Seguici:

Neonati che NON Dormono: 10 Rimedi Naturali

Tutto quello che si può far per i neonati che non dormono

Gioela Saga

di Gioela Saga

13 Dicembre 2016

Tra le tante paure dei neogenitori, una delle più sentite è senza dubbio quella legata all’idea di dover affrontare delle notti in bianco con neonati che non dormono.

 

Il bambino naturalmente non ha ancora introiettato i ritmi di sonno e veglia come li percepiamo noi e non lo farà per molto tempo ancora, spinto solo dall’esigenza di dormire e mangiare alternativamente, indifferentemente tra giorno e notte; eppure ci sono diverse spiegazioni e rimedi naturali per aiutarlo in questo apprendimento faticoso.

 

neonati che non dormono rimedi naturali

Neonati che non dormono, che fare?

Per i neonati dormire è importante, un vecchio adagio popolare diceva che è meglio che dormano un po’ di più anche a costo di perdere una poppata e svegliali per mangiare non è mai una buona idea…

 

Cosa succede nei neonati che non dormono

 

I neonati che non dormono subiscono l’azione stressante che subiremmo in realtà anche noi quando siamo privati del sonno.

 

Teniamo anche presente che l’ormone della crescita, la somatotropina, GH (Growth hormone) viene secreta principalmente durante il sonno profondo notturno più ancora che durante quello diurno, dunque se un bambino dorme poco spesso non cresce adeguatamente.

neonati che non dormono rimedi

I consigli naturali per i neonati che non dormono:

1 – Cercate di fargli metabolizzare che la notte è un momento diverso dal giorno. Il suo parametro di riferimento è solo il nutrimento, dunque rallentare i ritmi delle poppate durante la notte dovrebbe già aiutarlo parecchio a pensare che è fatto più per dormire.

 

Fate passare almeno 3-4 ore dall’ultima poppata e solo quando siete sicuri che il pianto sia dovuto alla fame.

 

2 – Cercate di non creare un ambiente troppo ovattato durante il giorno, il bimbo deve aver ben chiaro, anche in modo inconscio che il sonno della notte debba essere più compatto e duraturo di quello del giorno, soggetto a maggiori disturbi. Addirittura c’è chi suggerisce di non farlo dormire al buio di giorno, in modo da sottolinearne ancora maggiormente la differenza.

 

Per i bambini più grandi, magari dopo i tre anni, valutate anche se è il caso di mantenere la nanna pomeridiana, potrebbe non esserci nessuna utilità, ma anzi potrebbe essere controproducente e togliere “forza” al sonno notturno. Inoltre non dovrebbe mai essere eccessivamente prolungata, dopo i tre anni non dovrebbe mai essere più di un’ora rigenerante.

Piuttosto provate ad anticipare la messa a letto serale. Spesso con i bambini è solo tutta una questione di equilibri e bilanciamenti.

 

3Cercate di “aiutarlo” meno possibile ad addormentarsi, il modo migliore è che lo faccia autonomamente, magari mentre mangia oppure cullato brevemente e poi accompagnato con un bacio ad addormentarsi nella sua culletta, per ridurre al minimo le lamentele, senza creare abitudini che poi si riveleranno essere armi a doppio taglio, come chi li abitua ad addormentarsi ballando, uscendo di casa, giocherellando con i capelli,…

 

E’ tutta questione di abitudine.

neonati che non dormono rimedi

Cosa fare con i neonati che non dormono

4 – Le abitudini positive invece ci stanno tutte e hanno una funzione rassicurante: il rituale della buonanotte è assolutamente auspicabile per dare al bambino quel senso ritmico di sonno e veglia che ancora non ha. Abituiamolo a una tabella di marcia che lui possa riconoscere istintivamente come preludio alla nanna. Quella classica è: bagnetto, fiaba della buonanotte e nanna.

 

Possono essere anche lasciare accesa una lucina notturna, qualche coccola in più, una preghierina semplice per chi crede, prendere un orsacchiotto di pezza per i bimbi più grandi, non per i più piccoli in quanto può rappresentare sempre un pericolo di soffocamento, basta qualcosa che segni il momento di addormentarsi.

 

Per contro evitate attività troppo stimolanti prima di andare a letto, i giochi troveranno spazio in un altro momento.

 

Molti genitori pensano che un bambino “stanco” dorma meglio, in parte è vero ma non se a ridosso della nanna, perchè il piccolo potrebbe rimanere sovraeccitato ed avere difficoltà ad addormentarsi, come quando noi, pur essendo stanchi non riusciamo a prendere sonno.

 

5Il bambino dovrebbe addormentarsi sempre nel suo lettino, deroghe sul divano o nel lettone portano ad abitudini diverse che non vogliamo giudicare ma che, dobbiamo esserne consapevoli, non saranno abbandonate facilmente in base alle nostre mutate esigenze.

 

Inoltre, valutate dal punto di vista della sicurezza l’eventualità di farlo dormire nel lettone.

 

Linee guida per prevenire la Sids, la Morte in Culla

neonati che non dormono rimedi

6 – Bisognerebbe cercare di rispettare più possibile gli orari. Andare a letto sempre ad una certa ora porta il bambino a conservare un’abitudine che concilia il sonno, una specie di reazione automatica. Se dovesse protestare, cercare di usare dolcezza ma anche fermezza, non scendete facilmente a compromessi perché spesso è solo un modo per mettervi alla prova.

 

Le deroghe esistono ma sono ben chiare in determinate e circoscritte a circostanze speciali.

 

7Se il bimbo si sveglia durante la notte, se è un neonato accertatevi che non abbia fame o verificate che non sia il pannolino troppo sporco, sia coperto troppo o troppo poco. Nel caso provvedete alla sua esigenza e vedrete che in poco tempo si riaddormenterà.

 

Considerate che se dovete cambiarlo, cercate di farlo nel più breve tempo possibile, nella penombra, senza giocherellare con lui come magari fate durante il giorno e piuttosto utilizzando solo delle salviettine in modo da ridurre al minimo il suo risveglio. E’ ovvio infatti che più si sveglierà e più difficile sarà farlo riaddormentare.

 

Se non riuscite ad individuare il motivo specifico, cercate di tranquillizzarlo con delle coccole direttamente nel lettino, facendogli sentire che non è solo. A volte infatti può aver fatto un brutto sogno o semplicemente sentirsi impaurito.

 

Prenderlo in braccio è una reazione comprensibile, materna e istintiva ma dovere essere ben consci che avrà una risposta altrettanto automatica: piango così mi prendono.

 

Se siete disposti a farlo, non c’è nulla di male, è solo una forma mentis ma di cui dovete conoscere lati positivi e negativi e accettarli.

SOS Neonati che non dormono

8 – Il ciuccio, il più amato oggetto da bimbi e spesso genitori che identificano con esso la possibilità di tranquillizzare il proprio bimbo. Sul ciuccio si è detto tutto e il contrario di tutto.

Pro e contro del ciuccio

neonati che non dormono rimedi naturali

 

Sappiate che sostanzialmente, per i neonati i rischi derivati dai ciucci di ultima generazione sono praticamente nulli e anzi, la comunità scientifica internazionale sottolinea che può essere uno strumento utile per la prevenzione della Sids e non comporterebbe problemi nell’allattamento come a volte si credeva.

Dunque se il ciuccio può aiutare a conciliare il sonno, ben venga.

 

9 – I neonati che non dormono possono avere alcuni disturbi fisici che è bene indagare con il proprio pediatra per escluderli: ingrossamento delle tonsille che rendono difficile la respirazione, il reflusso gastroesofageo, la dermatite atopica, l’asma, l’otite.

 

10 – Tra i rimedi da utilizzare con i neonati che non dormono, in accordo con il medico sulla dose e sulla tempistica, si può provare ad utilizzare la melatonina (l’ormone del sonno e del rilassamento che regola i ritmi di sonno e veglia) che può servire in caso di addormentamento difficoltoso e si può somministrare dopo l’anno, per qualche mese.

 

Lo Spray Naturale per Far Dormire i Piccoli: Ricetta di Vita da Mamma


Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici