Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Quali farmaci da tenere in casa in caso di nuovo lockdown

I farmaci da tenere in casa per gestire una piccola farmacia domestica: medicinali adatti a febbre, contusioni, mal di testa, allergie e scottature comuni.

Federica Federico

di Federica Federico

27 Ottobre 2020

L’emergenza sanitaria ancora in corso ci induce a fare i conti, più spesso che mai, con la necessità di gestire scorte domestiche di diverso genere (alimentari, mascherine, igienizzanti e eventuali medicinali): averne in casa equivale a minimizzare gli ingressi nei differenti negozi e supermercati. Personalmente ho sempre ritenuto utile la presenza in casa di una piccola farmacia domestica, e ora è giusto chiedersi, in modo particolare, quali farmaci da tenere in casa, anche in caso di nuovo lockdown.

 

Si parta dal presupposto che la casa non è una farmacia, pertanto è impensabile che l’armadietto dei medicinali possa accogliere farmaci necessari per ogni esigenza.

Si tenga altresì presente che l’automedicazione dei bambini e tendenzialmente sbagliata e sconsigliata soprattutto non vanno mai somministrati ai bambini i farmaci degli adulti e mai va loro somministrato alcun antibiotico senza previa visita e prescrizione medica.

 

E’ doveroso ricordare, inoltre, che è dispendioso e anti-ecologico custodire in casa medicine non di uso comune, si finirebbe per vederne scadere la maggior parte sprecandole a tutto danno delle proprie tasche e del carico di smaltimento\inquinamento che comporta la dismissione dei farmaci. 

 

I farmaci da tenere in casa per gestire una piccola farmacia domestica: medicinali adatti a febbre, contusioni, mal di testa, allergie e scottature comuni.

I farmaci da tenere in casa per gestire una piccola farmacia domestica: medicinali adatti a febbre, contusioni, mal di testa, allergie e scottature comuni.
Fonte immagine 123rf.com con licenza d’uso.

Quali farmaci da tenere in casa, anche in caso di nuovo lockdown?

 

Abbiate cura di tenete sempre in casa i farmaci specifici per le vostre patologie, ove soffriate di malattie che necessitano della somministrazione costante di una medicina.

Oltre ai farmaci specifici per eventuali patologie, è opportuno avere in casa medicine di prima necessità in caso di febbre, reazioni allergiche o urticanti, emicrania, lesioni o scottature .

 

In caso di febbre e influenza, lista farmaci da tenere in casa:

 

l’influenza è considerata un malanno stagionale, pertanto è opportuno avere in casa i medicinali di primo intervento necessari in caso di innalzamento della temperatura corporea.

Il consiglio è quello di tenere sempre in casa un antifebbrile, il paracetamolo è adatto sia per i bimbi che per gli adulti. Fate sempre attenzione ai dosaggi.

 

La Tachipirina in soluzione a sciroppo consente un dosaggio in base al peso, le gocce sono destinate ai bebè e ai bambini di peso compreso tra 3,2 kg e inferiore a 12 kg

le supposte, invece, vanno acquistate tenendo precedentemente conto di chi ne fruirà:

si parte da quelle per neonati da 62,5 mg (tra 3,2 kg e 5 kg di peso del bebè) fino ad arrivare a quelle 1000 per adulti, in gradazioni che passano per:

  • i 125mg (tra i 6 e i 12kg dei bambini);
  • i 250mg (tra gli 11 e i 20 kg di peso);
  • i 500mg (tra un peso di 21 e 40kg).

Anche l’acido acetilsalicilico (cioè la più comune Aspirina) ha un potenziale antipiretico ed analgesico, oltre ad essere un antinfiammatorio, ma è assolutamente inadatta ai bambini.

 

L’ibufrone esattamente come il paracetamolo è un antipiretico, come la Tachipirina va somministrato non prima dei 38.5 di febbre. Ciò a cui va prestata attenzione è la non sovrapponibilità dei farmaci: è sbagliato mischiate paracetamolo e ibuprofene.

 

Consiglio pratico: se la febbre resiste alla tachipirina, prima di passare all’ibuprofene consultate il medico. E’ una questione di principio attivo, il passaggio dall’uno all’atro deve essere compiuto secondo indicazioni mediche singolari e soggettive. 

 

A riguardo all’ibuprofene va detto che può essere somministrato solo a bambini più grandi dei 6 mesi di vita, a meno che il pediatra non ne riscontri la necessità e lo prescriva specificamente.

 

Per tranquillizzare le mamme è bene far sapere che non solo il Covid si manifesta con febbri tachipirinoresistenti, come questo virus anche alcune gastroenteriti, per esempio, possono causare innalzamenti della temperatura resistenti al paracetamolo.

 

In caso di scottature, lista farmaci da tenere in casa:

 

le scottature, quelle da contatto, come il contatto delle mani con una pentola calda, o quelle da sole (che vanno evitate con la protezione solare e la controllata esposizione), per essere lenite pretendono una pomata anestetica, ,’estate è lontana, ma era doveroso il riferimento alle scottature da sole. In ogni caso, in farmacia chiedete l’età di applicabilità e ricordate sempre che la prevenzione resta il miglior rimedio anti-scottature.

 

I farmaci da tenere in casa

I farmaci da tenere in casa, quali e come gestirli. Fonte immagine 123RF.com con licenza d’uso.

In caso di allergie, lista farmaci da tenere in casa:

 

si stima che gli italiani diversamente allergici corrispondano a ben 1\4 della popolazione.

E’ la natura dell’allergia a dettare la tipologia e le condizioni della reazione: irritazione cutanea o oculare, difficoltà respiratoria, prurito, le allergie più gravi possono avere conseguenze gravose, persino lo shock anafilattico. 

 

E’ buona norma per tutti, anche per chi non è un allergico conclamato, avere nella propria farmacia domestica un antistaminico e un corticosteroide (la Bentelan è il farmaco più noto della famiglia). Anche in questo caso va consultato il pediatra o il farmacista per la posologia, da calibrarsi sempre su peso e età.

 

In caso di mal di testa e dolori da ciclo, lista farmaci da tenere in casa:

 

il paracetamolo è un efficace antidolorifico da somministrarsi sempre con una particolare attenzione sulle dosi. Anche l’ibuprofene dà sollievo dai dolori.

 

In caso di vomito, diarrea e stipsi, lista farmaci da tenere in casa:

 

i fermenti lattici, riequilibratori dell’intestino e i probiotici non dovrebbero mancare mai in casa. E’ giusto tenere anche un anti diarroico oltre a conoscere l’importanza della reintegrazione idrica in caso di diarrea e\o vomito.

 

In caso di vomito o diarrea non curate mai il bambino con l’automedicazione, vostro figlio non è un adulto e la specialità di un organismo in crescita merita in questi casi l’attenzione del pediatra.

 

Acqua ossigenata, cerotti e garze sterili vanno sempre tenuti in casa. Un termometro non può mancare e in tempo di Covid l’indicazione migliore è quella di possedere anche un saturimetro, dispositivo di misurazione dell’ossigenazione sanguigna.

 

I farmaci da tenere in casa

I farmaci da tenere in casa e il saturimetro.
Fonte immagini 123RF.com con licenza d’uso.

Il tasso percentuale di ossigeno nel sangue rappresenta un valore comunemente corrotto dal  Covid. In generale una bassa saturazione (che di norma è indice di buona salute in un valore compreso tra il 95% e il 110%) può essere indice di un malessere respiratorio importante.

 

Ricordate  sempre di tenere tutti i farmaci lontano dalla portata dei bambini, redigete un elenco dei farmaci in vostro possesso e annotate la data di scadenza, i farmaci scaduti vanno gettati negli appositi raccoglitori, ce ne sono in tutte le farmacie.

Leggi anche

Seguici