Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Sintomi della Sindrome di Asperger, quali sono e come riconoscerli

L'articolo che vi proponiamo non è sostituibile ad alcuna valutazione medica e si propone solo come testo divulgativo. Vuole dare una mera indicazione di massima relativa ai sintomi della Sindrome di Asperger, una patologia ancora oggetto di studio e discussione.

Marcella Aliberti

di Marcella Aliberti

19 Marzo 2019

I sintomi della Sindrome di Asperger possono essere facilmente confondibili e la SA è ancora una patologia per un certo verso controversa e  sconosciuta, essa, infatti, è tuttora oggetto di studio.

 

Sindrome di Asperge

Fonte immagine 123RF con licenza d’uso

 

Cosa si sa della SA, quali sono i sintomi Sindrome di Asperger, come si manifesta e a quanti anni è possibile una diagnosi?

 

L’Asperger è una malattia che comporta un’alterazione dello sviluppo celebrale. Comunemente chiamata SA è annoverata tra le patologie che si manifestano con un disturbo dello spettro autistico,  ma a differenza dell’autismo ad alto funzionamento, non vi è ritardo cognitivo.

 

Negli individui affetti da SA le maggiori espressioni di questa patologia si evidenziano nella difficoltà di gestire  i rapporti  sociali,  dovuta ad un limitato centro di interessi e argomenti.

 

Quali sono i sintomi della Sindrome di Asperger?

 

  • Isolamento sociale
  • Ansia
  • Difficoltà a scuola, al lavoro e nei rapporti personali
  • Interessi molto ristretti
  • Monotonia nel tono di voce
  • Sensibilità alla luce, ai suoni, al gusto
  • Tipo di deambulazione impacciata o donodolante
  • Difficoltà a comprendere l’ironia o ad intendere espressioni del linguaggio in maniera diversa da quella letterale.

 

Ultimamente questa sindrome è diventata familiare al grande pubblico perchè ne è affetta Greta Thunberg, la bimba che si batte per il clima.

 

Quali sono i sintomi della Sindrome di Asperger nei bambini?

Diagnosticare una patologia come la SA nei primi anni di vita è molto difficile. Questo perché alcuni sintomi di questa patologia possono essere facilmente confusi con le fasi sviluppo di un organismo in crescita, che come sappiamo sono sempre diverse da bambino a bambino.

 

E allora quando preoccuparsi?

 

I sintomi della sindrome di Asperger sono riconoscibili quando a partire dal terzo anno di vita notiamo queste particolarità:

 

  1. Ritardo nella socializzazione o disinteresse per i giochi di gruppo
  2. Difficoltà motorie in giochi come fare lo scivolo, saltare  o calciare la palla. (Anche la difficoltà nel salire o scendere le scale può essere un sintomo a partire da una certa età.)
  3. Interessi e argomenti molto ristretti.
  4. Linguaggio aulico, altisonante.

 

È proprio quest’ultimo aspetto una caratteristica importante, ovviamente se associata agli altri parametri. Sembrerebbe infatti cosa comune per molti soggetti con Sindrome di Asperger sviluppare notevoli capacità di eloquio già nella primissima infanzia tanto da sembrare, a causa del loro linguaggio forbito, dei piccoli professori.

 

È noto che capiti frequentemente che le persone con sindrome di Asperger mostrino un’intelligenza superiore alla media. Il motivo per cui questo avviene è ancora sconosciuto così come del resto tante altre cose di questa patologia. Nel mondo sono tanti i personaggi famosi che si dice siano o siano stati affetti da questa sindrome.

 

Ecco qualche esempio:

 

  • Wolfgang Amadeus Mozart: compositore e pianista austriaco
  • Bob Dylan: cantautore e compositore statunitense
  • Steve Jobs: imprenditore, informatico e creatore della Apple
  • Alfred Hitchcock: regista cinematografico britannico
  • Henry Ford: imprenditore e fondatore della Ford Motor Company
  • Graham Bell: inventore del telefono scozzese-americano
  • Michelangelo Buonarroti: scultore, pittore, architetto e poeta italiano
  • Thomas Jefferson: 3º presidente degli Stati Uniti d’America
  • Albert Einstein: fisico e filosofo, ha mutato per sempre il modello di interpretazione del mondo fisico
  • Vincent Van Gogh: pittore impressionista fiammingo
  • Charles Darwin: naturalista, celebre per aver formulato la teoria dell’evoluzione
  • Isaac Newton: matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo inglese

 

Un piccolo elenco, che evidenzia in maniera chiara che, se accettata e supportata, questa patologia può trasformarsi in un valore aggiunto nella vita di chi la soffre e di chi lo circonda. Troppo spesso invece accade che gli “Aspie” così come vengono comunemente chiamati i portatori di questa patologia, e le loro famiglie vengano lasciati al loro destino. In quest’ultimo caso è frequente che il disagio generato dalla condizione abbia la meglio, provocando ansia sociale e depressione nelle persone che  sono affette da SA.

Leggi anche

Seguici