Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa

La figlia di Elena Ceste scrive una toccante lettera e chiude lo scritto con una dedica rivolta ai nonni materni che stanno crescendo lei e i suoi fratelli.

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

09 Giugno 2020

“Sono loro gli artefici di questo miracolo di unità”.

 

In questa frase scritta da Elisa Buoninconti, la figlia di Elena Ceste, è racchiuso, a parer mio, quel senso di famiglia che i 4 figli della casalinga di Costigliole d’Asti sembravano aver perduto dopo la morte della loro madre, avvenuta per mano del padre.

Un’unità familiare conquistata passo dopo passo, un cammino tutto in salita e non privo di ostacoli che i 4 fratelli hanno affrontato grazie all’aiuto dei nonni materni.

 

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa


 

La figlia di Elena Ceste: il dramma vissuto dai quattro fratelli.

 

In un solo anno Elisa e i suoi fratelli si sono visti portar via l’amore della loro madre, il calore delle sua braccia ed il conforto che donavano loro. Sono stati privati della loro famiglia, una straziante sofferenza causata da colui che li avrebbe dovuti proteggere da un simile dolore.

 

È impossibile dimenticare quanto accaduto ad Elena Ceste, casalinga 37enne di Costigliole d’Asti, piccolo comune piemontese situato nella provincia di Asti. Scomparsa dalla sua abitazione il 24 gennaio del 2014, la donna fu ritrovata priva di vita il 6 novembre di quello stesso anno in un canale situato vicino la sua abitazione.

 

Il 29 gennaio del 2015, ad un anno dalla sua scomparsa, il marito Michele Buoninconti venne arrestato con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere. L’ex vigile del fuoco venne in seguito condannato a 30 anni di prigione, sentenza di primo e secondo grado e confermata dalla Cassazione.

L’uomo, attualmente detenuto nel carcere di Alghero (SS), ha inoltre perso la potestà genitoriale e non ha più avuto contatti con i 4 figli, vittime innocenti di quell’atroce delitto.

 

Privati per sempre dei loro genitori, i quattro bambini/ragazzi, che all’epoca dei fatti avevano 14, 12, 10 e 7 anni, hanno dovuto ricostruire la loro vita, un traguardo che, come racconta la figlia di Elena Ceste, sembra sia stato raggiunto grazie all’aiuto dei nonni materni.

 

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa

Michele Buoninconti condannato a 30 anni di carcere per aver ucciso e occultato il cadavere della moglie Elena Ceste


 

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa Buoninconti.

 

Dopo l’omicidio della loro figlia che, seppur donna, madre e moglie, sarebbe sempre rimasta la loro bambina, Lucia e Franco Ceste hanno dovuto accantonare quel lacerante dolore e trovare la forza di crescere i loro nipoti, cercando di infondere in loro una nuova speranza.

 

Da nonni, i due coniugi si sono dovuti calare nuovamente nelle vesti di genitori, dovendo far fronte ai più classici problemi adolescenziali o di crescita, amplificati e resi ancor più dolorosi da quella profonda ferita inferta nei loro cuori ed in quelli dei bambini.

Sacrifici che i 4 fratelli hanno riconosciuto e apprezzato, imparando a rivalutare il concetto di unità familiare, come spiega nella sua lettera Elisa, la figlia di Elena Ceste.

 

“Posso dire che siamo tutti e quattro cresciuti con la consapevolezza ogni giorno dei nostri impegni e del nostro futuro e tutto questo grazie ai nostri super nonni che continuano quotidianamente a prendersi cura di me dedicandoci affetto e amore profondo tenendo unita la nostra famiglia”.

 

Elisa Buoninconti, primogenita di Elena e Michele, lo scorso Natale ha raccontato di sé e dei suoi fratelli in una lettera inviata all’associazione astigiana “J’amis d’la Pera”, missiva pubblicata nel Gennaio 2020 sul settimanale Giallo.

 

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa – Fonte foto Facebook


 

Il destinatario del racconto di vita della figlia di Elena Ceste non è stato scelto a caso, l’associazione infatti, consapevole delle difficoltà economiche dei coniugi Ceste, aveva organizzato una raccolta fondi per sostenere gli studi dei 4 ragazzi, riuscendo a consegnare loro nel dicembre del 2018 una cifra pari a 30mila euro.

 

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa

La figlia di Elena Ceste: le toccanti parole di Elisa – fonte foto La Stampa


 

“Ho il piacere con questa mia lettera di raccontarvi cosa è successo in questo anno, come siamo cresciuti noi ragazzi, cosa facciamo e come affrontiamo quotidianamente la nostra vita”.

 

Elisa, la figlia di Elena Ceste, oggi 19enne, nell’estate 2019 si è diplomata in Ragioniera e si è detta pronta ad entrare a far parte del mondo del lavoro – nella lettera spiega di esser stata assunta in un’azienda Albese – per poter contribuire al sostentamento della sua famiglia.

Il fratello R., oggi 17enne, è ancora impegnato negli studi, frequenta infatti il quarto anno di scuola superiore con indirizzo di perito elettromeccanico, e nel contempo si dedica alla sua più grande passione, giocare a calcio.

 

Il terzogenito G., oggi 15enne, ha iniziato a frequentare anche lui l’istituto superiore scegliendo l’indirizzo di perito elettronico-informatico, mentre il tempo libero lo vede impegnato, insieme al fratello maggiore, nel gruppo dell’Oratorio di Govone.

La piccola di casa, la 12enne A., ha invece iniziato la sua avventura nelle scuole medie, supportata dai suoi fratelli e dai nonni in questa fase di crescita così delicata.

 

Per quanto riguarda i nonni materni, la figlia di Elena Ceste li descrive come:

 

“Gli artefici di questo miracolo di unità. Con il loro impegno e i grandi sacrifici e rinunce hanno creato un forte legame diventato ancora più solido, che ci ha aiutato a superare difficoltà e momenti tristi e noi saremo grati per tutta la vita”.

 

Pur non potendo cancellare il loro passato, i figli di Elena Ceste hanno imparato a guardare avanti ma soprattutto hanno riscoperto il senso di unione familiare, grazie soprattutto ai loro nonni.

 
 

Fonte: LavocediAsti

Leggi anche

Seguici