Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Pelle del Neonato Delicata? Ecco Quali Prodotti Usare

Pelle tendente all’arrossamento, derma macchiato o facilmente irritabile: la cute ultrasensibile del bambino reagisce facilmente agli stimoli con rossori e irritazioni. Pretende di essere nutrita e curata per normalizzarsi e rinforzarsi.

Anna Pannico

di Anna Pannico

19 Ottobre 2016

E’ importante riservare alla pelle del neonato un trattamento specifico poiché la maggiore sensibilità la rende completamente diversa dal derma degli adulti.

 

 

Nella cura della cute del bambino è essenziale  privilegiare quei prodotti che non contengono agenti irritanti e che rispettano la composizione delicata del derma infantile.

 

 

E’ necessario proteggere la pelle delicata dei bebè poiché, nei primi anni di vita, essa non assolve completamente al ruolo di barriera contro le aggressioni esterne.

 

A livello fisiologico la pelle del neonato ha una struttura del tutto differente dalla cute adulta: i tessuti epiteliali non sono ancora in grado di svolgere pienamente ogni funzionalità.

Questo spiega perché la pelle del bambino è più vulnerabile agli attacchi esterni e maggiormente esposta ad irritazioni cutanee.

Pelle del neonato

Si rende necessario quindi, attraverso l’impiego di prodotti ideati per la pelle delicata del bambino, contribuire alla creazione di uno scudo protettivo che divenga capace di garantire un’adeguata difesa all’organismo.

 

I sintomi della pelle delicata sono arrossamenti e macchie cutanee che si risolvono spontaneamente e in poche ore.

Le macchie da ultrasensibilità non sono gonfie come ponci e non presentano secrezioni, non trasudano e non sono dolorose.

 

L’utilizzo di prodotti specifici per la pelle delicata non va assolutamente sottovalutato e deve investire tutte quelle azioni quotidiane che riguardano l’igiene e l’idratazione della pelle del neonato.

 

Dare la giusta attenzione ai prodotti aiuta a non pregiudicare il benessere del bambino, evitando che la cute subisca problematiche più o meno gravi. Ha, quindi, un’azione preventiva tesa ad evitare arrossamenti, irritazioni e alterazioni della cute.

 

Le azioni che scandiscono la quotidianità di un neonato sono le stesse attraverso le quali bisogna assicurare alla pelle delicata l’apporto dei nutrienti di cui necessita, a partire da bagnetto. Per il neonato questo è uno degli appuntamenti quotidiani più importanti, non solo perché deterge la pelle, ma anche perché ricorda al piccolo la vita nella pancia della mamma.

 

Ai fini di una corretta protezione è importante utilizzare prodotti studiati per la pelle delicata del neonato, ad esempio i detergenti senza sapone.

Sono particolarmente indicati per il trattamento della pelle sensibile i prodotti all’avena, efficaci grazie ad una potente azione detergente che cura la pelle senza provocare alterazioni, a partire dal ph.

Anche i detergenti a base di calendula sono indicati per la pelle delicata del bebè, date le caratteristiche della pianta. V

anno evitati i prodotti che contengono siliconi, profumi e parabeni. Privilegiate sempre quelli a base di ingredienti naturali, come ad esempio i prodotti a marchio Mustela.

 

Quanto detto vale in senso generale, se la pelle del bambino presenta delle problematiche (specifiche o patologiche) potrebbe essere richiesto l’impiego di prodotti ancor più mirati.

L’osservazione della cute del bebè è una responsabilità della mamma: se difetti cutanei anche comuni non scompaiono con le giuste cure casalinghe, se la cute è lesionata, se il bebè è soggetto a rush cutanei dolorosi o pruriginosi, se il derma presenta pustole pruriginose o macchie trasudanti oppure cariche di pus è sempre bene consultare il pediatra.

 

Quando la pelle del neonato è particolarmente sensibile, anche i prodotti per il cambio vanno scelti con la debita cautela.

 

Nella zona pannolino la pelle è esposta agli arrossamenti causati dall’umidità, dal contatto con urina e feci e dallo sfregamento del pannolino stesso. Anche l’utilizzo di prodotti poco adeguati può essere causa di irritazioni. Al momento del cambio il sederino va pulito con un fluido detergente, un latte di toilette oppure delle salviette specifiche per questa azione (il risciacquo è sempre consigliato). Anche in questo caso preferite sempre prodotti naturali che abbiano un’ azione emolliente sulla pelle delicata.

 

Per prevenire gli arrossamenti da pannolino è buona abitudine applicare una pasta protettiva, sono particolarmente adatte le creme a base di calendula. Difatti, tra le proprietà maggiormente riconosciute alla pianta, vi sono quelle lenitive che la rendono adatta alla cura delle infiammazioni della pelle sensibile. In alternativa vi sono le paste con ossido di zinco, efficaci per la cura delle dermatiti da pannolino.

 

Nei primi anni di vita l’acerba struttura dell’epidermide non assicura la giusta quantità di liquidi necessari ad idratare la pelle. Per questo motivo essa molto spesso si presenta secca e screpolata, bisognosa della giusta idratazione che, a livello fisiologico, non avviene completamente.

 

Per un’idratazione quotidiana della pelle sensibile sono adatti gli oli puri spremuti a freddo (ad esempio l’olio di mandorle dolci, di avocado, di argan) meglio ancora se biologici, così non solo si limita il rischio di contatto con sostanze chimiche nocive, ma si nutre la pelle delicata del bambino con le vitamine di cui ha bisogno. Grazie alla loro azione emolliente gli oli lasciano la pelle morbida e setosa e, se applicati con un massaggio, sono anche occasione “di coccole” tra la mamma e figlio.

 

Autore Foto: tata99may – Fotolia.com



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!

Seguici