Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Fare il Bambino è Faticosissimo

Fare il bambino è faticosissimo, nel video la dimostrazione di questa verità assoluta! Un giorno intero nei panni di un bimbo sfinirebbero anche un campione

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

23 Ottobre 2015

Se voi mamme avete sempre pensato che fare questo mestiere sia il più faticoso al mondo, è perché non vi siete mai messe nei panni del vostro piccolo, il cui ruolo,  a giudicare da questo video che vogliamo condividere con voi oggi, risulta essere ancor più faticoso del vostro

Fare il bambino è faticosissimo, un video ve lo dimostra.

 fare il bambino è faticosissimo

Il video è di quelli provocatori, che solo i migliori pubblicitari potevano pensare.

E’ stato lanciato come spot della famosa marca di calzature New Balance, che ha reclutato per l’occasione uno sconosciuto per noi italiani Dale Steyn, famoso invece nel suo paese.

Dale Steyn infatti è famoso nel suo paese, il Sud Africa, perché è un campione di cricket, sport per noi tutt’altro che seguito.

Il campione ha prestato il suo volto a questa pubblicità, e si è messo nei panni di un bambino per un intero giorno.

Il risultato è un video divertentissimo, che mostra che fare il bambino è faticosissimo, per tutto quello che la tenera età concerne.

Fare il bambino è faticosissimo, vi dico perché.

Il video si apre con Dale che si prepara all’incontro con il suo rivale: un piccolo di neanche un anno che a stento fa qualche passo.

E vedrete voi miscredenti perché fare il bambino è faticosissimo!

fare il bambino è faticosissimo

Provate voi a mangiare con quel cucchiaio di plastica, e a sbatterlo insistentemente sul tavolo, e lanciare gli oggetti come il miglior battitore di cricket, che deve centrare la porticina avversaria (il wicket, nel video).

Che dire poi della bontà della colazione, fatta da uova strapazzate e acqua da tenere in bocca o ancor di più mescolare con il dito “DENTRO” la bocca.

Un’altra impresa titanica che un bambino deve affrontare è il cammino.

Perché siamo tutti bravi a dire “Che ci vuole”, ma se si hanno pochi mesi di esperienza è comunque una prova ardua.

Il mestiere di bambino prevede poi il giocare per molto tempo, che sembra facile, ma è stancante più di una partita di cricket!

Tutto il giorno a camminare (e male pure), esplorare, portare a passeggio cavallini e animali con le ruote, pupazzi più grandi di noi, e siamo ancora alle 10.04 del mattino!

Per fortuna poi si può dormire, ma mica per troppo. Un  paio d’ore al massimo e poi vai, a tutta birra su per le scale, gattoni però, in salita e pure in discesa.

Dopo è la volta della palla, poi ancora un’arrampicata, un passaggio o anche due nel tunnel e una breve pausa lettura in terrazza, per rinfrancarsi un po’.

Dopo pranzo è il momento del parco, dove si corre, si grida a squarciagola, si corre ancora e si provano esercizi già più difficili.

 E non crediate che il momento di fare il bagnetto sia una cosa rilassante come ve l’hanno raccontata le mamme!

Per prima cosa, ci vuole grinta anche per riuscire a uscire da quelle tutine che ti infilano con i soli bottoni sul retro.

Insomma mentre alle 10 il bambino è in pigiama ma ancora super attivo che va avanti e indietro per casa, Dale è sfinito dalla giornata passata a fare il mestiere di bebè.

Chiude gli occhi per la stanchezza mentre il rivale se ne sta beatamente a trascinare oggetti per il soggiorno, perché

in fin dei conti, il vero atleta, è lui, mentre il campione ha proprio dimostrato che fare il bambino è faticosissimo!

Guarda il video

 
Per guardare il video clicca sull’immagine qui sotto:

Leggi anche

Seguici