Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Santo del Giorno 24 Giugno: Giovanni

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

24 Giugno 2015

Santo del Giorno 24 giugno. Oggi si commemora San Giovanni Battista, primo apostolo di Gesù, e l’onomastico di chi si chiama così in suo onore.

Santo del giorno 24 giugno, storia e origini del nome

Il nome Giovanni in ebraico era Yehohanan, ovvero Yah abbreviazione di Yahweh (Geova, che nella tradizione ebraica è il nome di Dio) e hanan che vuol dire “ebbe misericordia”.

santo del giorno 24 giugno

Il nome significa “Che ebbe misericordia”, inteso come‘dono del Signore’  e veniva infatti dato ai bimbi attesi a lungo.

Giovanni battista è il santo della connessione tra Antico e Nuovo Testamento, essendo egli citato come profeta nel primo e come apostolo nel secondo.

La Chiesa lo considera al pari quasi con Maria, tanto da concedergli il ricordo nella liturgia non solo per la sua data di morte ma anche epr quella di nascita, ovvero il 24 giugno.

Di lui parla Luca nel suo vangelo, affermando che era nato da una famiglia di sacerdoti: Zaccaria il padre era compagno di Abia, e Elisabetta sua madre era discendente di Aronne.

Elisabetta non aveva avuto figli e un giorno mentre il marito era intento a fare offerte al Tempio gli comparve l’arcangelo Gabriele che gli annunciò la nascita di un bambino, che avrebbero chiamato Giovanni.

Pochi mesi dopo anche Maria ebbe la visita dell’arcangelo, che gli annunciava la nascita di Gesù.

Zaccaria nel frattempo aveva perso la voce per il prodigio della visione, e la riacquistò quando nacque suo figlio ad Ain Karin, poco distante da Gerusalemme.

Poco o nulla si sa dell’infanzia di Giovanni battista, salvo ritrovare sue notizie quando si volle ritirare, per obbedire alla sua missione, nel deserto da asceta.

Mangiava locuste, e si vestiva con peli di cammello e poco altro.

Intorno al 28-29 cominciò a fare proseliti lungo il Giordano, affermando che il regno del Messia stava per compiersi, e invitava alla conversione.

Lui stesso, per lavare dai peccati chiunque accorresse ad ascoltarlo e seguisse le sue parole immergeva le persone nelle acque del Giordano, le battezzava dopo che erano pentite, come a purificarle dai peccati. Ecco perché venne nominato Battista.

Lui stesso convinceva la gente, che accorreva come a voler credere che fosse l’atteso Messia, cone queste parole: “Io vi battezzo con acqua per la conversione, ma colui che viene dopo di me è più potente di me e io non sono degno neanche di sciogliere il legaccio dei sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco”.

Arrivò anche Gesù per ottenere il battesimo sulle rive del Giordano, e quando giovanni se lo vide innanzi pronunciò: “Ecco l’Agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato dal mondo….Io ho bisogno di essere battezzato da te e tu vieni da me?” rivolgendosi al Messia.

Gesù gli rispose e Giovanni lo battezzò, vedendo lo Spirito Santo scendere su di Lui.

Giovanni non indietreggiò mai davanti a nessuna battaglia, neanche quando, infuriato, inveì contro Erode Antipa, re d’Israele, per aver sposato in modo illegittimo la cognata Erodiade, moglie di suo fratello.

Erodiade odiava Giovanni per questo motivo, al punto che convinse il re ad imprigionarlo, ma avendo Erode una grande stima in Giovanni, lo scarcerò dopo poco.

Erodiade però ebbe la sua vendetta contro l’uomo una sera ad un banchetto per il compleanno del re: alla festa danzò per il sovrano la figlia di Erodiade , Salomè, che era bellissima.

Colpito dalla bellezza Erode le promise che avrebbe acconsentito ad ogni suo desiderio.

Fu così che Salomè, su suggerimento della madre, chiese la testa di Giovanni Battista.

Giovanni venne decapitato, e la sua testa portata su un vassoio alla donna, che la diede poi alla madre.

Il culto di Giovanni Battista si diffuse in Oriente e Occidente.

Oggi è patrono di moltissime città come Torino, Firenze, Genova, Ragusa, ecc.

Anche le sue reliquie ebbero una storia travagliata: il corpo venne sepolto in Samaria, ma il sepolcro profanato e bruciato.

Nel 1098 al tempo delle crociate le sue ceneri vennero portate a Genova e oggi sono nella cattedrale di San Lorenzo.

La testa sembra essere conservata sia a Roma che ad Amiens.

Giovanni Battista è il santo più raffigurato di sempre e da moltissimi artisti come Raffaello, Leonardo ecc.

Curiosità per chi porta il nome del santo del giorno 24 giugno

Il nome è talmente diffuso che già un suo coetaneo, Giovanni Evangelista, aveva preso il suo nome.

Oggi è il 4° nome più diffuso in Italia, ed è presente in molte varianti sia nei paesi latini che anglosassoni.

 

Chi porta questo nome è una persona insaziabile e curiosa.

Ambizioso e dotato di grande simpatia, ha un carattere impulsivo, e la sua compagnia è sempre molto apprezzata.

Attenzione però, che proprio per i suoi slanci e il suo carattere contradditorio potrebbe rivelarsi ostile in un giorno “no”.

  • Il suo numero è il 2
  • Il suo colore il giallo
  • La sua pietra il Topazio

 

Moltissimi sono anche i personaggi famosi che portano questo nome: Giovanni Paolo II, Giovanni XXIII, Giovanni Trapattoni, Giovanni Floris, Giovanni Giolitti, e ancora altri.

 

Altri santi celebrati oggi: santi Giovanni e Festo; san Simplicio; santi Agoardo, Agliberto e compagni; san Rumoldo; san Teodolfo; san Gontrano; san Teogaro; san Giuseppe Yuan Zaide.

Leggi anche

Seguici