Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

La leggenda della Croce di Gesù, da raccontare ai bambini

La leggenda della Croce di Gesù racconta la sofferenza corale del mondo dinnanzi al supplizio del figlio di Dio. La natura ha risposto al suo dolore e alla resurrezione.

Federica Federico

di Federica Federico

17 Aprile 2019

Molti degli insegnamenti che trasmettiamo ai nostri bambini mescolano tradizione e leggenda e molte leggende hanno a che fare con amore, morte e sofferenza, elementi topici della vita e capaci di esprimerne il valore. Anche la leggenda della Croce di Gesù ha a che fare con questi elementi e li presenta ai bambini sintetizzando una morale estremamente condivisibile:

 

il dolore altrui può travolgerci e cambiarci, questo dimostra che ciascuno di noi è parte di un tutto in continuo divenire e in costante comunicazione. Dobbiamo amare per trasmettere amore, allo stesso modo dobbiamo rifiutare il male per non esserne sopraffatti.

 

Secondo la leggenda, gli alberi usati per costruire le croci erano alti e imponenti, dal legno duro e inflessibile, erano gli alberi di Corniolo. A vederli oggi, però, questi alberi sono bassi, per niente maestosi, con rami sottili e intrecciati su se stessi, per niente rigidi né forti. Al Corniolo è accaduto di essere stato travolto dal dolore del Cristo sulla croce e per questo ha mutato la sua forma e il suo aspetto.

 

leggenda della croce di Gesù

La leggenda della Croce di Gesù – Fonte immagine 123RF con licenza d’uso

 

Quando il Cristo fu condannato a morte, venne ordinato l’abbattimento di un Corniolo per costruire la Croce di Gesù

 

La leggenda vuole che la Croce del figlio di Dio abbia accusato il dolore del Cristo e lo abbia comunicato ai suoi progenitori, cioè a tutti gli alberi di Corniolo.

 

Mentre Gesù moriva questi alberi parteciparono al suo dolore piegandosi su se stessi, contorcendo i rami e perdendo forza e vigore.

 

Questa metamorfosi avrebbe sottratto gli alberi della Croce di Gesù da un triste destino, ovvero quello di produrre altre croci e altre morti.

 

Nel giorno della resurrezione di Cristo i Cornioli, piccoli e contorti, sarebbero tutti fioriti rappresentando il potere della rinascita e della vita.

 

leggenda della croce di Gesù

La leggenda della Croce di Gesù – Fonte immagine 123RF con licenza d’uso

 

Ma la leggenda della Croce di Gesù racconta il vero? Il legno proveniva veramente da un albero così minuto e contorto?

 

In tutto il mondo vi sono scaglie e frammenti di legno che si fregiano di essere pezzettini della Croce del Cristo, l’autenticità non è comprovata e i legni sembrano provenire da alberi diversi sempre possenti, come il cipresso, il cedro o il pino. Questo certamente dimostra che quella del Corniolo è solo una leggenda, tuttavia non toglie ad essa il suo valore simbolico:

 

la resurrezione di Gesù è esempio di trionfo positivo della vita.

 

Attraverso l’interpretazione di questa leggenda i bambini possono comprendere che il mondo ci accoglie e non ci è estraneo, la natura vive con noi e risente del nostro essere, l’amore realizza un equilibrio che il male altera.

 

Vista così la Pasqua e la resurrezione di Cristo assumono un senso che può essere condiviso da tutti, può essere anche laicamente condivisibile: Pasqua è fioritura della vita, espressione di rinascita e riconciliazione col mondo.

 

Leggi anche

Seguici