo comunque si aggira tra i 12 e i 20 euro l’ora a seconda della quantità di ore.

Per contattare Loredana:

http://www.facebook.com/group.php?gid=201803493624
tel 338-3159862
mail: doula.milano@virgilio.it

Leggi anche

Seguici