Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Autopalpazione del seno come si fa

AUTOPALPLAZIONE DEL SENO, CON POCHI GESTI PREVIENI IL TUMORE AL SENO

di la tua ostetrica Roberta

05 Settembre 2012

AUTOPALPLAZIONE DEL SENO, CON POCHI GESTI PREVIENI IL TUMORE AL SENO.L’autopalpazione del seno è un esame semplice da eseguire, ma che può salvare la vita.

Con pochi e semplici accorgimenti e, soprattutto, a costo zero, si può fare prevenzione e diagnosi precoce di tumore al seno.

Ogni donna, dopo i 20 anni, dovrebbe effettuare l’autoesame del seno con una frequenza di 1 volta al mese.

Inoltre, è consigliabile eseguire l’esame dopo la fine delle mestruazioni, poiché in questo periodo del ciclo il seno è meno gonfio e dolente. E’ oppurtuno effettuare il controllo ad intervalli precisi (esempio: sempre il IV giorno del ciclo).

Questi piccoli accorgimenti consentono di conoscere bene il proprio seno e di carpire ogni piccola alterazione o cambiamento.

L’esame del seno si divide in 2 fasi:

  1. OSSERVAZIONE
  2. PALPAZIONE

 

OSSERVARE:

autopalpazione del seno come si faOsservare il proprio seno davanti allo specchio in 3 posizioni diverse:

  1. Con le braccia lungo il corpo
  2. Con le braccia sopra la testa
  3. Con le mani che spingono sui fianchi e un po’ in avanti;
  4. Di profilo.

autopalpazione del seno come si faCosa osservare?

  • Eventuale differenza di dimensione e forma dei seni;
  • La presenza di rigonfiamenti;
  • Retrazione dei capezzoli;
  • Cambiamento del colore della pelle, eruzione cutanea o presenza di pelle a buccia di arancia;
  • Arrossamento e desquamazione della cute della mammella o del capezzolo;
  • Presenza di tumefazioni.

Si consiglia l’osservazione anche di profilo.

 

PALPARE

La palpazione si esegue in posizione eretta e in posizione supina.autopalpazione del seno come si fa PREVENZIONE

IN POSIZIONE ERETTA

Si porta il braccio destro dietro la testa e con la mano sinistra si esamina il seno destro e l’ascella, successivamente, nello stesso modo, si esamina il seno sinistro.

IN POSIZIONE SUPINA

Con un cuscino posizionato sotto la spalla destra e con la mano destra sotto la testa si esamina seno e ascella sinistra e viceversa.

 

COME SI ESEGUE LA PALPAZIONE?

Con i polpastrelli chiusi della mano si effettua una leggera pressione sul seno operando piccoli movimenti cirolari.

Esistono vari modi di eseguire l’autopalpazione: autopalpazione del seno come si fa

  • A quadranti (o movimento radiale): si divide il seno in quadranti e per ogni singolo quadrante si eseguono movimenti dal centro verso l’esterno del seno e viceversa;
  • In verticale: eseguendo movimenti “su e giù” facendo attenzione a ricoprire tutta l’area del seno e dell’ascella.
  • A spirale: partendo dall’area intorno al capezzolo verso l’esterno o viceversa.

 

 

 

COSA SENTIRE?

-presenza di nodi a carico della mammella e del cavo ascellare

– presenza di dolore che aumenta esercitando una pressione con le dita

 

Infine spremere il capezzolo per verificare l’assenza di secrezioni ematiche o siero-ematiche.

Leggi anche

Seguici