Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come Spiegare la Pasqua ai Bambini

Pasqua, come spiegare ai bambini il senso laico della pasqua

Federica Federico

di Federica Federico

20 Aprile 2014

La Pasqua è comunemente considerata come una festa spiccatamente religiosa. E di fatto lo è!
La pasqua ed  il natale individuano e sottolineano i due momenti emblematici della storia di Gesù: a natale i credenti festeggiano la nascita del Salvatore, a pasqua ne celebrano la rinascita ovvero la resurrezione.

Quello che non va trascurato è il senso laico della pasqua che, sdoganata dalla storia religiosa, è la festa della speranza!

Laicamente parlando, la religione, qualunque essa sia, qualunque origine ed ispirazione culturale abbia, altro non è che “filosofia” (o, per meglio dire, si radica in un’interpretazione ideale della vita).

Anche chi è più profondamente credente non dovrebbe mai negare a se stesso la possibilità di risalire all’ispirazione ideale che anima il racconto religioso.
L’ideale o il principio filosofico che il racconto religioso trasuda è paragonabile alla morale di una novella importante ed educativa.

Se raccontiamo ai nostri figli una novella lo facciamo perché ne traggano un insegnamento da mutuare e riportare nella vita. In questo senso l’insegnamento che dal racconto religioso va tratto può diventare un valido precetto di comportamento positivamente applicabile alla vita concreta.

Gesù fu un uomo di pace che con fermezza inseguì e predicò l’amore inteso come dono da offrire al prossimo senza risparmiare se stesso. In nome dell’amore ideale il Salvatore si immolò sulla croce, morì pur di non negare, risparmiare o sminuire i propri ideali.
La morale laica sta tutta qui: pasqua è la festa della rinascita intesa come la capacità dell’amore di rinnovare se stesso e l’uomo che se ne fa fiero portavoce.

 

Un’ideale forte e sempre eterno come l’amore può ricostruire l’animo umano e può contribuire a migliorare il mondo ed a cambiarne le sorti.

La natura è complice della pasqua perché adesso vive la sua primavera che è anch’essa rinascita.

La prima espressione dell’amore è il dono.

In questo senso donate ai vostri figli l’esempio della condivisione, quello della pace e quello della speranza.

Condivisione, pace e speranza si celebrano laicamente più fuori le chiese che non dentro le cerimonie religiose pasquali (e non). Tuttavia questi sentimenti si traducono in un altro precetto di cui la religione si fa testimone: il precetto della carità.

Siate caritatevoli col prossimo e sarete sempre testimoni della pasqua.  

Leggi anche

Seguici