Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come sarà l’ influenza 2020-2021, sintomi, cure e Covid-19

Federica Federico

di Federica Federico

12 Ottobre 2020

Non tutti sanno che lo studio dell’andamento delle influenze stagionali coinvolge anche l’osservazione di ciò che accade nell’altro emisfero del mondo: in Australia, sul finire della stagione invernale, il bilancio dei contagi è positivo: mentre nell’agosto 2019 i casi registrati come influenza erano circa 247mila, quest’anno i casi confermati sono stati poco più di 20mila. L’osservazione dell’emisfero australe, dove l’influenza gioca d’anticipo, ci aiuta a capire come sarà l’influenza 2020-2021.

 

Influenza 2020-2021

Influenza 2020-2021
Fonte immagine 123RF.com con licenza d’uso.

Influenza 2020-2021, come sarà secondo le previsioni?

 

Perché i casi nell’emisfero australe hanno subito un abbattimento così considerevole da un anno all’altro?

Secondo gli esperti, il contagio influenzale nell’emisfero boreale è stato limitato dalle rigide misure anti-Covid-19 nonché dalla più diffusa adesione alla campagna di vaccinazione antinfluenzale (largamente raccomandata in correlazione alla pandemia di Covid-19).

 

Come sarà l’influenza 2020-2021 in Italia?

 

E’ auspicabile un simile abbattimento dei contagi anche nel nostro paese per le medesime ragioni sopra citate.

Inoltre i virus e i ceppi coinvolti nella prossima influenza 2020-2021 non sono del tutto sconosciuti alla popolazione adulta. Infatti nella prossima ondata influenzale sono coinvolti due virus già noti: virus A, ceppo H1N1 e H3N2, e virus B/Victoria.

 

Inutile sottolineare che sono entrambi presenti nella composizione raccomandata dall’Agenzia Europea dei Medicinali per i vaccini trivalenti.

Altrettanto tautologico riportare il dato che segue: gli stessi virus influenzali appena elencati hanno caratterizzato l’influenza australiana, questo rende le previsioni veritiere e le comparazioni possibili.

 

Intanto il virus dell’ influenza 2020-2021, catalogato come di tipo A-H3N2, è già stato isolato in Italia: l’isolamento di siffatto patogeno è avvenuto in un bambino di 9 mesi a cui a Parma è stata diagnosticata l’influenza. La notizia è di pochi giorni fa.

 

Influenza 2020-2021

Influenza 2020-2021 Fonte immagine 123RF.com con licenza d’uso

Parma il primo caso identificato in Italia di influenza 2020-2021 per la stagione autunnale.

La Dottoressa Adriana Calderaro, direttrice della Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia dell’ateneo di Parma, responsabile dell’equipe che ha isolato, questo primo caso, in riferimento al virus ha dichiarato che è “non nuovo” e, rispetto ad esso, “gran parte della popolazione adulta ha dunque già sviluppato gli anticorpi”.

Precisando che: “Per questo,  non ci attendiamo grandi numeri nella popolazione adulta”.

 

La vaccinazione resta raccomandata per tutti coloro che hanno più di 6o anni, per i bimbi fino ai 6 anni (parlatene col pediatra), per i soggetti fragili (tutti quelli con patologie acute o croniche) e per tutti gli operatori sanitari. Anche le mamme in dolce attesa dovrebbero considerare col ginecologo l’opportunità del vaccino, quest’anno il nodo importante da tenere presente è la sovrapponibilità dei sintomi influenza – Covid.

 

Il vaccino quest’anno ha una diversa espressione anche sociale perché proteggersi dall’influenza minimizza le sovrapposizioni con la sintomatologia da Covid decongestionando ospedali, pronto soccorsi e ambulatori medici. Senza contare che solo il tampone scongiura la presenza attiva del Covid-19 in caso di sintomi, appunto definiti come confondibili.

 

Se è presumibile che molti adulti abbiano già incontrato nel corso della loro vita i virus della prossima influenza 2020-2021, discosto diverso deve farsi per i bambini: “E’ presumibile che molti non siano entrati in contatto con questo virus influenzale, data l’età, e dunque siano più suscettibili”, precisa  la dottoressa Calderaro.

 

Influenza 2020-2021

Influenza 2020-2021
Fonte immagine 123RF.com con licenza d’uso.

Influenza 2020-2021, ci vorranno ancora più settimane per l’effettiva diffusione epidemica influenzale, il culmine con l’arrivo delle temperature più rigide.

 

Tutti i virus coinvolti nella nuova influenza stagionale (in particolare A-H3N2, A-H1N1 e il virus di ceppo B) sono virus già circolati negli anni scorsi e ricompresi nel vaccino nelle cosiddette varianti attese. Queste sono le migliori notizie riguardo all’influenza 2020-2021

 

Inoltre il distanziamento sociale, soprattutto nelle scuole e nei pubblici uffici, nonché l’accurata igiene delle mani e degli ambienti potranno rappresentare un serio argine alla diffusione del patogeno. Del resto l’influenza ha gli stessi canali di trasmissione del Covid rispetto ai quali ci stiamo fortemente proteggendo:

il virus influenzale si trasmette per via aerea, viene veicolato dalle goccioline di saliva emesse da una persona infetta quando tossisce o starnutisce; oppure viene veicolato dalle mani contaminate toccandosi occhi, naso o bocca. Nello specifico la contaminazione delle mani avviene per contatto con superfici inquinate da secrezioni respiratorie. Qui vale la pena ricordare l’importanza delle distanze persona – persona e anche della seduta monoposto a scuola.

 

Come distinguere i sintomi dell’ influenza 2020-2021 dai sintomi del Covid?

 

Intanto non tutto è influenza, esistono anche sindromi para-influenzali, l’ influenza 2020-2021 ha tre sintomi caratteristici:

  • febbre alta con una insorgenza repentina e brusca;
  • malessere generale (sensazione di spossatezza, dolori muscolari, stanchezza);
  • sintomi respiratori.

 

Se uno di questi sintomi manca, o ce ne sono altri, per esempio diarrea e vomito, la patologia potrebbe essere diversa dall’influenza.

 

Un paragrafo a parte meritano i sintomi nei bambini (soprattutto molto piccoli) rispetto ai quali va sottolineato che l’influenza può manifestarsi anche con febbre non molto alta e con la presenza di diarrea.

Il mal di testa può sempre essere un sintomo conseguenza della compromessa condizione fisica.

 

Come distinguere l’ influenza 2020-2021 dal Covid-19?

 

Dal punto di vista clinico, data la sovrapponibilità dei sintomi del Covid con alcuni dei sintomi influenzali, non è facilmente possibile distinguere l’ influenza dal Covid-19 attraverso l’osservazione del paziente. I tamponi restano, ad ora, gli unici test certi per pronunciare una diagnosi definitiva di Sars-Cov-2.

 

Rispetto ai bambini, in modo particolare, l’osservazione di un solo sintomo – raffreddore oppure tosse, oppure febbre – rende probabile che non si tratti di Covid-19 ma di un’altra forma virale. Più sintomi insieme pretendono un approfondimento.

 

Resta salvo che i pediatri possono richiedere l’esecuzione di un tampone anche in presenza di un solo sintomo, non potendosi escludere in altro modo che si tratti di Coronavurs.

 

Influenza 2020-2021 quali farmaci sintomatici usare?

Usate rimedi naturali, come latte e miele per la tosse, fate un uso corretto e moderato degli antipiretici, mai assumerli prima che il termometro segni i 38,5°.

 

Vale anche quest’anno la raccomandazione di tornare a scuola o al lavoro dopo la convalescenza, rientrare troppo presto può compromettere la salute personale (pericolo di ricadute) e altrui (pericolo di contagio).

 

Si raccomanda sempre di non usare antibiotici in forma di automedicamento, solo il medico può valutarne l’opportunità dopo aver riconosciuto la sussistenza di sovrainfezioni batteriche.

Leggi anche

Seguici