Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il vero significato della festa della mamma

Anche questa festa è diventata commerciale, ma il vero significato della festa della mamma è più importante dei regali, delle torte o del pranzo fuori casa!

Federica Federico

di Federica Federico

12 Maggio 2019

Le mamme “orfane” dei propri figli (qualunque sia il modo in cui sono divenuti eternamente “lontani”) ci indicano, oggi più che mai, il vero senso della maternità, il vero significato della festa della mamma.

 

Queste donne coltivano la loro maternità oltre il tangibile, oltre lo spazio in cui noi (“mamme normali”) tocchiamo, vediamo, sgridiamo e comunichiamo con i nostri figli.

 

il vero significato della festa della mamma

Il vero significato della festa della mamma sta proprio oltre il tangibile

 

Non conta l’età di un figlio e nemmeno quella della mamma, conta solo l’assenza. Non tutte le mamme a cui oggi diciamo “Auguri” sono madri di angeli, alcune sono mamme di figli scomparsi, il messaggio che comunicano, però, è univoco:

 

il mondo cambia e fa progressi attraverso l’amore delle mamme e la forza prorompente di questo sentimento è capace di scavalcare ogni confine (anche quello fisico della presenza).

 

La mamma di Melania Rea, la mamma di Yara Gambirasio, la mamma di Denise Pipitone, la mamma delle gemelline Schepp, la mamma di Sarah Scazzi, la mamma di Meredith Kercher, la mamma di Nicole Di Pietro , la mamma di Angela Celentano sono tutte “madri orfane dei figli“, ma sono anche tutte donne baluardi dell’amore.

 

 

Come loro, baluardi dell’amore sono tutte le donne che, dopo aver dato la vita, hanno perduto i figli rimanendo deprivate del sostegno vitale dell’amore più grande:

 

l’amore più grande è “il tuo bambino”, quella parte di te a cui dai tutta te stessa, ogni cellula del tuo essere, ma di cui, contemporaneamente, ti nutri.

 

Letteralmente è orfano il minore che perde uno o entrambi i genitori (questa la definizione da vocabolario), ma emotivamente è orfana anche la mamma che perde suo figlio. L’amore genitore-figlio è bidirezionale. Il legame speciale di vita che si viene a creare tra queste creature, che tanta parte hanno nel futuro del mondo, è energia vitale per il mondo stesso.

 

La mamma crea la vita – la vita del figlio crea l’energia di cui la mamma si nutre per avere cura delle sue creature e questo flusso energetico, propositivo e volto al futuro, si muove costantemente intorno a noi.

 

Se non ci fosse il coraggio delle mamme e il loro amore non ci sarebbe futuro per il mondo, è questo il vero significato della festa della mamma

 

Le donne sono state a lungo considerate esseri fragili, eppure il loro corpo si apre per dare la vita, lo fa dopo aver custodito il “nucleo” della vita stessa e averlo plasmato in forma umana;

 

le donne sono state considerate a lungo inferiori agli uomini, eppure gli uomini sono nati dalla carne della donna e sono stati plasmati dalla sua educazione;

 

le donne sono state a lungo considerate oggetto, eppure senza la loro propositiva disposizione alla vita il mondo fermerebbe le nascite e con esse il futuro.

 

Qui sta il vero senso della festa della mamma, in questo riscatto d’amore che le mamme orfane dei porri figli dimostrano più di ogni altra creatura al mondo.

 

Tutte le donne che abbiamo citato non hanno sprecato nemmeno un ricordo, nemmeno una goccia dell’amore per i figli “lontani”, ciascuna di loro ha combattuto e combatte in nome dell’amore. Qual è il risultato ultimo di tutto ciò?

 

Il risultato è che il mondo continua a nutrirsi positivamente del legame tra queste donne e i loro figli.

 

La mamma di Melania Rea ha accolto sua nipote e combattuto perché sua figlia ricevesse verità e giustizia facendo, infine, di Melania un esempio per tutte quelle donne che soccombono a matrimoni in cui il rispetto, l’affetto e la reciprocità sono perduti;

 

la mamma di Yara Gambirasio segue e sostiene i ragazzi impegnati per lo sport e in nome della figlia porta aiuti a quei giovani talenti sportivi che mancano dei mezzi materiali per coltivare le loro passioni (lo fa con l’associazione “La passione di Yara“);

 

la mamma di Denise Pipitone ha fatto del nome di Denise una bandiera di coraggio, ogni giorno lotta con tenacia contro l’omertà e la falsità;

 

la mamma delle gemelline Schepp, la mamma di Sarah Scazzi, la mamma di Meredith Kercher, la mamma di Angela Celentano, la mamma di Nicole, non diversamente dalle altre, sono mamme d’amore eterno testimoni delle multiformi manifestazioni della vita.

 

La vita può toglierci tutto ma non il titolo di mamme!

Leggi anche

Seguici