Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera

Una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera: il pesante blocco di marmo prima è oscillato, poi è precipitato sulla bimba schiacciandola

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

22 Novembre 2019

Una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera, i genitori la credevano al sicuro: era a scuola (anzi al convitto) a studiare, nemmeno l’ombra dell’idea di una simile tragedia poteva attraversare la mente di chi l’amava e l’attendeva a casa.

 

Una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera

Una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera.
Immagine di repertorio con fonte 123RF.com con licenza d’uso.

 

Nella chiesa dell’Educandato Uccellis, un convitto a Udine, una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera, la dinamica dell’incidente:

 

la tragedia è avvenuta tra le 17 e le 18 di giovedì pomeriggio, la chiesa si trova nell’area della struttura in cui gli studenti – sia quelli delle scuole primarie e che quelli delle secondarie di primo e secondo grado – svolgono le attività di studio pomeridiane.

 

A quanto pare, la bimba si sarebbe aggrappata all’acquasantiera, molto probabilmente per gioco. In un primo momento la stessa acquasantiera avrebbe oscillato fortemente causando la caduta della piccola e un istante dopo le sarebbe letteralmente piombata addosso colpendola, mentre era già sul pavimento, e impattando violentemente contro il suo petto.

Non è difficile immaginare il peso dell’acquasantiera e la violenza dell’urto.

 

Una bimba di sette anni è morta schiacciata da una acquasantiera i soccorsi immediati e la corsa in ospedale non sono valsi a a salvarle la vita.

 

La piccola è deceduta a causa dei gravi traumi riportati. Sono in corso le indagini dei Carabinieri e degli ispettori dell’azienda sanitaria.

 

Alla famiglia va il cordoglio di VitadaMamma, mentre la nostra attenzione è alta sul concetto di sicurezza così come dovrebbe essere percepito da chiunque in quei luoghi e in quei contesti in cui si muovono dei bambini:

vicende tragiche e fatali come questa, incidenti imprevisti e improvvisi, debbono insegnarci che i bambini sono capaci di mettere in pericolo se stessi in modo sorprendente e velocemente, tramutando in pochi attimi le sorti di una vita intera.

Gli adulti restano i solo a doversi fare carico della previsione dei pericoli. Spesso è valida e salvifica solo la capacità di prevedere e isolare un pericolo potenziale.

Leggi anche

Seguici