Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Padre Tossicodipendente si Buca Vicino al Figlio (VIDEO)

Padre tossicodipendente si inietta eroina davanti al figlio in passeggino

Gioela Saga

di Gioela Saga

18 Dicembre 2015

Pensando alla maternità o alla paternità ci scorrono davanti immagini liete, che infondono tenerezza e amore, mai accosteremmo la visione di un padre che compie un gesto terribile, autolesivo e, per giunta, in modo totalmente insensibile e freddo, davanti al proprio figlio, come invece le telecamere delle forze dell’ordine hanno immortalato qui, dove un padre tossicodipendente si inietta droga davanti al figlio in passeggino.

Padre tossicodipendente si buca davanti al figlio, un’immagine sconcertante e dolorosa

padre tossicodipendente si buca davanti al figlio

Malgrado una realtà che a volte non è scevra da disagi e difficoltà e che spesso non si riesce ad affrontare nel modo giusto, ci piace pensare che l’arrivo di un figlio sia l’occasione anche per poter reagire, riprendere in mano la propria vita per poter dare un destino ed un esempio diverso al bambino che è nato e che guarda ai genitori con animo e occhi innocenti, carichi di speranze e aspettative.

Se il percorso intrapreso è discutibile, un figlio dovrebbe cambiare l’ottica di vedere ed interpretare se stessi e le scelte fatte alla luce di chi si ama, almeno dovrebbe essere così… La noncuranza invece con cui questo padre procede nella sua autodistruzione di fronte al bimbo, inconsapevole e attonito spettatore, è agghiacciante.

Una realtà malata dietro il padre tossicodipendente che si inietta droga davanti al figlio

padre tossicodipendente si buca davanti al figlio

Purtroppo questa immagine è solo lo specchio dell’apice di ciò che si sono trovati a visionare i carabinieri di Torino, un’immagine emblematica e scioccante tra le tante riprese nel corso di un’indagine sullo spaccio di droga nel capoluogo piemontese.

Le forze dell’ordine, a seguito di mesi di indagini dal giugno scorso, attraverso l’installazione di telecamere, appostamenti e altri mezzi investigativi, hanno individuato un giro di droga imponente e sequestrato quasi 500 dosi tra eroina e cocaina provvedendo a ben 14 arresti e cinque misure cautelari.

In tutto questo scenario di degrado, un bimbo di pochi mesi assiste, sicuramente senza neppure rendersi conto, ad una scena da brividi. Forse è stata proprio questa sua inconsapevolezza ad indurre il padre tossicodipendente a non curarsi di lui o forse poco importava…chissà…

E’ anche sconcertante pensare al pericolo corso dal piccolo a seguito di questo evento dramamtico, visto che una persona in uno stato mentale alterato da droghe potrebbe compiere qualsiasi azione o non avvertire più nessun tipo di inibizione o senso del pericolo e dunque esporre il bambino a qualsiasi tipo di situazione possibilmente rischiosa a vari livelli.

Un vero supermarket della droga quello scoperto e smascherato dai carabinieri che trascina con sé il destino di molte persone tra cui questo padre tossicodipendente.
Gli incontri avvenivano in zona Porta Palazzo ed erano gestiti da un gruppo di etnia africana che poteva contare su una cinquantina di clienti quotidiani di diversa estrazione: studenti, operai ma anche liberi professionisti, che si rifornivano abitualmente presso lo stand di spaccio a cielo aperto detenuto da quella che è stata soprannominata dagli inquirenti “la banda degli invisibili”.
Una situazione questa che purtroppo pare non sia isolata e fa stringere il cuore pensare che coinvolga anche bambini che non hanno colpa e meriterebbero di avere accanto genitori che rimbocchino loro le coperte e sappiano trasmettere amore.
Video:
Fonte: Rainews

Leggi anche

Seguici