Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Cowgirl o Posizione Lei Sopra

Cowgirl o posizione lei sopra, ecco come la donna può prendere il comando tra le lenzuola e rendere il piacere (suo e del compagno) assolutamente massimo.

Federica Federico

di Federica Federico

25 Gennaio 2017

Quando la donna prende il controllo, sotto le lenzuola può cambiare tutto in una sola posizione! La chiamano cowgirl o posizione lei sopra e ha una lunga serie di varianti (tutte sperimentabili).

Uscire dagli schemi intimi può voler dire “cambiare la danza di coppia” e dare un nuovo ritmo alla vita a due. I benefici effetti di tutto questo possono essere portati anche fuori dal letto, nella comunicazione come nell’intesa quotidiana.

Le donne, soprattutto le madri che giorno dopo giorno sono chiamate a spendere innumerevoli energie fisiche nella gestione della loro famiglia, spesso trascinano nell’intimità col marito la loro stanchezza. Apatia e stanchezza sono nemiche giurate del rapporto di coppia, rischiano di abbattersi sull’intimità di marito e moglie come una slavina che gela tutto.

Basta una cowgirl a liberare una coppia di lungo corso dal rischio di rimanere intimamente pregiudicati dalla noia?

Certamente no! Oggi, però, vogliamo suggerirvi la coowgirl come pretesto per valutare quanto vi mettete in gioco nella vostra intimità e quanto ancora siete disposti a farlo.

cowgirl

Il primo segreto della vita di coppia è considerare il rapporto intimo come una possibilità di scoprisi ancora … ancora e di più, malgrado il tempo (anche il tanto tempo) passato insieme.

La routine è quanto di peggiore possa accadere a due anime che si amano, essa è una trappola.

L’intimità non dovrebbe mai cedere alla ripetizione, non dovrebbe mai avvenire per consuetudine e non dovrebbe mai essere un dovere o un compito.

Ma come dovrebbe essere allora l’incontro tra un uomo e una donna che condividono il letto da anni e magari sono diventati insieme e con amore una madre e un padre?

L’incontro di una coppia dovrebbe rimanere sempre appagante, voluto, colto, vissuto e innamorato.

 

Spesso le mamme si domandano “quante volte” sia giusto farlo, quale sia il numero perfetto per non considerare un rapporto a rischio o da ristrutturare con un po’ di passione. In realtà non conta il numero quanto, piuttosto, l’intensità e la forza di un rapporto. E conta, soprattutto, la gioia che dal rapporto consegue, ovvero la scia di benessere che arriva dopo e accompagna dolcemente un pizzico di vita.

 

Appagamento vuol dire piacere, questa corrispondenza è indiscutibile quando si parli di intimità.

La cowgirl riesce a garantire e sostenere il piacere femminile:

si stima che l’80% delle donne arriva al culmine del rapporto per stimolazione esterna, con questa tecnica è possibile controllare il proprio copro e le proprie pulsioni.

Molti esperti di coppia e intimità, come il dottor. Stephen Snyder, terapista, consigliano di scegliere posizioni capaci di garantire la gestione e il controllo del copro e del piacere.

Gestire se stessi è il modo migliore per provare appagamento e quindi massimizzare il trasporto verso l’altro, nonché l’interazione fisica e mentale col compagno.

Cowgirl vuol dire, materialmente, stare a cavalcioni sopra il compagno, è la posizione in cui la donna inverte la tecnica amorosa del missionario e “prende il comando”.

Poiché il bacino dell’uomo serva da perno per stimolare i punti critici della donna, la cowgirl non deve ritmare un movimento veloce, non deve accelerare il piacere altrui e nemmeno deve spingere da sola.

cowgirl

 

Il numero della cowgir sarà l’8.

La donna, per massimizzare il piacere, una volta salita al comando, deve fare ondeggiare il bacino con spinte lievi e deve rotearlo disegnando un 8 immaginario. Questa danza garantirà all’uomo come alla donna una partecipazione fisica, emozionata e piena

 

Nella posizione lei sopra o cowgirl, se l’uomo piega le gambe e lascia che la donna si sieda sulle sue mani sorreggendola con passione, le spinte, e con esse il ritmo, possono essere gestite un po’ dal maschio e un po’ dalla donna.

Alternare le spinte non serve solo a non stancarsi o a concentrarsi meglio su se stessi lasciando spazio al partner, alternare le spinte serve a comprendere e conoscere il ritmo dell’altro.

La cowgirl, che si può mettere in pratica non solo a letto ma anche su una sedia o sul divano, garantisce anche il contatto visivo. Con gli occhi una coppia dovrebbe sempre parlarsi, dovrebbe farlo persino mentre si sta parlando col corpo!

Quello che fa Impazzire gli Uomini ma NON Sempre Piace alle Donne

Leggi anche

Seguici