Seguici:

Bonus centri estivi 2022

di Federica Federico

08 Giugno 2022

Campi estivi 2022

Anche quest’anno è stato confermato il Bonus centri estivi 2022, in sostanza lo stesso bonus campi estivi previsto lo scorso anno dal decreto-legge del 13 marzo 2021, n. 30. 

 

Bonus centri estivi 2022: cos’è e come funziona

Il bonus campi estivi rappresenta un beneficio economico a sostegno di bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni; la misura economica del bonus centri estivi 2022 arriva sino a 100 euro a settimana. Si tratta di un bonus regionale, perciò la sua erogazione non dipende dall’INPS ma da Regione e Comune, a seconda di come gli organi regionali e comunali si sono attivati.  

 

L’agevolazione dev’essere destinata all’iscrizione di bambini e ragazzi a centri e campi estivi e al pagamento delle rette. L’importo del beneficio, come già precisato nel primo paragrafo di questo scritto, può toccare i 100 euro a settimana ed è destinato ai ragazzi fino a 14 anni d’età.

Bambini e ragazzi diversamente abili

Detto importo può essere superiore ai circa 100€ alla settimana, infatti il tetto economico si innalza se il beneficio è destinato a bambini o ragazzi diversamente abili. Rispetto ai questi ulrtimi si innalza anche il tetto dell’età che arriva, appunto, a 17anni. 

 

Siccome si tratta di un bonus regionale e comunale, i requisiti per il computo economico del beneficio variano di regione in regione o di comune in comune e vengono fissati dai singoli bandi locali a seconda degli stanziamenti.

 

In quali regioni italiane si può presentare la richiesta

Ad attivarsi in Italia, al momento, solo l’Emilia Romagna, la Val D’Aosta, il Piemonte, nella città di Torino, con l’iniziativa “Estate Ragazzi” e le tariffe agevolate su base ISEE e il Friuli Venezia Giulia con l’iniziativa “Dote Famiglia”. L’auspico è che anche altre regioni o singoli comuni italiani riescano a stanziare un budget in favore delle famiglie a basso reddito, ciò per garantire ai bambini un luogo sicuro in cui passare almeno parte delle vacanze scolastiche.

Bonus centri estivi 2022 per i figli di avvocati e praticanti

In relazione al pagamento delle rette di centri e campi estivi, è previsto dalla Cassa Forense un contributo per gli avvocati e i praticanti.

 

Emilia Romagna: richiesta, condizioni e informazioni

L’Emilia Romagna ha stanziato 6 milioni di euro per finanziare il il bonus centri estivi 2022 stabilendo, altresì, che a poterlo richiedere sono i genitori o esercenti patria potestà di bambini e ragazzi tra i 3 e i 13 anni. Questo tetto d’età si estende fino ai 17 anni se i bambini sono affetti da disabilità accertata.

 

Sulla base dello stanziamento regionale, l’Emilia Romagna ha previsto un beneficio pari a 112,00€ alla settimana sino a un tetto massimo pari a 336,00€ per figlio.

 

Requisiti da soddisfare per ottenere il bonus centri estivi 2022 della Regione Emilia Romagna:

  • residenza presso uno dei Comuni della Regione;
  • ISEE in corso di validità non superiore a 28.000 euro;
  • il genitore richiedente deve essere parte di una famiglia mono o bi-genitoriale che faccia affidamento su un’unica fonte di reddito. Allo stesso modo possono richiederlo genitori disoccupati, in cerca di lavoro o in cassa integrazione.
 

Avvocati e praticanti: richiesta, condizioni e informazioni

A prevedere un’agevolazione economica per campi e centri estivi è anche la Cassa Forense, in questo caso il bonus è avallato da una cassa professionale e pertanto avvantaggia tutti gli iscritti, quindi  tutti gli avvocati e i praticanti.

 

A differenza del bonus regionale, questo beneficio consente alle famiglie di avvocati e praticanti di ottenere un rimborso in denaro che può raggiungere il 50% delle spese sostenute per l’iscrizione e l’assoluzione delle rette di campi e centri estivi. Il bonus della Cassa Forense interessa figli di avvocati e praticanti di età compresa tra i 3 e i 14 anni.

 

Possono richiederlo avvocati e praticanti:

  • iscritti alla Cassa;
  • dichiaranti un reddito complessivo inferiore a 65.000 euro e che non abbiamo ottenuto altri contributi o rimborsi per tali spese.
 

Bonus centri estivi 2022: come fare la domanda

Le domande legate alle erogazioni regionali del bonus, com’è per la domanda per la regione Emilia Romagna, devono essere presentate presso il Comune di residenza.

 

Avvocati e praticanti, invece,  possono presentare la domanda alla fine dell’estate, tra il 1° ottobre e il 31 ottobre 2022 corredandola delle prove documentali di tutte le spese sostenute per centri e campi estivi di bambini e ragazzi aventi diritto (ovvero in costanza dei presupposti requisiti di cui sopra).



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici