Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bambino Autistico Va alla Sua Prima Festa di Compleanno

Bambino autistico va alla sua prima festa, ciò che viene scritto sul biglietto di invito è davvero commuovente

Gioela Saga

di Gioela Saga

07 Aprile 2016

Succede spesso che i nostri figli tornino a casa da scuola con un invito per un compleanno di un amichetto, è sempre un evento speciale, per qualcuno però lo è ancora di più. Per alcuni bambini purtroppo non è così scontato essere invitati alle feste e non lo è neppure poter accettare. Per un bambino autistico essere invitato ad una festa, ad esempio, comporta molte scelte da affrontare per la famiglia.

Bambino autistico va alla sua prima festa di compleanno

bambino autistico invitato ad una festa

Tricia scopre che suo figlio Timothy era affetto da autismo non verbale quando il bimbo aveva solo due anni. Per lui stare in mezzo alle altre persone, soprattutto se non le conosce molto e c’è molta confusione, può essere molto stressante, non è facile per lui interagire con gli altri. Una festa rappresenta per lui una sfida non da poco, con rumori, suoni, luci e tanta gente che finiscono con il disturbarlo e provocare anche crisi da dover gestire con competenza.

La mamma dice che nel corso degli anni Timothy, che ora ha sette anni, ha ricevuto tanti inviti per le varie feste di compleanno ma che ha sempre deciso di declinare a causa della difficoltà comprensibile a gestire il bimbo in situazioni del genere.

Normalmente però si trattava di inviti estesi a tutta la classe, una routine che Tricia ha comunque apprezzato ma che comprendeva erano solo dettati da educazione e non da un desiderio reale di avere Timothy tra gli invitati, anzi percepiva anche un certo sollievo a seguito del suo rifiuto.

Del resto cosa poteva fare la mamma di questo bambino autistico? Immaginava cose potesse accadere durante una festa e come Timothy avrebbe potuto anche rovinarla a causa della sua patologia acuita in un ambiente estraneo e rumoroso e la scelta le sembrava ovvia e scontata.

bambino autistico invitato ad una festa

Bambino autistico riceve un invito speciale

Un giorno però Tricia rieve un biglietto di invito del tutto inaspettato e speciale, fatto davvero con il cuore.

Era scritto dalla mamma del compagno di banco di Timothy e conteneva davvero un messaggio commuovente:

“Carter è il compagno di banco di Timothy e a casa parla sempre di lui. Spero davvero che possa venire. Abbiamo affittato un castello gonfiabile con uno scivolo. Avremo anche dei palloncini e delle pistole ad acqua. Timothy potrebbe venire prima che arrivi tutto il gruppo, se preferisce. Fatemi sapere in modo che possiamo organizzarci.”

La mamma del bambino autistico è profondamente commossa da queste parole perché capisce che questo non era un invito di circostanza ma davvero sentito e personale. Si commuove anche davanti al fatto che suo figlio potesse avere in qualche modo una vera relazione e che il suo compagno di banco fosse stato così sensibile da permetterli di instaurarla a suo modo, senza forzarlo ma apprezzando la sua compagnia per com’era.

Tricia dice che queste parole sono state per lei un segno di speranza per il futuro di suo figlio e anche un modo per riacquistare fiducia nell’umanità.

bambino autistico invitato ad una festa

Bambino autistico invitato ad una festa di compleanno

L’invito che riceve questo bambino autistico è davvero un esempio per tutti noi che spesso non osserviamo abbastanza la realtà che ci sta intorno e diamo molte cose come scontate. Partecipare ad una festa di compleanno è un momento di grande socializzazione per i bambini e gli inviti sono da valutare spesso molto più attentamente di quanto si pensi.

Ci sono bambini che per svariate ragioni sono meno coinvolti da questi eventi, magari per situazioni legate a patologie o di disagio sociale. E’ importante cercare di essere sensibili verso questi bambini e creare magari inviti personalizzati che li facciano sentire davvero voluti come è successo a Timothy.

Questa festa sarà speciale anche per Timothy e non solo per il bimbo che compie gli anni. Sicuramente è un regalo reciproco.

Fonte: Metro.co.uk, ThebookofTimothy

Leggi anche

Seguici