Seguici:

Riciclare i Pastelli per una Nobile Iniziativa: L’idea di un Papà

Riciclare i pastelli di cera: papà fonda un'organizzazione che raccoglie e ricicla vecchi pastelli, e lo fa per una nobile causa a favore dei più sfortunati

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

24 Novembre 2015

L’iniziativa di cui vogliamo parlare oggi è l’opera di un papà dal cuore d’oro che ha pensato di riciclare i pastelli e dar loro nuova vita mettendoli nelle mani di bimbi meno fortunati di altri.

Già riciclare i pastelli, e tutto quello che può essere riutilizzato con uso anche inconsueto è degno di essere raccontato, quando poi questo passa per far felici bambini ricoverati in ospedali per cure lunghe o corte che siano, allora ci sentiamo in dovere di raccontarlo.

Riciclare i Pastelli, l’idea di un papà diventa un gioco per bambini sfortunati.

riciclare i pastelli un papà ha fatto questo

Si chiama Crayons Intitiative, e la storia di questa organizzazione no-profit è raccontata nel sito.

Noi crediamo che per crescere e imparare i bambini debbano sentirsi liberi di esprimersi e di esprimere la loro creatività attraverso l’arte.

Con dei pastelli in mano le storie possono essere spiegate, i sogni prendono forma, l’immaginazione può correre libera.

La Crayon Initiative è una organizzazione no-profit nata in California con un unico scopo. Promuovere l’arte nei bambini consentendo loro di avere accesso alle risorse necessarie

I pastelli di cera sono questo: semplici pezzetti di cera colorata, che servono a fare arcobaleni, che sprigionano immediatamente tutta la fanciullezza che è in ognuno di noi.

I pastelli sono come dei mattoncini per costruire la creatività dei bambini: cosa c’è di meglio che un astuccio di pastelli e di un foglio bianco per far divertire i piccoli?

Solo con questi due semplici oggetti si può andare ovunque, nello spazio, tra I dinosaur, si può disegnare una famiglia, dei mostri, non importa cosa, l’immaginazione provvede a dare l’idea, i pastelli le danno vita.

L’iniziativa è nata per volere di un papà, Bryan Ware, che ha pensato di raccogliere i mozziconi dei pastelli colorati di cera che i bimbi non usavano più nelle scuole e dar loro nuova vita con un procedimento semplice.

Si pensi, si legge sempre sul sito dell’organizzazione, che ogni anno tra 45 mila e 75 mila pastelli rotti o consumati vengono buttati nel paese.

riciclare i pastelli per i bimbi degli ospedali

I pastelli non sono biodegradabili, e e ci vogliono secoli per essere smaltiti.

Bryan ha invece pensato di realizzare una semplice attrezzatura, che fonde questi mozziconi di cera e cola questa in degli stampi, realizzando così dei nuovi pastelli, che con la sua organizzazione distribuisce nei reparti di pediatria degli ospedali.

 

Con un gesto semplice come riciclare i pastelli di cera si ottengono due nobili risultati: aiutare l’ambiente e i bambini meno fortunati costretti nei letti d’ospedale.

Durante la degenza in ospedale è importante che i piccoli continuino a vivere la loro vita nella quotidianità il più possibile.

L’arte aiuta questo intento, allevia l’ansia nei piccoli, provvede supporto psicologico, offre uno sfogo alla propria espressività.

riciclare i pastelli una nobile inziativa

Grazie all’iniziativa di questo papà molti ospedali ricevono ogni giorno delle confezioni di pastelli realizzati con dei vecchi mozziconi, e questo piccolo gesto risolve per qualche momento la loro ansia, o per lo meno allevia un periodo difficile per loro e le loro famiglie.

Noi vogliamo davvero complimentarci con questo uomo e papà, che presta la sua opera a favore di piccoli disagiati, per dar loro qualche momento di gioia e di spensieratezza.

 



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!
Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici