Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gabe Adams: bambino nato senza braccia e senza gambe

Gabe Adams è stato abbandonato alla nascita perché nato senza gambe e senza braccia, nonostante la vita lo abbia tradito, ha lottato per migliorarsi

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

31 Gennaio 2018

Quella che sto per raccontarvi è la storia di Gabe Adams, un bambino abbandonato alla nascita da colei che lo ha messo al mondo perché preoccupata di non riuscire a prendersene cura a causa del suo difetto congenito.

Il piccolo infatti è nato senza braccia e senza gambe, una condizione che non gli ha impedito di vivere una vita ricca di successi e grandi soddisfazioni e diventare un esempio di forza e determinazione.
 

Gabe Adams: bambino nato senza braccia e senza gambe.

 
Gabe Adams: bambino nato senza braccia e senza gambe
 
Gabe Adams è nato in Brasile 18 anni fa. La madre biologica, forse impaurita dalla condizione del suo bambino, decide di abbandonarlo e lasciarlo alle cure del personale ospedaliero.

Al piccolo viene diagnosticata la Sindrome aglossia-adattilia, meglio conosciuta come Sindrome di Hanhart, un difetto congenito caratterizzato dall’associazione di anomalie cranio-facciali ed anomalie degli arti.
 
Le anomalie cranio-facciali della Sindrome di Hanhart sono:
 

  • Microstomia (bocca piccola);
  • Micrognazia (sviluppo anomalo della mandibola);
  • Ipoglossia o Aglossia (parziale o totale assenza della lingua);
  • Palatoschisi (malformazione del palato);
  • Ipodonzia mandibolare;
  • Paralisi dei nervi cranici.

 
I difetti agli arti, che nella maggior parte dei casi coinvolgono tutti e 4 gli arti, sono invece le ipoplasie di grado variabile che possono comprendere l’assenza delle falangi distali o l’adattilia completa oppure l’amputazione parziale di un arto.
 
La storia del piccolo Gabe Adams, così come quella di molti altri bambini nati in condizioni disagiate o abbandonati dai propri genitori, si è poi diffusa in tutto il paese, ha oltrepassato il confine ed ha viaggiato per diversi stati fino a raggiungere gli USA, per l’esattezza lo stato dello Utah.

Qui, in un supermercato di Kaysville, città situata nella Davis, è stata ascoltata dalla receptionist Janette Adams, moglie di Ron, un insegnante, e madre di 13 figli.

“Continuavo a pensare a quel bambino lontano in un ospedale senza braccia e senza gambe – racconta Janette – Non riuscivo a togliermelo dalla testa. Continuavo a chiedermi: Come lo nutrirei? Come lo vestirei? Come potremmo insegnargli a camminare?”.

Un pensiero che ben presto la convinse a recarsi in sud America insieme al marito ed avviare le pratiche dell’adozione.
 
Da quel momento in poi la vita di Gabe Adams diventa molto più ricca.
 
Nonostante avesse davanti a se una strada tutta in salita e piena di ostacoli, ora il bambino poteva beneficiare dell’amore e del sostegno dei suoi genitori adottivi che, sin da subito, gli hanno insegnato ad essere autonomo.

“Pensavamo di salvare qualcuno e dargli una vita migliore, ma in effetti è stato esattamente il contrario – racconta Ron – Ci ha salvato e ci ha dato una vita migliore. Averlo in giro è stato così stimolante e motivante. Si sforza sempre di migliorare se stesso”.

 

Nel novembre del 2011 sul canale YouTube dell’emittente televisiva KUTV viene pubblicato un servizio riguardante proprio Gabe Adams.

 
Ormai 12enne, quel piccolo bambino senza braccia e senza gambe abbandonato dalla madre era diventato un adolescente forte e determinato che ogni giorno si esercitava e allenava – uno dei suoi esercizi quotidiani era salire e scendere da solo le scale per 20 volte in 20 minuti – per poter essere indipendente.
 
Gabe Adams: bambino nato senza braccia e senza gambe
 
Usa la sedia a rotelle solo per percorrere il tragitto da casa a scuola e viceversa, per tutti gli altri compiti come vestirsi, prepararsi la colazione, pettinarsi, studiare, prendere appunti a scuola o altro era del tutto autonomo.
 
Gabe Adams ha sempre affrontato le sue sfide quotidiane con grande impegno fino ad arrivare a coronare il suo sogno: ballare.
 
Quando frequentava la scuola media, quindi dall’età di 12 anni, ha iniziato ad allenarsi come ballerino per poter partecipare ad un talent show organizzato nella sua scuola.

“Eravamo sbalorditi – racconta Janelle – Non ne avevamo idea. Ha inventato le sue mosse di ballo e ci ha lavorato per diversi mesi. Dopo la performance di Gabe, tutti sono balzati in piedi e gli hanno fatto una standing ovation”.

Quello è stato il momento in cui Gabe Adams ha capito che poteva esprimersi attraverso la danza, passione che ha continuato a coltivare nei successivi anni.

“Ho sempre desiderato essere qualcosa di più del bambino sulla sedia a rotelle – ha raccontato il ragazzo – Mi sento libero ogni volta che ballo. Nient’altro si avvicina ad esso”.

Inarrestabile e ben determinato, nel 2015, ossia quando 17enne inizia a frequentare il secondo anno della Davis High School, Gabe Adams, insieme ad altre 28 ragazze, entra a far parte della squadra di danza della scuola, la Davis High Dance Company.
 
Gabe Adams: bambino nato senza braccia e senza gambe
 

“I miei compagni di squadra mi trattavano come una persona normale e non guardavano la mia disabilità ma solo la mia capacità di ballare e di far parte di una squadra” ha dichiarato il giovane.

 
D’altro canto Gabe Adams è stata una fonte di ispirazione per le sue compagne che, osservandolo, trovavano la forza per andare avanti, comprendendo che nulla è impossibile se lo si desidera realmente.

“È una grande fonte d’ispirazione per tutti noi – spiega la sua ex compagna di squadra Tori Nybo – Ogni volta che faccio fatica a realizzare un passo guardo Gabe e mi rendo conto che possiamo fare qualsiasi cosa. Essere semplicemente accanto a lui trasmette buone vibrazioni a tutta la squadra. È umile e gentile e ha imparato la lezione più importante della vita: come essere felici”.

 

Oggi Gabe Adams ha 18 anni, è un ballerino e un oratore motivazionale, ossia una persona che, attraverso il racconto della sua storia, è in grado di infondere coraggio e speranza in chi cerca di cambiare la propria vita.

Lui ci è riuscito pur non avendo gambe e braccia e senza mai perdere il sorriso.
 
 
Qui di seguito il servizio su Gabe Adams realizzato dalla KUTV.
 

 
 
Qui di seguito il video di una performance di Gabe Adams insieme alla Davis High Dance Company.
 

 
 
 
Fonte: Today People Orphanet

 

 

 

 

 

Leggi anche

Seguici