Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Reuben McNulty: il neonato aggredito e ucciso dai cani di casa

Reuben McNulty, 2 mesi di vita, è morto dopo 1 mese di agonia. Il neonato era stato aggredito e mutilato dai due cani domestici. Abbattuta la coppia di Staffordshire Bull Terrier

Federica Federico

di Federica Federico

28 Dicembre 2018

Il nome del bimbo immortalato nelle immagini che accompagnano questo testo era stato appena scritto nel libro della vita: Reuben McNulty, oggi è un angelo che ha vissuto metà della sua esistenza terrena in agonia a seguito dell’aggressione violenta dei due cani domestici, una coppia di Staffordshire Bull Terrier.

Reuben McNulty, 2mesi, è morto dopo 1mese di agonia era stato aggredito e mutilato dai due cani domestici. Abbattuta la coppia di Staffordshire Bull Terrier

Quando è volato in cielo, Reuben McNulty non aveva ancora compiuto due mesi 

 

Il 18 novembre, a un mese di vita, questo bimbo è stato aggredito dai due cani di casa; mutilato e ridotto in fin di vita, ha lottato per un mese circa rimanendo in bilico tra la vita e la morte. Il 14 dicembre si è spento lasciando intorno a se i più amari interrogativi ovvero perché mai e come quei due animali, da sempre docili, si sono trasformati in assassini?

 

Il nonno del bambino ha dichiarato che i cani non avevano mai dato segni di aggressività, la famiglia viveva in un piccolo appartamento di due camere a Yaxley, nel Cambridgeshire (Inghilterra).

 

La stampa internazionale fa sapere che Amy Litchfield, 28 anni,  la mamma e Danny McNulty, 31 anni, il papà, sono stati indagati, arrestati per negligenza e poi rilasciati. La morte del bambino è stata archiviata come un anomalo incidente e i due cani, dopo essere stati trattenuti nel canile della polizia, sono stati soppressi.

Reuben McNulty è stato ucciso dai due Staffordshire Bull Terrier di casa. Fizzy e Dotty sono stati soppressi.

 

La morte del neonato ha gettato nello sconforto la famiglia e i vicini di casa, la notizia ha scosso l’intero Regno Unito e non solo.

 

Ai media, un vicino –  che ha voluto mantenere l’anonimato –  ha raccontato che il papà si era ripromesso di fare attenzione agli animali che pur considerava come “i suoi bambini”.

 

La madre e il padre del piccolo non sono stati ritenuti responsabili né negligenti, probabilmente però qualcosa è sfuggito al loro controllo di padroni e genitori.

 

Ecco perché i cani si trasformano in assassini e aggrediscono i bambini, a cosa fare attenzione.

Leggi anche

Seguici