Seguici:

Bimbo Muore a 5 Anni di Tumore, Forse per i Fumi dell’Ilva

Bimbo muore a 5 anni di tumore forse a causa dei fumi dell'Ilva

Gioela Saga

di Gioela Saga

09 Giugno 2016

Le tragedie così grandi come la perdita di un figlio non devono mai essere dimenticate, soprattutto se le cause sono ancora incerte e gettano delle ombre pesanti su quello che poteva essere evitato e non è stato fatto: bimbo muore a 5 anni per un tumore al cervello, forse a causa dei fumi dell’Ilva.

Bimbo muore a 5 anni di tumore, forse la causa i fumi dell’Ilva

bimbo muore a 5 anni ilva

Sono ancora da confermare le ipotesi fatte fin da subito dai familiari del piccolo Lorenzo Zaratta morto quasi due anni fa a soli 5 anni. Eppure già le prime indagini scientifiche e mediche sembrano dare ragione a quel primo grido di disperazione che si era sollevato quando il piccolo si era ammalato di tumore al cervello.

 

Già il 17 agosto 2012 il padre, Mauro, era salito sul palco durante una manifestazione contro gli avvelenamenti del polo siderurgico che seguirono il sequestro dei sei reparti dell’area a caldo dell’Ilva e aveva mostrato le foto del figlio intubato, sofferente per il tumore che lo aveva aggredito e lo stava consumando. Sosteneva che “da quei camini” uscisse “gas in grado di modificare il Dna e provocare errori genetici come quelli del  figlio.”

 

Lollo si era ammalato a soli tre mesi di vita e ha lottato per 5 anni lunghissimi in cui ha conosciuto solo sofferenza, è stato sottoposto a ben 25 operazioni chirurgiche e numerosi cicli di chemioterapia molto pesanti. Eppure ha sempre combattuto da vero eroe, diventando uno dei simboli della lotta all’inquinamento nella terra dell’Ilva.

 

Quando un bimbo muore a 5 anni per un tumore e la sua vita è bruciata così nella sofferenza, non sembra che ci sia molto da aggiungere ma non è giusto dimenticare e perdere la memoria di tragedie così grandi che rimangono in sospeso, come l’interrogativo se tutto ciò potesse mai essere stato evitabile.

bimbo muore a 5 anni

Bimbo muore a 5 anni per un tumore: ecco la verità della mamma

Fin da subito è stato detto che la mamma Roberta aveva lavorato nel quartiere Tamburi prima e durante la gravidanza, proprio vicino al complesso industriale, e questo poteva essere una causa importante per la malattia del piccolo, inoltre il padre sottolineava come anche i suoi nonni, sua madre lavorassero lì e fossero morti di tumore a loro volta.

 

L’esposizione della mamma in una zona così a rischio tra ciminiere e parchi minerari può aver determinato la contaminazione fatale per il bambino.

Bimbo muore a 5 anni, il nesso tra la sua morte e l’Ilva emerge non sono solo dalle parole dei genitori ma anche da alcuni rilievi effettuati da un pool di scienziati.

 

Sembrava che l’accusa della mamma e del papà del piccolo Lorenzo non potessero essere provate e invece, stando alle ultime prove consegnate alla Magistratura, pare che questa storia possa essere tragicamente confermata.

Dall’analisi di alcuni campioni organici, predisposta già a suo tempo, è emerso un risultato sconvolgente: nel cervello di Lorenzo c’erano “numerosi corpi estranei” di natura metallica e ceramica. Nel suo corpo erano presenti acciaio e altre sostanze che non dovevano esserci, come ferro, zinco e persino silicio e alluminio.

 bimbo muore a 5 anni ilva

 

Dalla relazione di Antonietta Gatti, fisico e bioingegnere, emerge che il caso di Lorenzo è emblematico: era un bambino “ai suoi primi mesi vita”, quindi “l’esposizione all’inquinamento ambientale doveva essere quasi pari a zero”.

La causa – scrive la dottoressa Gatti che ha seguito la ricerca come consulente e ha steso la relazione – è da ricercare dunque nell’esposizione della madre durante la gravidanza.

All’epoca la madre viveva a Taranto e lavorava in una zona notoriamente soggetta a inquinamento di polveri da acciaieria e di numerose altre polveri, come quelle di magnesio e di zinco che risultano compatibili con la stessa provenienza.”

 

A tutto ciò si assocerebbe una predisposizione genetica a trasferire i tumori che ormai nella popolazione tarantina sta diventando sempre più frequente e si potrebbe dire endemica, cioè creando una tipicità genetica che ha aumentato vertiginosamente la frequenza soprattutto di cancro al cervello.

 

Eppure, neanche questa predisposizione, da sola, sarebbe bastata per far sviluppare o trasmettere un danno oncologico tale ma sono stati i fumi tossici ambientali a determinare la malattia, o meglio, per farla scatenare. Ora il procedimento giuridico continuerà per accertare la verità in ogni senso e rendere giustizia al piccolo Lorenzo e aiutare tanti altri come lui.

bimbo muore a 5 anni ilva

Bimbo muore a 5 anni: noi non lo dimentichiamo, nessuno dovrebbe

Noi non vogliamo dimenticare Lollo e chi sta ancora combattendo per la propria vita e quella dei familiari.

 

Ricordiamo le parole del papà quando ha parlato del suo bimbo fin dalla prima volta:

“Lorenzo ha un tumore al cervello dalla nascita e ha perso la vista. Io spero che continui a vivere e sono qui perché condivido la protesta della gente. Voglio però anche dire che i bambini della città devono poter vivere serenamente e in salute: bisogna fermare questo massacro”.

 

Fonte: Lagazzettadelmezzogiorno



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!
Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici